Connect with us

Politica

Fase 2, Boccia richiama all’ordine: il ministro ripropone la linea del governo

Pubblicato

-

La prudenza ha sempre caratterizzato a livello nazionale la gestione di questa emergenza. L’Italia non è mai tornata indietro, come è successo a molti altri Paesi europei. Ha sempre fatto passi rigorosi non più lunghi della gamba. Vogliamo riaprire, ma riprire in sicurezza“.

Con queste parole il ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia, oggi a Bolzano per l’incontro esplicativo con il governatore Kompatscher, ha elegantemente ‘cassato’ nella sua forma attuale il ddl altoatesino sulla gestione autonomia della fase 2, appellandosi alla necessità di uno studio più approfondito sui dati che permetteranno di procedere a una differenziazione territoriale sulle riaperture a livello locale degli esercizi commerciali e delle strutture ricettive (per il resto, varranno le disposizioni dei dpcm emanati dall’esecutivo).

Si tratta di giorni e non di settimane“, ha sottolineato Boccia, facendo intendere come anche l’Alto Adige, provincia autonoma, sia chiamato insieme a tutte le altre regioni ad attendere la data concordata del 18 maggio per la valutazione delle specificità di ogni territorio, per una applicazione idonea delle misure che daranno ufficialmente il via alla fase 2.

Pubblicità
Pubblicità

Per ogni iniziativa prematura e in contrasto con il decreto governativo, lo aveva ricordato lo stesso ministro nel corso della videoconferenza con le regioni dello scorso 30 aprile, potrà infatti scattare una diffida con la richiesta della rimozione delle parti discordanti.

Del resto Boccia non ha mai affermato di vietare alle singole realtà territoriali di perseguire una propria politica sulla gestione della fase 2, ma di attendere tutti insieme proprio la data del 18, come momento per ripartire in modo differenziato.

Un principio ribadito anche dal presidente del Consiglio Conte lo stesso giorno, durante le dirette alla Camera e al Senato: “Verrà operata una differenziazione geografica anche in fase di allentamento delle misure con la riapertura delle attività – aveva detto – ma con un piano basato su precisi presupposti scientifici e non rimesso a inizative improvvide di singoli enti locali“.

E ancora: “Ricordo che allo stato delle previsioni vigenti, iniziative di regioni (o di province autonome ndr) che comportino l’introduzione di misure meno restrittive di quelle disposte su base nazionale non sono possibili perché in contrasto con le norme del decreto legge 19 del 2020“ (Conte dice no, Kompatscher dice sì: approvato il ddl per la fase 2 in Alto Adige).

Lo stop del ministro per i rapporti con le regioni agli indipendentismi territoriali almeno fino a dopo la metà di maggio non era dunque piaciuto al presidente della provincia di Bolzano, il quale aveva deciso di intraprendere la strada del ddl che a livello locale doveva portare a riaperture anticipate rispetto al resto del paese: 11 maggio per parrucchieri, estetisti, servizi alla persona ed attività culturali, bar e ristoranti, il 25 maggio per le strutture ricettive.

Il 2 maggio però, subodorando aria di scontro istituzionale reale, il presidente della Provincia ha emanato a scopo preventivo un’ordinanza di transizione ‘fino alla legge provinciale sulla fase 2’. Il che è equivalso a far ammettere al governo locale di non essere più sicuri di un avvallo del governo nazionale rispetto a una svolta autonomista sulla gestione delle riaperture.

Un atto ordinario che aveva molto il sapore dell’allerta in vista di una possibile retromarcia, nonostante già dalla sera del 27 aprile il braccio di ferro con Roma sembrava innescato, con tanto di grandi proclami dal sapore pre elettorale da parte dei vertici della Svp .

Proclami capaci di sollevare tuttavia non altro effetto che quello di ravvivare pericolosi focolai di indipendentismo locale con iniziative organizzate (Volkspartei shock si ribella a Roma: “Stop alla cooperazione con il governo” “Los von Rom”: spunta la scritta fiammeggiante a Villabassa. Sul posto i carabinieri)

Un’iniziativa sostenuta anche dalle frange più radicali e strumentalizzata come occasione di ‘rottura’ degli obblighi verso lo Stato e per chiedere una emancipazione integrale dell’Alto Adige”, ha sottolineato ieri il deputato di Fratelli d’Italia Francesco Lollobrigida.

Anche la Lega, partner di governo e pur favorevole alla gestione autonoma della fase 2 sulle riaperture, ha condannato con forza gli episodi avvenuti nella notte tra l’1 e il 2 maggio (Los Von Rom’, la Lega: “Provocazione delirante in un momento delicato per la comunità”).

Ma il problema ora rimane un altro: quello della giustificazione di una eventuale marcia indietro sulla promessa di ‘gran ribellione’ contro il centralismo romano. Una magra figura alla quale la Volkspartei dovrebbe rimediare davanti al proprio elettorato, peraltro già ridotto all’osso. Probabilmente andando avanti con il ddl senza ricalibrare le attese in barba al veto romano.

