Connect with us

Economia e Finanza

A22, l’Austria vuole bloccare anche i Tir Euro 6. CNA Fita: “Ignorate Ue e rimostranze italiane”

Pubblicato

-

L’Austria, incurante delle raccomandazioni dell’Unione europea e ancor meno delle rimostranze dirette di altri Paesi confinanti come l’Italia, intende allargare il divieto settoriale in vigore dal 2016 per i veicoli industriali con massa complessiva superiore a 7,5 tonnellate in alcune fondamentali arterie di attraversamento”.

Lo afferma la CNA Fita del Trentino Alto Adige, la categoria dell’autotrasporto in regione, che, dopo aver preso visione della bozza di ordinanza austriaca trasmessa al Governo italiano, propone misure alternative, mentre la CNA regionale lancia l’allarme anche per i danni che, in prospettiva, subirebbero tutte le aziende che utilizzano furgoni.

In particolare, il divieto ora vigente per i veicoli industriali con motori Euro 3, Euro 4, Euro 5, dal 1° Ottobre 2019, sarà esteso anche ai veicoli Euro 6 e verranno inserite ulteriori tipologie di merci.

L’Austria – spiega Piero Cavallaro, referente CNA Fita Trentino Alto Adige – motiva l’iniziativa facendo riferimento alle problematiche relative alla qualità dell’aria e lamentando che l’utilizzo dell’autostrada viaggiante, ovvero il traffico combinato accompagnato su rotaia, è regredito molto a tutto vantaggio del trasporto su strada e, contestualmente, i rinnovi del parco veicolare hanno portato ad un forte incremento dei veicoli Euro 6 che attualmente usufruiscono della deroga.

Alla luce dello studio BrennerLEC, i divieti disposti dall’Austria sembrano sempre di più una misura protezionistica a tutela degli autotrasportatori austriaci, rispetto alla normale concorrenza degli operatori dei Paesi confinanti, anziché provvedimenti legati alla salvaguardia dell’ambiente”.

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha chiesto alle associazioni di categoria di fornire osservazioni in merito alle argomentazioni austriache che vorrebbero giustificare l’ulteriore estensione del divieto.

Le osservazioni di CNA Fita Trentino Alto Adige tengono conto dello studio condotto nell’ambito del progetto BrennerLEC, reso noto da Autobrennero a fine dicembre dello scorso anno, sulle emissioni di ossidi di azoto da parte delle diverse tipologie di mezzi.

Grazie a questo studio – sottolinea Cavallaro – sappiamo che il ricambio dei veicoli pesanti è talmente rapido che il 70% dei camion è attualmente di classe Euro 5 o Euro 6. I veicoli leggeri, che possono viaggiare ad una velocità superiore ai 100 kmh, sono responsabili del 46% delle emissioni di NOx. Autotreni, autoarticolati e camion sopra le 12 tonnellate incidono per il 36%.

I furgoni non superano l’8%. Gli autobus si fermano al 7%. I camion tra 3,5 e 12 tonnellate incidono appena per il 3%. I divieti di transito per i veicoli pesanti non porteranno i risultati previsti ma danneggeranno l’economia e l’intera categoria dell’autotrasporto, in mancanza di alternative efficienti ed efficaci come il trasporto su rotaia.

Sono necessarie altre misure da concordare con l’Ue e i Paesi confinanti, come nuovi limiti di velocità ed incentivi per il ricambio del parco veicolare favorendo i veicoli a GNL”.

Claudio Corrarati, presidente della CNA Trentino Alto Adige, aggiunge: “Oltre alla situazione dell’autotrasporto, è necessario tenere in considerazione tutte le aziende, molte delle quali artigiane, che utilizzano furgoni per lavorare o per il trasporto e la consegna di merci.

Se l’Austria mettesse in atto il divieto di transito per veicoli diesel Euro 6, ed altri Paesi adottassero analoghe misure, la totalità dei mezzi delle imprese non potrebbe circolare. Non esistono altre alternative, perché i veicoli elettrici non hanno ancora sufficiente autonomia e i veicoli a GNL non hanno ancora una gamma completa per le esigenze delle piccole aziende.

È indispensabile incidere molto di più sulla mobilità legata al turismo, che deve essere spostata sui mezzi pubblici e meno inquinanti come treni e autobus, oltre a rilanciare una volta per tutte l’aeroporto. Più in generale, nelle città e nei comprensori turistici occorre scoraggiare l’utilizzo individuale dei veicoli, consentendolo solo a chi usa i mezzi aziendali per lavorare”.

