Connect with us

L’impertinente

Il video del cadavere di Peter corre sui social. Quelle immagini che non abbiamo il diritto di guardare

Pubblicato

-

Condividi questo articolo

L’atroce spettacolo della morte corre sul social. Succede in queste ore, durante le quali è ormai diventato virale in canali di messaggistica istantanea come Whatsapp e Telegram il video del corpo senza vita di Peter Neumair, scomparso assieme alla moglie Laura Perselli la sera del 4 gennaio scorso. Nel suo lento fluttuare lungo il corso del fiume Adige, ormai in avanzato stato di decomposizione dovuto alla lunga permanenza in acqua, il cadavere viene trascinato dalla corrente.

Tutto il senso del drammatico epilogo di uno dei casi di cronaca più discussi degli ultimi 30 anni in Alto Adige è visibile lì, nelle crude immagini di un filmato girato con un telefonino da un passante certamente scioccato dal tragico avvistamento, ma istintivamente pronto, in uno slancio degno di questa nuova era tecnologica, ad immortalare ciò che solo i suoi occhi avrebbero altrimenti potuto ricordare nei tempi a venire.

E siamo certi che non avrebbe voluto essere esposto né ricordato così Peter Neumair, poco prima di essere ripescato dagli uomini del soccorso arrivati rapidamente sulla pista ciclabile che si trova all’altezza del ponte di Ravina, nella zona di Trento sud. Il video in questione, dai canali di messaggistica rischia ora, se già non è successo, di arrivare a circolare in maniera fin troppo rapida in piattaforme ben più ampie a livello di visibilità pratica come Facebook e Instagram.

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Ma si sa, la sovraesposizione al macabro rende il senso della morte più leggero e in qualche modo, meno impattante. Come accaduto per Marylin, Elvis e innumerevoli volti celebri del cinema, della musica e dello spettacolo, i cui scatti rubati pochi istanti dopo il decesso sono state diffusi in almeno la metà del globo terracqueo, anche a Peter è toccato dunque questo lungo attimo di involontaria, non richiesta ulteriore celebrità.

E’ la nuova democrazia del diritto a quell‘informazione che si ingurgita e si risputa (nei casi peggiori di ‘rivomita’) nel tempo di un click. Nessuna traccia di quella esclusività che un tempo segnava il confine con un ‘privilegio’ spettante unicamente agli addetti ai lavori i quali poi, attraverso filtri adeguati, passavano l’informazione alla pluralità dei cittadini. Un’informazione che invece oggi passa di mano in mano e di bocca in bocca in maniera quasi sempre incontrollata grazie ai network di rete. Un bel dilemma, quello del diritto all’informazione nell’era della tecnologia alla portata di tutti.

 

Pubblicità - La Voce di BolzanoPubblicità - La Voce di Bolzano

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Oltradige e Bassa Atesina2 settimane fa

Crea caos sull’autobus e poi al Pronto Soccorso, dove sferra una testata al vigilantes. Arrestato dai Carabinieri

Sport2 settimane fa

Podio alla prima stagionale per Manuela Gostner nel Ferrari Challenge Europe

Eventi2 settimane fa

Promosso a pieni voti l’inverno: Movimënt si prepara a un’estate di novità

Trentino2 settimane fa

La sfida lanciata dal modello cooperativo all’industria discografica. Se ne parla al Festival dell’Economia di Trento

Eventi2 settimane fa

Decimo anniversario della campagna di sensibilizzazione MutterNacht 2024. Sabato 11 maggio la giornata d’azione

Alto Adige4 settimane fa

Pronti a “pescare” le offerte dei fedeli con metro a nastro e scotch biadesivo in Chiesa: segnalati alle autorità

Alto Adige4 settimane fa

Proseguono a raffica arresti, denunce e tre decreti di espulsione anche in un 25 aprile “tranquillo”

Bolzano2 settimane fa

Aggressione a un medico al pronto soccorso: nigeriano con precedenti penali denunciato

Bolzano3 settimane fa

Aggressione in discoteca: giovane percosso e contuso. Scattano gli accertamenti di pubblica sicurezza

Oltradige e Bassa Atesina3 settimane fa

Crede di trovarsi di fronte ad un’occasione imperdibile, ma è tutta una truffa

Alto Adige2 settimane fa

Giustizia riparativa: Kofler: «uno strumento efficace per la nostra comunità»

Società4 settimane fa

Quindici giovani talenti della ricerca scientifica: workshop interdisciplinare Laimburg-Berlino

Alto Adige4 settimane fa

Espulsi madre e figlio per violenze sessuali, riti magici, obbligo del velo e lesioni sulla giovane moglie e nuora

Consigliati3 settimane fa

Scommesse sportive con deposito minimo basso

Oltradige e Bassa Atesina4 settimane fa

La prima tappa di “Borgo diVino in tour 2024” fa sosta a Egna con un ricco programma

Archivi

Categorie

più letti