Connect with us

Alto Adige

A22, MIT: “Da Enti locali passi indietro e richieste non conformi a regole Art e UE. Si valuta gara”

Pubblicato

-

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, in questi mesi, ha lavorato duramente e lungamente, anche in dialogo con la Commissione europea e in stretta collaborazione con gli enti pubblici interessati, per garantire che la concessione dell’A22 rimanesse in mano pubblica, e, anzi, fosse affidata a una in house al 100% per ulteriori 30 anni.

La Commissione europea aveva posto come precondizione un controllo analogo più incisivo da parte del Mit rispetto ai compiti istituzionalmente affidati in qualità di concedente, e l’Autorità di regolazione dei trasporti aveva indicato delle regole a cui attenersi in merito ai profili tariffari.

Sono stati, questi, mesi di trattative e di incontri con le parti interessate, in cui il Ministero ha messo in campo ogni sforzo per raggiungere un obiettivo oggettivamente preferibile per la collettività: affidare la gestione dell’Autostrada del Brennero agli enti locali, reinvestire gli utili sul territorio e garantire pedaggi più bassi.

Pubblicità
Pubblicità

È dunque con rammarico che si rileva come sia da ultimo arrivato dai soci pubblici interessati un nuovo piano economico-finanziario ed il correlato piano finanziario regolatorio che smentiscono tutti i passi avanti fatti finora.

Un Pef e un Pfr che l’Autorità dei trasporti, in una nota trasmessa al Ministero, sottolinea essere in contrasto con quanto affermato dalla Regione Trentino-Alto Adige nel documento dell’11 marzo 2019 e non conformi alle regole della stessa Autorità.

Peraltro, nell’ultimo Pef presentato, il fabbisogno finanziario totale, come fa rilevare anche Art, è stato calcolato anche includendo ulteriori, rilevanti ed inediti impegni finanziari, che hanno come impatto l’impossibilità di assicurare la bancabilità del Pef stesso e, come tale, esso è inaccettabile da parte del Mit.

Inoltre il nuovo Piano finanziario inviato dagli enti pubblici territoriali prevede una drastica riduzione del futuro livello di traffico, che incide negativamente sulla tariffa di pedaggi, determinando un maggiore costo a carico degli utenti finali. Vanificando, dunque, una delle finalità prioritarie dell’accordo, teso a ridurre l’onere a carico della collettività.

In aggiunta, strumentalmente, la Regione Trentino Alto Adige, con lettera del 13 marzo scorso, ha riproposto modifiche all’articolato convenzionale, in merito al ruolo del Comitato di indirizzo e di coordinamento, incompatibili con le prescrizioni formulate in merito dalla Commissione europea.

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti auspica, dunque, che si possa tornare a ragionare con le parti in causa, con i presupposti a cui sembrava si fosse di comune accordo arrivati, su una concessione totalmente in house.

Se così non fosse – si legge in una nota – considerata l’impossibilità tecnico-giuridica di derogare ai pareri rilasciati dall’Art e dalla Commissione Ue, e considerata l’urgenza per la collettività di affidare la concessione della A22, scaduta il 30 aprile 2014, la Direzione preposta del Mit sarà obbligata per non incorrere in una procedura di infrazione comunitaria, ad avviare le procedure di gara per l’individuazione del nuovo concessionario“.

Pubblicità
Pubblicità

Alto Adige

Nova Levante, macchina esce di strada e si cappotta: conducente incastrato nel veicolo

Pubblicato

-

Pericoloso incidente oggi intorno a mezzogiorno a Nova Levante dove un’auto è uscita di strada cappottandosi lungo un pendio ripido.

Ferito il conducente che è rimasto incastrato all’interno del veicolo. Sul posto i vigili del fuoco di Carezza, i sanitari della Croce Bianca e i carabinieri.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Alto Adige

BBT, intesa con RFI per la tratta d’accesso Fortezza-Ponte Gardena

Pubblicato

-

Grazie al dialogo costante fra Comunità comprensoriale, Comuni, RFI e Osservatorio BBT, il progetto per la realizzazione delle tratte d’accesso al tunnel di base del Brennero, in Val d’Isarco, è stato migliorato e ottimizzato nel corso degli ultimi anni.

Un nuovo importante passo in avanti verrà messo a punto con la firma di un protocollo d’intesa fra il presidente della Provincia, Arno Kompatscher, il responsabile della direzione investimenti di RFI, Vincenzo Macella, e i rappresentanti delle amministrazioni comunali coinvolte nel progetto.

In virtù di questo accordo, il CIPE potrà procedere con l’approvazione definitiva che rappresenta la condizione di base per procedere con la gara d’appalto per l’esecuzione dei lavori.

Pubblicità
Pubblicità

La firma del protocollo avrà luogo domani, giovedì 18 luglio a Palazzo Widmann.

Saranno presenti anche l’assessore alla mobilità Daniel Alfreider, il presidente della Comunità comprensoriale Walter Baumgartner e il direttore dell’Osservatorio BBT Martin Ausserdorfer.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Alto Adige

Moto contro auto a Passo Giovo: grave centauro

Pubblicato

-

Brutto incidente questa mattina sulla via del passo Giovo, poco sotto la Jaufen Alm, dove una moto si è scontrata con un’auto.

Gravemente ferito il centauro, subito soccorso dai sanitari della Croce Bianca e successivamente trasportato all’ospedale di Merano con l’elicottero di soccorso Pelikan 2.

Sul posto anche i vigili del fuoco volontaridi Valtina (San Leonardo in Passiria) e i carabinieri per i rilievi di rito.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza