Connect with us

Politica

Fase 2, Boccia richiama all’ordine: il ministro ripropone la linea del governo

Pubblicato

-

La prudenza ha sempre caratterizzato a livello nazionale la gestione di questa emergenza. L’Italia non è mai tornata indietro, come è successo a molti altri Paesi europei. Ha sempre fatto passi rigorosi non più lunghi della gamba. Vogliamo riaprire, ma riprire in sicurezza“.

Con queste parole il ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia, oggi a Bolzano per l’incontro esplicativo con il governatore Kompatscher, ha elegantemente ‘cassato’ nella sua forma attuale il ddl altoatesino sulla gestione autonomia della fase 2, appellandosi alla necessità di uno studio più approfondito sui dati che permetteranno di procedere a una differenziazione territoriale sulle riaperture a livello locale degli esercizi commerciali e delle strutture ricettive (per il resto, varranno le disposizioni dei dpcm emanati dall’esecutivo).

Si tratta di giorni e non di settimane“, ha sottolineato Boccia, facendo intendere come anche l’Alto Adige, provincia autonoma, sia chiamato insieme a tutte le altre regioni ad attendere la data concordata del 18 maggio per la valutazione delle specificità di ogni territorio, per una applicazione idonea delle misure che daranno ufficialmente il via alla fase 2.

Pubblicità
Pubblicità

Per ogni iniziativa prematura e in contrasto con il decreto governativo, lo aveva ricordato lo stesso ministro nel corso della videoconferenza con le regioni dello scorso 30 aprile, potrà infatti scattare una diffida con la richiesta della rimozione delle parti discordanti.

Del resto Boccia non ha mai affermato di vietare alle singole realtà territoriali di perseguire una propria politica sulla gestione della fase 2, ma di attendere tutti insieme proprio la data del 18, come momento per ripartire in modo differenziato.

Un principio ribadito anche dal presidente del Consiglio Conte lo stesso giorno, durante le dirette alla Camera e al Senato: “Verrà operata una differenziazione geografica anche in fase di allentamento delle misure con la riapertura delle attività – aveva detto – ma con un piano basato su precisi presupposti scientifici e non rimesso a inizative improvvide di singoli enti locali“.

E ancora: “Ricordo che allo stato delle previsioni vigenti, iniziative di regioni (o di province autonome ndr) che comportino l’introduzione di misure meno restrittive di quelle disposte su base nazionale non sono possibili perché in contrasto con le norme del decreto legge 19 del 2020“ (Conte dice no, Kompatscher dice sì: approvato il ddl per la fase 2 in Alto Adige).

Lo stop del ministro per i rapporti con le regioni agli indipendentismi territoriali almeno fino a dopo la metà di maggio non era dunque piaciuto al presidente della provincia di Bolzano, il quale aveva deciso di intraprendere la strada del ddl che a livello locale doveva portare a riaperture anticipate rispetto al resto del paese: 11 maggio per parrucchieri, estetisti, servizi alla persona ed attività culturali, bar e ristoranti, il 25 maggio per le strutture ricettive.

Il 2 maggio però, subodorando aria di scontro istituzionale reale, il presidente della Provincia ha emanato a scopo preventivo un’ordinanza di transizione ‘fino alla legge provinciale sulla fase 2’. Il che è equivalso a far ammettere al governo locale di non essere più sicuri di un avvallo del governo nazionale rispetto a una svolta autonomista sulla gestione delle riaperture.

Un atto ordinario che aveva molto il sapore dell’allerta in vista di una possibile retromarcia, nonostante già dalla sera del 27 aprile il braccio di ferro con Roma sembrava innescato, con tanto di grandi proclami dal sapore pre elettorale da parte dei vertici della Svp .

Proclami capaci di sollevare tuttavia non altro effetto che quello di ravvivare pericolosi focolai di indipendentismo locale con iniziative organizzate (Volkspartei shock si ribella a Roma: “Stop alla cooperazione con il governo” “Los von Rom”: spunta la scritta fiammeggiante a Villabassa. Sul posto i carabinieri)

Un’iniziativa sostenuta anche dalle frange più radicali e strumentalizzata come occasione di ‘rottura’ degli obblighi verso lo Stato e per chiedere una emancipazione integrale dell’Alto Adige”, ha sottolineato ieri il deputato di Fratelli d’Italia Francesco Lollobrigida.

Anche la Lega, partner di governo e pur favorevole alla gestione autonoma della fase 2 sulle riaperture, ha condannato con forza gli episodi avvenuti nella notte tra l’1 e il 2 maggio (Los Von Rom’, la Lega: “Provocazione delirante in un momento delicato per la comunità”).

Ma il problema ora rimane un altro: quello della giustificazione di una eventuale marcia indietro sulla promessa di ‘gran ribellione’ contro il centralismo romano. Una magra figura alla quale la Volkspartei dovrebbe rimediare davanti al proprio elettorato, peraltro già ridotto all’osso. Probabilmente andando avanti con il ddl senza ricalibrare le attese in barba al veto romano.

