Connect with us

Benessere e Salute

Gli allevamenti favoriscono la diffusione del Covid? Unsic: “In Trentino Alto Adige correlazione assente”

Pubblicato

-


E’ crescente l’attenzione degli studiosi sui rapporti che intercorrono tra virus e animali, sia sul fronte dell’origine delle patologie sia sulla loro diffusione.

Se sulla possibilità che l’inquinamento prodotto dagli allevamenti intensivi, in particolare le enormi quantità di ammonica derivante dalle deiezioni, favorisca la trasmissione del Covid-19 siamo nel campo delle ipotesi, è invece ampiamente accertata l’origine zoologica di tanti virus.

Non solo da animali selvatici (l’Aids dalle scimmie, la Sars da pipistrelli e zibetti, la Mers da pipistrelli e cammelli, l’Ebola dai pipistrelli Eidolon helvum, ecc.), ma anche di allevamento (il “morbo della mucca pazza”, esploso alla fine degli anni Ottanta nel Regno Unito, le differenti “aviarie”, la cosiddetta “influenza suina” apparsa in Messico nel 2009).

Pubblicità
Pubblicità

Sotto accusa, in particolare, le modalità di produzione alimentare, dagli allevamenti intensivi agli “sconfinamenti” in zone un tempo riservate agli animali selvatici. Inoltre, specie in Asia, molti di questi animali sono diventati commestibili, inseriti pienamente in logiche di mercato.

Se è accertato scientificamente (i lavori di Marius Gilbert dell’Université Libre de Bruxelles) il nesso tra la comparsa di alcuni virus, come quello dell’influenza aviaria, e l’allevamento intensivo del pollame, e alcuni libri – come “Big farms make big flu” (“I grandi allevamenti causano grandi malattie”) del 2016 di Rob Wallace – ben documentano i danni causati da pratiche scellerate, sempre più studi si spingono oltre ipotizzando un ruolo degli allevamenti anche nella diffusione dei virus.

La ricerca più recente è stata prodotta in Italia dalla Società italiana di medicina ambientale e ipotizza che il Pm10 alimentato dagli allevamenti intensivi abbia aiutato la diffusione del coronavirus in Pianura Padana. Occorre tenere presente che quasi il 90 per cento dei suini italiani fa parte di allevamenti con oltre 500 capi (dati associazione “Terra!”).

L’Unsic, associazione datoriale che riunisce 40mila aziende agricole orientate a canoni di sostenibilità ecologica, ha prodotto una propria ricerca che mette in relazione il numero di casi di Covid-19 nelle singole regioni con la presenza di allevamenti di suini e bovini.

Ovviamente non abbiamo pretese scientifiche, ma crediamo sia utile rilevare come le prime quattro regioni per numero di casi di coronavirus (Lombardia, Emilia-Romagna, Piemonte e Veneto) abbiano le stesse posizioni nella classifica per densità di suini per chilometro quadrato – spiega Domenico Mamone, presidente dell’Unsic. Incidenza alta anche in Friuli-Venezia Giulia e Marche, altre due regioni particolarmente colpite.

Lo scopo primario della nostra indagine è semplice: richiamare il settore agroindustriale all’adozione di standard meno impattanti per l’ambiente. Temi come l’inquinamento delle falde acquifere e dell’atmosfera, l’iperconsumo di acqua, il disboscamento, la produzione di antibiotico-resistenza vanno messi in cima alle agende della politica. In fondo, insieme all’emergenza sanitaria ed economica di cui si parla molto, il nostro futuro è sempre più subordinato anche alla salute del pianeta”, conclude Mamone.

In effetti, rielaborando per densità regionale i dati Istat sugli allevamenti e incrociandoli con quelli della Protezione civile sui casi di Covid-19, emerge nettamente il peso della presenza di bovini e suini nelle regioni più contagiate dal virus, così come analoghe, anche in percentuale, si presentano le distanze tra Nord e Sud sia nei contagi sia negli allevamenti.

Emblematico il caso della Lombardia, con circa quattro milioni di suini. I maggiori allevamenti sono nelle province di Brescia e Mantova (con oltre un milione ciascuna), Cremona (circa 800mila), Lodi e Bergamo (intorno a 300mila), particolarmente flagellate dall’epidemia, mentre le altre province – meno colpite – hanno numeri marginali.

Il Trentino-Alto Adige, che presenta circa 51 contagiati da Covid rispetto al numero di residenti, almeno secondo i rilevamenti ufficiali della Protezione civile (in genere per difetto), è però agli ultimi posti tra le regioni italiane per numero di suini a metro quadrato e all’ottavo posto per bovini. Quindi la relazione tra gli allevamenti e la diffusione del contagio è tutta da dimostrare. 

