Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Politica

A Fortezza una mozione per le energie «pulite». Prossimo dibattito in Consiglio Comunale

Pubblicato

-

Pubblicità


Pubblicità

Verrà discussa il 25 luglio, in consiglio comunale a Fortezza, una mozione presentata da Fratelli d’Italia, per la realizzazione della (forse) prima “comunità energetica dell’Alto Adige.

Lo studio, su questa forma di cooperazione-utilizzo-produzione, non ê nuovissimo: da due anni al NOI Techpark dell’Eurac di Bolzano la sperimentazione va avanti con esiti positivi. Il 18 marzo di quest’anno, all’apparire del Decreto Milleproroghe, i vertici del Raiffeisenverband Südtirol, di Alperia e di Regalgrid hanno sottoscritto un protocollo d’intesa in tal senso.

Le tre organizzazioni condividono in esso l’obbiettivo comune di dare impulso alla costituzione di comunità energetiche in forma cooperativa. Nel documento sottoscritto dai tre più importanti gruppi di produzione e gestione energetica della provincia, vengono definiti i ruoli delle parti coinvolte e le modalità di collaborazione. In tal modo potrà essere garantito, d’ora in poi, adeguato supporto a tutti i cittadini interessati alla realizzazione di idee e progetti, che consentano loro di partecipare in modo attivo alla transizione energetica, grazie, appunto, allo strumento delle comunità energetiche.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

La proposta, tramutata in mozione dal gruppo di Fratelli d’Italia, nasce dalla spinta di alcuni cittadini, ambientalisti per vocazione, più che per propensioni ideologiche e politiche. E da questi, nasce anche lo studio delle reali possibilità che la legge offre e l’idea, che sarà discussa durante la prossima riunione del consiglio comunale a Fortezza.

Che questa proposta possa venire accettata da una maggioranza che da sempre ha dimostrato di voler detenere a tutti i costi il monopolio delle idee è una chimera. Soprattutto nella concretezza della mozione di cui si è fatto portavoce Fratelli d’Italia : “…che il Comune si faccia parte diligente ed anticipando, per una volta, le problematiche che tutti si attendono nel prossimo futuro, si ponga alla testa di un progetto “nuovo” per l’Alto Adige: la realizzazione in paese di una comunità energetica, ovvero, detto in soldoni, che cittadini, privati o gestori di locali o addirittura strutture pubbliche, si riuniscano e con (ad esempio, ma non solo) pannelli fotovoltaici, già esistenti o da installare sui tetti delle case creino una solta di “cooperativa” per la produzione di energia”.

Il decreto, entrato nello specifico con le direttive del recente giugno scorso infatti, definisce il concetto e spiega come le comunità energetiche sono soggetti giuridici autonomi basati sulla partecipazione aperta e volontaria, controllati da soci o membri situati nelle vicinanze degli impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili appartenenti alla comunità stessa.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

L’idea portata al tavolo della discussione dal consigliere d’opposizione Linda Franchino, (foto)è quella di porre in atto quanto previsto dall’articolo 42 bis del Decreto Milleproroghe, che introduce l’autoconsumo collettivo e la creazione di Comunità Energetiche Rinnovabili (CER), dando così vita a nuove opportunità per perseguire la transizione energetica verde, equa e democratica.

Secondo quanto previsto dal Decreto, con le Comunità energetiche rinnovabili si avvia una stagione di sperimentazione all’insegna dell’innovazione tecnologica e socio-economica. Attraverso la produzione e la condivisione di energia rinnovabile, i territori con i loro cittadini e le loro imprese diventano i protagonisti di un nuovo sistemo elettrico decarbonizzato, decentrato e democratico che porterà, se attuato, benefici ambientali, economici e sociali.

Va detto, per inciso, che sono già moltissime le comunità, i paesi, grandi e piccoli in Piemonte, Liguria, Lombardia, Veneto, Sardegna e Puglia (tanto per citare), che hanno adottato questa forma cooperativa per tendere all’indipendenza energetica, riducendo comunque in maniera significativa i costi delle bollette. Nella mozione presentata da Franchino, si precisa come alle comunità energetiche rinnovabili possano partecipare persone fisiche, piccole-medie imprese o enti locali comprese le amministrazioni comunali.

D’accordo, Fortezza non è certo il paese più soleggiato del mondo, ma le timide iniziative nel dotare, ad esempio di pannelli fotovoltaici il rinnovato pluriuso, e quelli di un imprenditore locale, che ha installato su un prato una ventina di pannelli per produrre corrente elettrica, fanno comprendere, dato lo scenario attuale e le previsioni future, quanto l’ipotesi sia valida, visto che l’obiettivo è quello di fornire benefici ambientali, economici e sociali ai membri e alle aree locali e che il Comune ha dovuto abbandonare in passato la possibilità di realizzare una centrale idroelettrica sul Rio Vallaga a Mezzaselva, con l’obiettivo di alleggerire le spese di Comune e cittadini. Insomma l’idea ritorna, con nuove modalità. La proposta sarebbe sensata anche se, solitamente, ad Svp e compagni non piace dar ragione a “quelli di centro-destra”. Vedremo il 25 giugno come andrà a finire.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Vita & Famiglia4 settimane fa

Peppa Pig. Pro Vita Famiglia: RAI non trasmetta episodio con “due mamme”

Bolzano3 settimane fa

Giorgia Meloni sabato pomeriggio a Bolzano

Italia ed estero3 settimane fa

Morta la regina Elisabetta, aveva 96 anni. Fine del regno più lungo della storia

Bolzano4 settimane fa

Benno Neumair in aula: tanta arroganza e poca chiarezza

Alto Adige4 settimane fa

Sanità: formati dodici nuovi medici di medicina generale

Merano4 settimane fa

Il Vice Questore aggiunto Carlo Casaburi è il nuovo dirigente del Commissariato di P.S. di Merano

Bolzano4 settimane fa

Bolzano, arrestato dalla Squadra Mobile un rapinatore seriale

Laives3 settimane fa

Tragico scontro auto – moto che prendono fuoco, due morti

Val Pusteria4 settimane fa

Incidente in moto nel tardo pomeriggio di ieri sulla strada tra Brunico e Falzes

Bolzano5 giorni fa

Bolzano, pessime condizioni igienico sanitarie e presenza di stupefacenti: disposta la chiusura del “Bar Ristoro Baccio” in via Milano

Bolzano4 settimane fa

Furto del monopattino elettrico, subito individuati dalla Polizia di Stato ladro e ricettatore

Bolzano4 settimane fa

Minacce di morte in una lettera anche ad Alessandro Urzì e Alessia Ambrosi

Merano4 settimane fa

L’ex magistrato Gherardo Colombo e il collettivo Guerrilla Spam protagonisti del secondo appuntamento di Generazioni 2022

Bolzano3 settimane fa

Buoni pasto COVID-19 indebitamente percepiti: i Carabinieri sanzionano più di 300 persone

Alto Adige4 settimane fa

Comunità energetiche, forma innovativa di cooperazione

Archivi

Categorie

di tendenza