Nel frattempo Boccia non lo ha detto, ma lo ha fatto intendere. L’Alto Adige dovrà attendere.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

  • Dal camerino digitale alle chat “commessa”: Cambia l’esperienza d’acquisto anche nella moda
    L’arrivo del covid prima e l’emergenza sanitaria poi, sta accelerando un processo e una trasformazione che era più che mai prevedibile, puntando verso diversi cambiamenti, soprattutto quello dell’esperienza d’acquisto. Una direzione inconvertibile in cui molti, tra esperti e protagonisti del settore, stanno cercando di riprodurre le stesse sensazione dell’acquisto vissuto in negozio  provando ad uguagliarlo […]
  • Anche i grandi nomi della moda scelgono la sostenibilità: Prada lancia la nuova linea “Prada Re – Nylon” con plastica ricilata
    I grandi nomi della moda e del lusso si reinventano nella forma e soprattutto nella sostanza facendo della sostenibilità una propria cultura aziendale, impegnandosi verso una moda sostenibile e decisamente più responsabile. Questa è la direzione che ha deciso di prendere Prada, ampliando la sua proposta e introducendo una nuova collezione con del nylon rigenerato per […]
  • Al MART di Rovereto è arrivata la mostra “Caravaggio. Il contemporaneo”
    Michelangelo Merisi, in arte Caravaggio, è un pittore italiano nato a Milano nel 1571 e deceduto a Porto Ercole nel 1610. Questo incredibile autore, che si è formato a Milano e che ha lavorato a Roma, Napoli, Malta e in Sicilia fra il 1593 e il 1610, ha raggiunto la notorietà nel XX secolo dopo un […]
  • Arriva la crociera “ no where”: navigare in mare aperto senza scali né meta
    Dopo i voli verso il nulla annunciati da diverse compagnie aeree in Asia, ora, per riconquistare la fiducia dei viaggiatori e dei turisti di tutto il mondo arrivano anche viaggi in nave senza destinazione, le crociere “no where”. Si tratta di navigazioni in barca in mare aperto ma senza scali con andata e ritorno e […]
  • Il periodo di quarantena all’estero diventa un’opportunità di turismo: la Norvegia e il suo fascino
    Nonostante un periodo di limitazioni, viaggiare per turismo è diventato un imperativo, esiste infatti chi ha inventato proposte decisamente non convenzionali per trasformare l’attuale situazione di emergenza in una vera opportunità di turismo. Si parla in particolare del “Loften Quartine Tour”, un “pacchetto sicuro” pensato da Quality Group e marchiato da Il Diamante che punta […]
  • A Londra il vecchio taxi cambia stile: a bordo Playstation 4 e Apple TV
    Uno dei simboli della città di Londra, i tipici taxi neri Balck Cab dall’estetica retrò che percorrono le strade della capitale inglese, è stato finemente rivisitato in chiave moderna, realizzandone una versione di lusso ma fedele all’originale. Mantenendo la stessa funzione, un rivenditore di auto di fascia alta, ha realizzato un’edizione premium limitata di alto […]
  • Smart working in camere di lusso:la nuova tendenza è l’ufficio in hotel
    Per molte realtà imprenditoriali Il lavoro remoto sta diventando una soluzione sempre più stabile e di conseguenza si prefigura la necessità di renderlo meno casalingo possibile per preservare sia la produttività e soprattutto gli equilibri famigliari. Il metodo perfetto per conciliare le varie esigenze aumentando il rendimento del lavoratore senza gravare sulla famiglia, è stato […]
  • Pumpkin Spice Latte: le varianti più golose della ricetta più apprezzata durante l’autunno!
    Ideata da Starbucks nel 2003 e definitamente rivisitata nel 2015, la ricetta del Pumpkin Spice Latte è diventata negli anni uno dei must stagionali per quanto riguarda l’autunno. La bevanda, a base di zucca, caffè, latte e cannella, è particolarmente apprezzata negli Stati Uniti ma sta iniziando a farsi conoscere anche nel resto del mondo. […]
  • Botticelli va all’asta: raro dipinto, valore stimato 80 milioni di dollari
    La straordinaria stagione del Rinascimento italiano ammirato da tutto il mondo grazie al domino culturale, economico e sopratutto artistico di quegli anni, attira nuovamente l’attenzione a causa del recente annuncio d’asta di un capolavoro del Botticelli. La nota casa d’Aste Sotheby’s ha infatti comunicato che nel gennaio 2021 verrà messo all’asta un magnifico dipinto del […]
  • Domus Aventino: a Roma un museo archeologico all’interno del nuovo condominio, da novembre aperto a tutti
    L’Italia come sempre è una meravigliosa sorpresa. Durante dei lavori per la riconversione di alcuni uffici della Bnl in appartamenti di lusso nel centro di Roma, sono affiorati dei mosaici e una sontuosa residenza romana. La bellezza della scoperta ha spinto l’idea di valorizzazione del ritrovamento che convivesse sinergicamente con il complesso residenziale. Si parla […]

Categorie

di tendenza