NEWSLETTER

Archivi

  • Il Regno Unito tutela le aziende assicurate: le polizze pagano danni per interruzione attività
    Dopo numerose controversie legali, nel Regno Unito saranno circa 370 mila le aziende che, avendo stipulato un’assicurazione potrebbero ricevere rimborso per l’interruzione di attività. In tutta Europa, i provvedimenti emanati per il contenimento della pandemia... The post Il Regno Unito tutela le aziende assicurate: le polizze pagano danni per interruzione attività appeared first on Benessere […]
  • “Nuove imprese a tasso zero”: agevolazioni e contributi a donne e giovani
    Il Ministero dello Sviluppo Economico sosterrà giovani e donne che vogliono avviare nuove imprese, attraverso finanziamenti agevolati a tasso zero. Recentemente è stata pubblicata la circolare dello stesso Ministero che definisce i termini e le... The post “Nuove imprese a tasso zero”: agevolazioni e contributi a donne e giovani appeared first on Benessere Economico.
  • Trasformare l’azienda in Società Benefit per migliorare appeal commerciale
    La recente situazione pandemica sta avendo un impatto travolgente sui mercati e sull’economia generale, mettendo in discussione il ruolo stesso dell’azienda che dovrà necessariamente evolversi per assecondare nuove variabili. L’attuale situazione economica: In questo contesto,... The post Trasformare l’azienda in Società Benefit per migliorare appeal commerciale appeared first on Benessere Economico.
  • WORKATION – Lavoro vista mare o monti
    Il nuovo trend che interessa anche gli operatori del ricettivo Mare, montagne, lago, acqua, natura. Chi non sogna di lavorare stando in vacanza? Pensate ad una riunione vista Dolomiti, ad una pausa pranzo in un... The post WORKATION – Lavoro vista mare o monti appeared first on Benessere Economico.
  • I FIL GOOD – Alla ricerca della Felicità Interna Lorda, il paradigma del futuro
    Che i soldi non facciano la felicità è probabilmente vero, ma è altrettanto inconfutabile che siano un potente rilassante. Nel nostro mondo dominato dalla cultura capitalistica, il denaro è diventato una pietra angolare della struttura... The post I FIL GOOD – Alla ricerca della Felicità Interna Lorda, il paradigma del futuro appeared first on Benessere […]
  • Vaccinazioni sui luoghi di lavoro: cosa prevede il Protocollo
    Le registrazioni nei corridoi, i box per le somministrazioni nelle sale riunioni: il protocollo firmato al Ministero del Lavoro da Confidustria e organizzazioni sindacali declina le possibilità del vaccino sui luoghi di lavoro. Il documento... The post Vaccinazioni sui luoghi di lavoro: cosa prevede il Protocollo appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus cultura 2021: 500 euro a tutti i neo 18enni, come funziona
    Anche per quest’anno è stato confermato il bonus cultura di 500 euro per tutti i neo 18enni nati nel 2002, ed erogato dallo Stato per l’acquisto di musica, corsi online, libri ed altre attività culturali.... The post Bonus cultura 2021: 500 euro a tutti i neo 18enni, come funziona appeared first on Benessere Economico.
  • FMI: “ tassare redditi alti e grandi patrimoni per sostenere ripresa economica”
    Il Fondo Monetario Internazionale propone la sua ricetta per aiutare i Paesi da uscire dalla crisi economica, suggerendo una tassa di solidarietà per finanziare le spese e i sostegni necessari a combattere la crisi. All’interno... The post FMI: “ tassare redditi alti e grandi patrimoni per sostenere ripresa economica” appeared first on Benessere Economico.
  • Riscatto laurea, una possibilità per anticipare la pensione: modalità e costi
    Il nostro ordinamento consente di sfruttare il periodo universitario attraverso il riscatto di laurea che prevede di riscattare i contributi dei corsi a fini pensionistici. Nonostante questa possibilità esista da molti anni con costi particolarmente... The post Riscatto laurea, una possibilità per anticipare la pensione: modalità e costi appeared first on Benessere Economico.
  • Trasformarsi in mense aziendali: una possibilità per ristoranti e bar di lavorare
    Nonostante le zone rosse e arancioni, per bar e ristoranti si apre una piccola speranza con la possibilità di svolgere servizio di mensa per le zone limitrofe. Come noto la conferma della divisione del Paese... The post Trasformarsi in mense aziendali: una possibilità per ristoranti e bar di lavorare appeared first on Benessere Economico.

Categorie

di tendenza