Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Società

Giornata per i diritti dell’infanzia, Ladstaetter: “Prendere sul serio le preoccupazioni dei bambini”

Pubblicato

-

Condividi questo articolo




Pubblicità

Si celebra il 20 novembre la Giornata internazionale per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.

In questa occasione, la Garante Paula Maria Ladstätter ha invitato genitori e responsabili dell’educazione a passare più tempo con bambini e bambine e a prendere sul serio le loro preoccupazioni e i loro problemi, e a non tentare di risolverli col denaro o la violenza psichica o fisica.

Sempre più spesso l’Ufficio della Garante per l’infanzia e l’adolescenza in Provincia di Bolzano entra in contatto con giovani allontanati dalle proprie famiglie e accolti in istituti esterni e offre mediazione.

In caso di bisogno, accompagna bambini e giovani, in collaborazione con gli uffici e le autorità competenti, in comunità residenziali esterne.

Anche l’Onu in occasione della Giornata mondiale dell’infanzia, che si celebra domani, ha rimesso al centro dell’attenzione i diritti dei bambini.

Diritti non negoziabili verso i quali deve andare l’impegno dei governi, e proprio in questo senso è indirizzata la campagna di sensibilizzazione per il 2018.

A questo proposito Unicef ha lanciato una petizione le cui firme saranno inviate ai potenti del mondo il 20 novembre 2019, data del trentesimo anniversario della Convenzione dei diritti dell’Infanzia, affinché i diritti dei bambini vengano rispettati.

La campagna per quest’anno prevede invece una serie di iniziative all’insegna di “coloriamo il mondo di blu“.

Tra le azioni suggerite da Unicef c’è quella di indossare un indumento di colore blu e di utilizzare al meglio lo strumento dei social per dare visibilità a questo anniversario.

Altro obiettivo importante è quello della prevenzione della violenza a scuola.

Ci sono ancora troppi bambini e ragazzi nel mondo che hanno paura di andare a scuola perché è lì che si consumano atti di bullismo, di molestie o punizioni corporali.

Questo tipo di violenza non è inevitabile, dunque l’Unicef invita tutti a fare il possibile perché la scuola non sia più vissuta come un luogo pericoloso.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

NEWSLETTER

Bolzano2 settimane fa

Fisioterapista aggredita a Bolzano con una coltellata alla gola

Italia ed estero2 settimane fa

Orrore per una tragedia familiare: uomo uccide moglie e due figli

Trentino4 settimane fa

Frana SS47 in Valsugana, riapertura in vista: si punta a marzo per il senso unico alternato

Alto Adige3 settimane fa

Corte d’appello di Venezia ammette definitivamente class action contro Banca Popolare dell’Alto Adige (Volksbank): le scadenze

Trentino4 settimane fa

Orso insegue due ragazzi in Val di Sole

Bolzano4 settimane fa

Arrestato a Bolzano latitante per reati familiari e droga dopo sei anni di fuga

Economia e Finanza4 settimane fa

L’AGCM interviene sul trasferimento di clienti da Intesa Sanpaolo a Isybank

Merano3 settimane fa

Straniero dà in escandescenza: guardia giurata aggredita a bottigliate finisce in ospedale

Politica4 settimane fa

La nuova giunta provinciale dell’Alto Adige è stata eletta dal consiglio provinciale

Laives4 settimane fa

A Laives i cittadini sono esasperati dalla situazione rifiuti

Società2 settimane fa

Edilizia abitativa agevolata: approvato il nuovo programma di interventi

Laives2 settimane fa

Incidente stradale a San Giacomo: ciclista 60enne ferito gravemente

Sport4 settimane fa

Sesto Pusteria in festa per il trionfo di Jannik Sinner nel suo primo Slam

Politica3 settimane fa

Philipp Achammer lascia la guida della Svp dopo dieci anni

Politica3 settimane fa

Arno Kompatscher esclude il doppio ruolo di presidente e segretario della Svp

Archivi

Categorie

più letti