Connect with us

Politica

Fase 2, Boccia richiama all’ordine: il ministro ripropone la linea del governo

Pubblicato

-

Condividi questo articolo

La prudenza ha sempre caratterizzato a livello nazionale la gestione di questa emergenza. L’Italia non è mai tornata indietro, come è successo a molti altri Paesi europei. Ha sempre fatto passi rigorosi non più lunghi della gamba. Vogliamo riaprire, ma riprire in sicurezza“.

Con queste parole il ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia, oggi a Bolzano per l’incontro esplicativo con il governatore Kompatscher, ha elegantemente ‘cassato’ nella sua forma attuale il ddl altoatesino sulla gestione autonomia della fase 2, appellandosi alla necessità di uno studio più approfondito sui dati che permetteranno di procedere a una differenziazione territoriale sulle riaperture a livello locale degli esercizi commerciali e delle strutture ricettive (per il resto, varranno le disposizioni dei dpcm emanati dall’esecutivo).

Si tratta di giorni e non di settimane“, ha sottolineato Boccia, facendo intendere come anche l’Alto Adige, provincia autonoma, sia chiamato insieme a tutte le altre regioni ad attendere la data concordata del 18 maggio per la valutazione delle specificità di ogni territorio, per una applicazione idonea delle misure che daranno ufficialmente il via alla fase 2.

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Per ogni iniziativa prematura e in contrasto con il decreto governativo, lo aveva ricordato lo stesso ministro nel corso della videoconferenza con le regioni dello scorso 30 aprile, potrà infatti scattare una diffida con la richiesta della rimozione delle parti discordanti.

Del resto Boccia non ha mai affermato di vietare alle singole realtà territoriali di perseguire una propria politica sulla gestione della fase 2, ma di attendere tutti insieme proprio la data del 18, come momento per ripartire in modo differenziato.

Un principio ribadito anche dal presidente del Consiglio Conte lo stesso giorno, durante le dirette alla Camera e al Senato: “Verrà operata una differenziazione geografica anche in fase di allentamento delle misure con la riapertura delle attività – aveva detto – ma con un piano basato su precisi presupposti scientifici e non rimesso a inizative improvvide di singoli enti locali“.

Pubblicità - La Voce di BolzanoPubblicità - La Voce di Bolzano

E ancora: “Ricordo che allo stato delle previsioni vigenti, iniziative di regioni (o di province autonome ndr) che comportino l’introduzione di misure meno restrittive di quelle disposte su base nazionale non sono possibili perché in contrasto con le norme del decreto legge 19 del 2020“ (Conte dice no, Kompatscher dice sì: approvato il ddl per la fase 2 in Alto Adige).

Lo stop del ministro per i rapporti con le regioni agli indipendentismi territoriali almeno fino a dopo la metà di maggio non era dunque piaciuto al presidente della provincia di Bolzano, il quale aveva deciso di intraprendere la strada del ddl che a livello locale doveva portare a riaperture anticipate rispetto al resto del paese: 11 maggio per parrucchieri, estetisti, servizi alla persona ed attività culturali, bar e ristoranti, il 25 maggio per le strutture ricettive.

Il 2 maggio però, subodorando aria di scontro istituzionale reale, il presidente della Provincia ha emanato a scopo preventivo un’ordinanza di transizione ‘fino alla legge provinciale sulla fase 2’. Il che è equivalso a far ammettere al governo locale di non essere più sicuri di un avvallo del governo nazionale rispetto a una svolta autonomista sulla gestione delle riaperture.

Un atto ordinario che aveva molto il sapore dell’allerta in vista di una possibile retromarcia, nonostante già dalla sera del 27 aprile il braccio di ferro con Roma sembrava innescato, con tanto di grandi proclami dal sapore pre elettorale da parte dei vertici della Svp .

Proclami capaci di sollevare tuttavia non altro effetto che quello di ravvivare pericolosi focolai di indipendentismo locale con iniziative organizzate (Volkspartei shock si ribella a Roma: “Stop alla cooperazione con il governo” “Los von Rom”: spunta la scritta fiammeggiante a Villabassa. Sul posto i carabinieri)

Un’iniziativa sostenuta anche dalle frange più radicali e strumentalizzata come occasione di ‘rottura’ degli obblighi verso lo Stato e per chiedere una emancipazione integrale dell’Alto Adige”, ha sottolineato ieri il deputato di Fratelli d’Italia Francesco Lollobrigida.

Anche la Lega, partner di governo e pur favorevole alla gestione autonoma della fase 2 sulle riaperture, ha condannato con forza gli episodi avvenuti nella notte tra l’1 e il 2 maggio (Los Von Rom’, la Lega: “Provocazione delirante in un momento delicato per la comunità”).

Ma il problema ora rimane un altro: quello della giustificazione di una eventuale marcia indietro sulla promessa di ‘gran ribellione’ contro il centralismo romano. Una magra figura alla quale la Volkspartei dovrebbe rimediare davanti al proprio elettorato, peraltro già ridotto all’osso. Probabilmente andando avanti con il ddl senza ricalibrare le attese in barba al veto romano.

Nel frattempo Boccia non lo ha detto, ma lo ha fatto intendere. L’Alto Adige dovrà attendere.

NEWSLETTER

Oltradige e Bassa Atesina2 settimane fa

Crea caos sull’autobus e poi al Pronto Soccorso, dove sferra una testata al vigilantes. Arrestato dai Carabinieri

Sport2 settimane fa

Podio alla prima stagionale per Manuela Gostner nel Ferrari Challenge Europe

Eventi2 settimane fa

Promosso a pieni voti l’inverno: Movimënt si prepara a un’estate di novità

Alto Adige4 settimane fa

Pronti a “pescare” le offerte dei fedeli con metro a nastro e scotch biadesivo in Chiesa: segnalati alle autorità

Trentino2 settimane fa

La sfida lanciata dal modello cooperativo all’industria discografica. Se ne parla al Festival dell’Economia di Trento

Eventi2 settimane fa

Decimo anniversario della campagna di sensibilizzazione MutterNacht 2024. Sabato 11 maggio la giornata d’azione

Alto Adige4 settimane fa

Proseguono a raffica arresti, denunce e tre decreti di espulsione anche in un 25 aprile “tranquillo”

Alto Adige2 settimane fa

Giustizia riparativa: Kofler: «uno strumento efficace per la nostra comunità»

Bolzano4 settimane fa

Tentano la rapina e scatta una rissa. Espulsi tre cittadini marocchini

Alto Adige4 settimane fa

Espulsi madre e figlio per violenze sessuali, riti magici, obbligo del velo e lesioni sulla giovane moglie e nuora

Consigliati3 settimane fa

Scommesse sportive con deposito minimo basso

Bolzano2 settimane fa

Aggressione a un medico al pronto soccorso: nigeriano con precedenti penali denunciato

Bolzano3 settimane fa

Aggressione in discoteca: giovane percosso e contuso. Scattano gli accertamenti di pubblica sicurezza

Oltradige e Bassa Atesina3 settimane fa

Crede di trovarsi di fronte ad un’occasione imperdibile, ma è tutta una truffa

Laives2 settimane fa

Impianto sportivo Galizia a Laives, con la Provincia aperto il discorso per la riqualificazione totale

Archivi

Categorie

più letti