Regione

Kmq

Suini

per kmq

Bovini

per kmq

Casi

di Covid-19

Casi ogni
10mila residenti

LOMBARDIA

23.864

166,97

64,68

62.153

62

EMILIA-ROMAGNA

22.453

61,35

27,95

21.029

47

PIEMONTE

25.387

44,18

32,49

18.229

42

VENETO

18.345

39,11

44,92

14.624

30

FRIULI-V. GIULIA

7.924

26,69

13,50

2.544

21

UMBRIA

8.464

22,82

6,26

1.322

15

MARCHE

9.401

19,51

6,08

5.503

36

BASILICATA

10.073

7,84

9,56

320

6

ABRUZZO

10.832

7,32

7,05

2.274

17

CAMPANIA

13.671

7,16

36,18

3.807

7

TOSCANA

22.987

5,96

3,97

7.666

21

SARDEGNA

24.100

4,73

12,07

1.161

7

CALABRIA

15.222

3,99

9,37

971

5

MOLISE

4.461

3,71

10,90

263

9

LAZIO

17.232

3,00

11,72

5.232

9

SICILIA

25.832

1,74

15,00

2.535

5

TRENTINO-A. ADIGE

13.605

1,22

13,19

5.444

51

PUGLIA

19.541

1,04

9,53

3.184

8

LIGURIA

5.416

0,35

2,80

5.936

38

VALLE D’AOSTA

3.261

0,03

9,90

958

76

Fonte: dati Istat sugli allevamenti e Protezione civile sui contagi da Covid-19

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

  • Ferrarelle punta sulla sostenibilità ambientale: bottiglie in plastica riciclata ad impatto zero
    Dai sacchetti per gli alimenti, alle bottiglie fino ai più comuni oggetti per la casa: l‘utilizzo incontrollato della plastica a livello globale, ha portato verso lo studio di specifiche procedure per il riciclo, utili a recuperare un materiale praticamente indistruttibile ma altamente inquinante. Questo, è uno dei motivi che ha spinto Ferrarelle, unica azienda di acqua […]
  • Dai semi di mela un olio “green” per uso alimentare e cosmetico
    Da assaggiare cruda nell’insalata o cotta nella torta, fino alle bevande con succhi, centrifugati e la versione alcolica, il sidro: le mele sono in assoluto uno dei frutti più versatili nonché sani da utilizzare in cucina. Nonostante la mela sia un frutto quasi completamente commestibile, il residuo di una lavorazione ad uso industriale è il […]
  • Lago Nero e Cornisello: luoghi mozzafiato incastonati tra le Dolomiti di Brenta
    Tra le spettacolari Dolomiti di Brenta è possibile trovare dei paesaggi davvero mozzafiato. Alcuni di questi è possibile immortalarli in Val Nambrone, una diramazione della Valle di Campiglio, che porta alle cime del gruppo della Presanella. Questa zona è famosa soprattutto per i suoi laghi alpini tra cui il Lago Nero ed i laghi di […]
  • Vestiti digitali: l’abito che compri, indossi ma non esiste
    Dietro al glamour e allo scintillio dei vestiti nuovi, appena usciti dai negozi, il mondo della moda si ritrova in una fase epocale di cambiamento trainata dalla trasformazione dei comportamenti di acquisto dei prodotti, dalle diverse esigenze dei consumatori e soprattutto dalla forte rivoluzione digitale. In ambito fashion infatti, i cambiamenti più significativi riguardano la […]
  • Gelato alla frutta o gelato alle creme? Questo è il dilemma
    Che estate sarebbe senza gelato? Colorato, fresco, gustoso e perfetto per una merenda golosa o per una serata davanti al ventilatore, il gelato è un must della bella stagione. I gusti ormai sono infiniti, si va dal dolce al salato, dal classico gelato al gelato fritto… insomma, ce n’è per tutti i palati! Ma è […]
  • Da aerei e droni, “bombe di semi” contro la deforestazione in Thailandia
    La fame di risorse naturali che portano alla riconversione di zone naturali in coltivazioni e zone urbane è un fenomeno storico, noto fin dalle origini antiche ma mai così sviluppato come nelle proporzioni attuali. La deforestazione infatti, è considerata uno dei più grandi mali della società moderna che, oltre ad aggravare una vasta gamma di […]
  • Isole Borromee: le tre incredibili ‘perle’ del lago Maggiore
    Incastonato tra i rilievi collinari e montuosi delle terre svizzere e quelle italiane, nelle regioni di Lombardia e Piemonte si aprono le meravigliose acque del Lago Maggiore, rese spettacolari dai tratti di costa punteggiata di castelli, ville monumentali e circondate dai rigogliosi e coloratissimi giardini. Dal favoloso clima, alle bellezze architettoniche, alla ricca eredità archeologica, […]
  • Eco Bonus 110% esteso anche alle seconde case
    Nonostante il tanto desiderato Super Eco Bonus del 110 %, il pacchetto di incentivi fiscali relativi alle detrazioni per le riqualificazioni energetiche e misure antisismiche sia entrato ufficialmente in vigore dal mese di luglio 2020, si pensa già ad un allargamento della platea per la super detrazione. È stata presentata infatti, una riformulazione di un […]
  • Ghiaccioli fatti in casa: mille gusti di golosità!
    Quando arriva l’estate nei nostri congelatori non mancano mai alcune scatole di ghiaccioli. Golosi, gustosi, colorati e adatti a tutti i gusti: i ghiaccioli possono essere l’ingrediente perfetto per una merenda tra amici, fresca e rigorosamente instagrammabile. Ma è davvero così complicato prepararli? Gli ingredienti per preparare i ghiaccioli sono davvero semplici e pochi: i […]
  • Garda See Charter: tra l’arte del navigare e un’avventura sportiva
    Venti che soffiano costanti e regolari, onde perfette e mai eccessivamente abbondanti, acqua celeste e leggermente illuminata dai caldi raggi del sole che rendono il clima mite tutto l’anno: queste sono solo alcune delle condizioni ideali per un’esperienza in barca a vela sulle acque del Lago di Garda. Quello del Lago di Garda, tra il […]

Categorie

di tendenza