Connect with us

Sport

Il Bolzano è ancora vivo: Klagenfurt battuto davanti ai 4.500 del Palaonda

Pubblicato

-

Foto: HCB/VannaAntonello

L’HCB Alto Adige Alperia batte un colpo. Per i Foxes gara 4 era un match da dentro o fuori e al Palaonda, davanti a 4.500 spettatori, è arrivata una prestazione solida e cinica, che ha permesso di strappare la prima vittoria di questi playoffs.

Un 4 a 2 contro l’EC KAC, figlio di una doppietta di Marco Insam e del goal decisivo di Luca Frigo, che permette ai biancorossi di accorciare le distanze in una serie in cui devono ancora inseguire, sotto per 3 a 1.

Venerdì 22 marzo, alle 19:15 alla Stadthalle di Klagenfurt (diretta su Video33), una gara 5 ancora una volta fondamentale per riportare la contesa davanti al proprio pubblico.

Pubblicità
Pubblicità

La cronaca. Coach Beddoes rinuncia al solito “poker” d’infortunati (MacKenzie, Findlay, Crescenzi e Irving), ma recupera Markus Nordlund, al rientro dalla squalifica.

Il Bolzano parte forte e dopo poco più di due minuti passa a condurre: grande lavoro in forechecking di Daniel Frank, che prima impegna Haugen e poi offre a Marco Insam un assist al bacio da sparare in rete. La gioia del goal dura appena 20 secondi: erroraccio di Catenacci, che regala il disco a Obersteiner che davanti a Smith scarica in porta un siluro a incrociare imprendibile.

I Foxes però alzano nuovamente la pressione in powerplay e, proprio allo scadere dei due minuti, Markus Nordlund si inventa una grande azione solitaria e, dopo essersi andato a riprendere il rebound concesso da Haugen sul suo stesso tiro, fa 2 a 1.

I biancorossi ce la mettono tutta, lottano su ogni disco, ma al 13:04 sono sfortunati: Fischer aggira la gabbia, mette un puck teso in mezzo che rimbalza sul pattino di Glira ed entra in rete. E’ il 2 a 2 con il quale si chiude la prima frazione, non prima di una grande parata di Smith su Kreuzer e di un powerplay biancorosso senza successo.

I Foxes interpretano bene anche i primi minuti del periodo centrale, sfiorando il vantaggio con Geiger, fermato da un intervento falloso di Liivik. La superiorità numerica non va a buon fine, poi è il Klagenfurt a prendere in mano il comando delle operazioni, mettendo alle strette i padroni di casa, che riescono comunque a reggere l’assalto.

Comrie va vicino al goal del vantaggio, poi Strong finisce in panca puniti e il Bolzano si ritrova nuovamente in powerplay: questa volta lo special team colpisce, grazie a Luca Frigo che devia il rasoghiaccio di Campbell e firma il 3 a 2. Ancora Foxes negli ultimi minuti, con Haugen miracoloso su Brace al termine di una meravigliosa azione orchestrata da Petan. 3 a 2 alla seconda sirena.

Il terzo tempo è ad altissima tensione. Il Bolzano non riesce a chiudere la partita in powerplay, poi Blunden e Catenacci si divorano il colpo del K.O. davanti a Haugen.

I Foxes alzano le barricate quando il Klagenfurt aumenta il ritmo, con Smith autentica muraglia. Nel finale tanto nervosismo, mancate chiamate da parte della quaterna arbitrale e Palaonda infuocato: il KAC tenta l’assalto con il sesto uomo di movimento, ma Marco Insam piazza la doppietta a porta vuota chiudendo il tabellino sul definitivo 4 a 2.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza