Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Bolzano

Il Questore di Bolzano Andrea Valentino sigla il Protocollo Zeus contro la violenza di genere

Pubblicato

-

Condividi questo articolo




Pubblicità

Stamane, 23 novembre, alle ore 11.00, presso la Sala Stampa della Questura, il Questore di Bolzano Andrea Valentino ha siglato un protocollo d’intesa, c.d.Protocollo Zeus”, con il Presidente del CIPM Triveneto (Centro Italiano per la promozione della Mediazione), Dott. Giacomo Pelosato, per il contrasto alla violenza di genere, agli atti persecutori ed al cyberbullismo.

Il “protocollo Zeus” è un importante strumento adottato dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza – Direzione Centrale Anticrimine della Polizia di Stato nell’ambito delle strategie finalizzate alla prevenzione e contrasto della violenza di genere.

Attraverso questo protocollo vengono formalizzate le procedure per l’invio, da parte della Divisione Anticrimine della Questura di Bolzano, dei soggetti c.d.maltrattanti”, autori di atti persecutori e di cyberbullismo, destinatari dell’ammonimento del Questore, a specifici programmi di recupero sociale ed in particolare presso il CIPM Triveneto.

Quando il Questore emette un provvedimento di Ammonimento, infatti, sia nel caso di atti persecutori che di violenza domestica, che di cyberbullismo, informa la persona ammonita della possibilità di sottoporsi volontariamente ad un programma di prevenzione organizzato dai servizi del territorio.

Anche la vittima viene informata della disponibilità di centri e servizi che possano fornirle supporto. Gli interventi preventivi rivolti all’autore di violenza sono complementari a quelli effettuati a sostegno delle vittime.

L’Ammonimento del Questore, previsto dall’art.8 del DL 11/2009 e dall’art. 3 del DL 93/2013, costituisce un importante strumento che ha la finalità di scoraggiare, nel contesto delle relazioni affettive o sentimentali, atteggiamenti persecutori o gravemente minacciosi, i quali – se ancora non integrano condotte un reato – potrebbero degenerare e preludere condotte illecite ben più gravi.

Nel 2017 con la legge 71 il legislatore ha esteso la misura dell’Ammonimento, già sperimentata in materia di atti persecutori e violenza domestica, anche a tutela del minore vittima di episodi di cyberbullismo.

L’Ammonimento può essere richiesto con istanza della vittima; oppure, solo nel caso di violenza domestica, di iniziativa del Questore o su istanza – anche in forma anonima – di una terza persona che ha assistito ad episodi di maltrattamento.

Per presentare istanza di ammonimento occorre recarsi presso un ufficio di Polizia per esporre in modo dettagliato tutti gli episodi di cui si è vittima o ai quali si è assistito: lesioni, percosse, telefonate, appostamenti, messaggi sui social media ecc.

L’istanza di Ammonimento, tuttavia, può essere anche inviata al Questore direttamente dall’interessato via posta elettronica all’indirizzo PEC della Divisione Anticrimine ([email protected]). Le informazioni fornite saranno valutate in breve tempo e la persona nei confronti della quale viene richiesto l’Ammonimento verrà invitato a tenere una condotta conforme con la legge nonché a sottoporsi volontariamente ad un percorso di recupero.

A seguito dell’Ammonimento, qualora le condotte illecite della persona ammonita non dovessero cessare, si procede d’ufficio (senza denuncia-querela) e la pena per i reati perpetrati sarà aumentata. Il principale vantaggio dell’Ammonimento risiede nella tempestività d’intervento: è un’opportunità di far cessare le condotte illecite più celermente, offrendo percorsi di recupero per il maltrattante.

Il “Protocollo Zeussiglato oggi 23 novembre 2023 dal Questore di Bolzano con il CIPM Triveneto segue un altro protocollo sottoscritto con la Caritas di Bolzano il 4 aprile 2023.

Aumentano pertanto i servizi sul territorio dell’Alto Adige a disposizione di chi intenda volontariamente intraprendere un percorso di recupero successivamente al provvedimento di Ammonimento emanato nei suoi confronti.

Il “Protocollo Zeus” è una delle tante iniziative della campagna permanente della Polizia di StatoQuesto non è amore”, disponibile sul sito istituzionale della Polizia di Stato digitando il seguente link: https://www.poliziadistato.it/articolo/questo-non-e-amore-2023–uniti-contro-la-violenza-di-genere

 

 

 

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

NEWSLETTER

Bolzano2 settimane fa

Fisioterapista aggredita a Bolzano con una coltellata alla gola

Italia ed estero2 settimane fa

Orrore per una tragedia familiare: uomo uccide moglie e due figli

Trentino4 settimane fa

Frana SS47 in Valsugana, riapertura in vista: si punta a marzo per il senso unico alternato

Alto Adige3 settimane fa

Corte d’appello di Venezia ammette definitivamente class action contro Banca Popolare dell’Alto Adige (Volksbank): le scadenze

Economia e Finanza4 settimane fa

L’AGCM interviene sul trasferimento di clienti da Intesa Sanpaolo a Isybank

Merano3 settimane fa

Straniero dà in escandescenza: guardia giurata aggredita a bottigliate finisce in ospedale

Trentino4 settimane fa

Orso insegue due ragazzi in Val di Sole

Bolzano4 settimane fa

Arrestato a Bolzano latitante per reati familiari e droga dopo sei anni di fuga

Laives4 settimane fa

A Laives i cittadini sono esasperati dalla situazione rifiuti

Società2 settimane fa

Edilizia abitativa agevolata: approvato il nuovo programma di interventi

Politica4 settimane fa

La nuova giunta provinciale dell’Alto Adige è stata eletta dal consiglio provinciale

Politica3 settimane fa

Philipp Achammer lascia la guida della Svp dopo dieci anni

Politica3 settimane fa

Arno Kompatscher esclude il doppio ruolo di presidente e segretario della Svp

Laives2 settimane fa

Incidente stradale a San Giacomo: ciclista 60enne ferito gravemente

Sport4 settimane fa

Sesto Pusteria in festa per il trionfo di Jannik Sinner nel suo primo Slam

Archivi

Categorie

più letti