Nel frattempo Boccia non lo ha detto, ma lo ha fatto intendere. L’Alto Adige dovrà attendere.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

  • Bonus casalinghe 2021: un’opportunità per una scelta più libera e consapevole
    Il Bonus Casalinghe 2021 istituito nel Decreto Agosto 2020 risulta ancora fermo a causa della mancanza di un Decreto attuativo del Ministero delle Pari opportunità e la Famiglia che regoli i 3 milioni messi disposizione... The post Bonus casalinghe 2021: un’opportunità per una scelta più libera e consapevole appeared first on Benessere Economico.
  • Banca per la Ricostruzione e lo Sviluppo: un’opportunità per le imprese italiane
    L’Istituto offre interessanti opportunità anche per le imprese italiane, permettendo di ossigenare molti bilanci aziendali. La BERS, la Banca per la Ricostruzione e lo Sviluppo è un’ente ancora poco conosciuto soprattutto in Italia anche se... The post Banca per la Ricostruzione e lo Sviluppo: un’opportunità per le imprese italiane appeared first on Benessere Economico.
  • Il Regno Unito tutela le aziende assicurate: le polizze pagano danni per interruzione attività
    Dopo numerose controversie legali, nel Regno Unito saranno circa 370 mila le aziende che, avendo stipulato un’assicurazione potrebbero ricevere rimborso per l’interruzione di attività. In tutta Europa, i provvedimenti emanati per il contenimento della pandemia... The post Il Regno Unito tutela le aziende assicurate: le polizze pagano danni per interruzione attività appeared first on Benessere […]
  • “Nuove imprese a tasso zero”: agevolazioni e contributi a donne e giovani
    Il Ministero dello Sviluppo Economico sosterrà giovani e donne che vogliono avviare nuove imprese, attraverso finanziamenti agevolati a tasso zero. Recentemente è stata pubblicata la circolare dello stesso Ministero che definisce i termini e le... The post “Nuove imprese a tasso zero”: agevolazioni e contributi a donne e giovani appeared first on Benessere Economico.
  • Trasformare l’azienda in Società Benefit per migliorare appeal commerciale
    La recente situazione pandemica sta avendo un impatto travolgente sui mercati e sull’economia generale, mettendo in discussione il ruolo stesso dell’azienda che dovrà necessariamente evolversi per assecondare nuove variabili. L’attuale situazione economica: In questo contesto,... The post Trasformare l’azienda in Società Benefit per migliorare appeal commerciale appeared first on Benessere Economico.
  • WORKATION – Lavoro vista mare o monti
    Il nuovo trend che interessa anche gli operatori del ricettivo Mare, montagne, lago, acqua, natura. Chi non sogna di lavorare stando in vacanza? Pensate ad una riunione vista Dolomiti, ad una pausa pranzo in un... The post WORKATION – Lavoro vista mare o monti appeared first on Benessere Economico.
  • I FIL GOOD – Alla ricerca della Felicità Interna Lorda, il paradigma del futuro
    Che i soldi non facciano la felicità è probabilmente vero, ma è altrettanto inconfutabile che siano un potente rilassante. Nel nostro mondo dominato dalla cultura capitalistica, il denaro è diventato una pietra angolare della struttura... The post I FIL GOOD – Alla ricerca della Felicità Interna Lorda, il paradigma del futuro appeared first on Benessere […]
  • Vaccinazioni sui luoghi di lavoro: cosa prevede il Protocollo
    Le registrazioni nei corridoi, i box per le somministrazioni nelle sale riunioni: il protocollo firmato al Ministero del Lavoro da Confidustria e organizzazioni sindacali declina le possibilità del vaccino sui luoghi di lavoro. Il documento... The post Vaccinazioni sui luoghi di lavoro: cosa prevede il Protocollo appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus cultura 2021: 500 euro a tutti i neo 18enni, come funziona
    Anche per quest’anno è stato confermato il bonus cultura di 500 euro per tutti i neo 18enni nati nel 2002, ed erogato dallo Stato per l’acquisto di musica, corsi online, libri ed altre attività culturali.... The post Bonus cultura 2021: 500 euro a tutti i neo 18enni, come funziona appeared first on Benessere Economico.
  • FMI: “ tassare redditi alti e grandi patrimoni per sostenere ripresa economica”
    Il Fondo Monetario Internazionale propone la sua ricetta per aiutare i Paesi da uscire dalla crisi economica, suggerendo una tassa di solidarietà per finanziare le spese e i sostegni necessari a combattere la crisi. All’interno... The post FMI: “ tassare redditi alti e grandi patrimoni per sostenere ripresa economica” appeared first on Benessere Economico.

Categorie

di tendenza