Connect with us

Alto Adige

A22, MIT: “Da Enti locali passi indietro e richieste non conformi a regole Art e UE. Si valuta gara”

Pubblicato

-

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, in questi mesi, ha lavorato duramente e lungamente, anche in dialogo con la Commissione europea e in stretta collaborazione con gli enti pubblici interessati, per garantire che la concessione dell’A22 rimanesse in mano pubblica, e, anzi, fosse affidata a una in house al 100% per ulteriori 30 anni.

La Commissione europea aveva posto come precondizione un controllo analogo più incisivo da parte del Mit rispetto ai compiti istituzionalmente affidati in qualità di concedente, e l’Autorità di regolazione dei trasporti aveva indicato delle regole a cui attenersi in merito ai profili tariffari.

Sono stati, questi, mesi di trattative e di incontri con le parti interessate, in cui il Ministero ha messo in campo ogni sforzo per raggiungere un obiettivo oggettivamente preferibile per la collettività: affidare la gestione dell’Autostrada del Brennero agli enti locali, reinvestire gli utili sul territorio e garantire pedaggi più bassi.

È dunque con rammarico che si rileva come sia da ultimo arrivato dai soci pubblici interessati un nuovo piano economico-finanziario ed il correlato piano finanziario regolatorio che smentiscono tutti i passi avanti fatti finora.

Un Pef e un Pfr che l’Autorità dei trasporti, in una nota trasmessa al Ministero, sottolinea essere in contrasto con quanto affermato dalla Regione Trentino-Alto Adige nel documento dell’11 marzo 2019 e non conformi alle regole della stessa Autorità.

Peraltro, nell’ultimo Pef presentato, il fabbisogno finanziario totale, come fa rilevare anche Art, è stato calcolato anche includendo ulteriori, rilevanti ed inediti impegni finanziari, che hanno come impatto l’impossibilità di assicurare la bancabilità del Pef stesso e, come tale, esso è inaccettabile da parte del Mit.

Inoltre il nuovo Piano finanziario inviato dagli enti pubblici territoriali prevede una drastica riduzione del futuro livello di traffico, che incide negativamente sulla tariffa di pedaggi, determinando un maggiore costo a carico degli utenti finali. Vanificando, dunque, una delle finalità prioritarie dell’accordo, teso a ridurre l’onere a carico della collettività.

In aggiunta, strumentalmente, la Regione Trentino Alto Adige, con lettera del 13 marzo scorso, ha riproposto modifiche all’articolato convenzionale, in merito al ruolo del Comitato di indirizzo e di coordinamento, incompatibili con le prescrizioni formulate in merito dalla Commissione europea.

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti auspica, dunque, che si possa tornare a ragionare con le parti in causa, con i presupposti a cui sembrava si fosse di comune accordo arrivati, su una concessione totalmente in house.

Se così non fosse – si legge in una nota – considerata l’impossibilità tecnico-giuridica di derogare ai pareri rilasciati dall’Art e dalla Commissione Ue, e considerata l’urgenza per la collettività di affidare la concessione della A22, scaduta il 30 aprile 2014, la Direzione preposta del Mit sarà obbligata per non incorrere in una procedura di infrazione comunitaria, ad avviare le procedure di gara per l’individuazione del nuovo concessionario“.

Pubblicità
Pubblicità

Alto Adige

Donna investita a Vilpiano: automobilista omette il soccorso e fugge. Identificato

Pubblicato

-

Brutto incidente ieri sera (22 marzo) a Vilpiano, poco dopo l’uscita della Mebo, dove una donna albanese di 42 anni residente a Nalles è stata investita sulle strisce pedonali da un furgone.

La donna stava attraversando la strada in una zona buia quando è stata travolta dal grosso mezzo.

L’investitore è un altoatesino di 48 anni che non si è fermato a soccorrerla: l’uomo è stato successivamente identificato dai carabinieri.

A chiamare l’ambulanza alcuni passanti. Quando è arrivata al San Maurizio la 42enne aveva un trauma cranico. E’ stata ricoverata in condizioni medio-gravi ma non sarebbe in pericolo di vita.

Sulla vicenda indagano ora i militari dell’Arma.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Alto Adige

Auto si cappotta a Velturno in zona artigianale: grave un 37enne

Pubblicato

-

Grave incidente oggi pomeriggio (22 marzo) intorno alle 16.30 in zona artigianale a Velturno, dove un uomo di 37 anni ha perso il controllo della sua auto cappottandosi.

Il conducente è stato elitrasportato in gravi condizioni all’ospedale di Bolzano.

Sul posto i vigili del fuoco volontari di Velturno/Chiusa, la Croce Bianca di Chiusa e i Carabinieri di Bressanone.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Merano

Merano: Utta Haslinger festeggia il suo 100° compleanno

Pubblicato

-

Presso la casa di riposo Bethanien la meranese Utta Haslinger ha di recente festeggiato le sue 100 primavere.

La signora Haslinger, nata a Vienna, si è trasferita in riva Passirio assieme ai genitori quando ancora era bambina. Dal 1998 è ospite della casa di riposo evangelica Bethanien, dove l’altro giorno ha festeggiato il suo centesimo compleanno.

L’assessore agli affari sociali Stefan Frötscher le ha fatto visita per consegnarle un omaggio floreale e per congratularsi con lei a nome dell’intera amministrazione comunale.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Metti un like

Archivi

Categorie

di tendenza