Connect with us

Politica

Fase 2, Boccia richiama all’ordine: il ministro ripropone la linea del governo

Pubblicato

-

La prudenza ha sempre caratterizzato a livello nazionale la gestione di questa emergenza. L’Italia non è mai tornata indietro, come è successo a molti altri Paesi europei. Ha sempre fatto passi rigorosi non più lunghi della gamba. Vogliamo riaprire, ma riprire in sicurezza“.

Con queste parole il ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia, oggi a Bolzano per l’incontro esplicativo con il governatore Kompatscher, ha elegantemente ‘cassato’ nella sua forma attuale il ddl altoatesino sulla gestione autonomia della fase 2, appellandosi alla necessità di uno studio più approfondito sui dati che permetteranno di procedere a una differenziazione territoriale sulle riaperture a livello locale degli esercizi commerciali e delle strutture ricettive (per il resto, varranno le disposizioni dei dpcm emanati dall’esecutivo).

Si tratta di giorni e non di settimane“, ha sottolineato Boccia, facendo intendere come anche l’Alto Adige, provincia autonoma, sia chiamato insieme a tutte le altre regioni ad attendere la data concordata del 18 maggio per la valutazione delle specificità di ogni territorio, per una applicazione idonea delle misure che daranno ufficialmente il via alla fase 2.

Pubblicità
Pubblicità

Per ogni iniziativa prematura e in contrasto con il decreto governativo, lo aveva ricordato lo stesso ministro nel corso della videoconferenza con le regioni dello scorso 30 aprile, potrà infatti scattare una diffida con la richiesta della rimozione delle parti discordanti.

Del resto Boccia non ha mai affermato di vietare alle singole realtà territoriali di perseguire una propria politica sulla gestione della fase 2, ma di attendere tutti insieme proprio la data del 18, come momento per ripartire in modo differenziato.

Un principio ribadito anche dal presidente del Consiglio Conte lo stesso giorno, durante le dirette alla Camera e al Senato: “Verrà operata una differenziazione geografica anche in fase di allentamento delle misure con la riapertura delle attività – aveva detto – ma con un piano basato su precisi presupposti scientifici e non rimesso a inizative improvvide di singoli enti locali“.

E ancora: “Ricordo che allo stato delle previsioni vigenti, iniziative di regioni (o di province autonome ndr) che comportino l’introduzione di misure meno restrittive di quelle disposte su base nazionale non sono possibili perché in contrasto con le norme del decreto legge 19 del 2020“ (Conte dice no, Kompatscher dice sì: approvato il ddl per la fase 2 in Alto Adige).

Lo stop del ministro per i rapporti con le regioni agli indipendentismi territoriali almeno fino a dopo la metà di maggio non era dunque piaciuto al presidente della provincia di Bolzano, il quale aveva deciso di intraprendere la strada del ddl che a livello locale doveva portare a riaperture anticipate rispetto al resto del paese: 11 maggio per parrucchieri, estetisti, servizi alla persona ed attività culturali, bar e ristoranti, il 25 maggio per le strutture ricettive.

Il 2 maggio però, subodorando aria di scontro istituzionale reale, il presidente della Provincia ha emanato a scopo preventivo un’ordinanza di transizione ‘fino alla legge provinciale sulla fase 2’. Il che è equivalso a far ammettere al governo locale di non essere più sicuri di un avvallo del governo nazionale rispetto a una svolta autonomista sulla gestione delle riaperture.

Un atto ordinario che aveva molto il sapore dell’allerta in vista di una possibile retromarcia, nonostante già dalla sera del 27 aprile il braccio di ferro con Roma sembrava innescato, con tanto di grandi proclami dal sapore pre elettorale da parte dei vertici della Svp .

Proclami capaci di sollevare tuttavia non altro effetto che quello di ravvivare pericolosi focolai di indipendentismo locale con iniziative organizzate (Volkspartei shock si ribella a Roma: “Stop alla cooperazione con il governo” “Los von Rom”: spunta la scritta fiammeggiante a Villabassa. Sul posto i carabinieri)

Un’iniziativa sostenuta anche dalle frange più radicali e strumentalizzata come occasione di ‘rottura’ degli obblighi verso lo Stato e per chiedere una emancipazione integrale dell’Alto Adige”, ha sottolineato ieri il deputato di Fratelli d’Italia Francesco Lollobrigida.

Anche la Lega, partner di governo e pur favorevole alla gestione autonoma della fase 2 sulle riaperture, ha condannato con forza gli episodi avvenuti nella notte tra l’1 e il 2 maggio (Los Von Rom’, la Lega: “Provocazione delirante in un momento delicato per la comunità”).

Ma il problema ora rimane un altro: quello della giustificazione di una eventuale marcia indietro sulla promessa di ‘gran ribellione’ contro il centralismo romano. Una magra figura alla quale la Volkspartei dovrebbe rimediare davanti al proprio elettorato, peraltro già ridotto all’osso. Probabilmente andando avanti con il ddl senza ricalibrare le attese in barba al veto romano.

Nel frattempo Boccia non lo ha detto, ma lo ha fatto intendere. L’Alto Adige dovrà attendere.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]
  • “ Kalabria Coast to Coast”: un cammino di 55 km per vivere la vera essenza della Calabria
    La Calabria è la regione dove mare e montagna sono così vicini da poter essere vissuti nella stessa giornata: caratteristica unica e particolare che ha spinto la nascita di “Kalabria Coast to Coast”, un percorso naturalistico di 55 km da assaporare a passo lento tra filari di vite, distese di ulivi, boschi e piccoli caratteristici […]
  • Treni con cupole in vetro: l’esperienza di lusso per diventare i veri protagonisti del viaggio
    Se è vero che l’aereo rimane il mezzo di trasporto preferito da chi deve fare viaggi lunghi, è altrettanto evidente che i viaggiatori hanno riscoperto i numerosi vantaggi del trasporto su rotaia. Entrando nel cuore di ogni città, costeggiando i litorali e attraversando vallate e montagne, il treno ha la capacità di resuscitare il vero […]
  • L’affascinante piacere del tè porta il nome di Peter’s TeaHouse
    Peter’s TeaHouse, il primo negozio specializzato nella vendita di tè, nasce nel 1994 a Bolzano. “Immersi nell’atmosfera della tradizione, si riesce a respirare il fascino della cultura orientale, che si fonde con la contemporaneità. Perché il tè è soprattutto questo: cultura e ospitalità.” Peter’s TeaHouse, parte del noto franchising e del colosso Pompadour (a sua […]

Categorie

di tendenza