Connect with us

Alto Adige

La spesa per energia e gas: il nuovo confronto prezzi del CTCU

Pubblicato

-

Sollecitato anche dalle numerose richieste di consumatori locali alle prese con un mercato confuso ed opaco (anche il periodo di pandemia ha fatto la sua parte), il Centro Tutela Consumatori Utenti ha condotto nelle ultime settimane il consueto confronto periodico fra le offerte dei maggiori fornitori locali e nazionali di luce e gas. Le possibilità di risparmio ci sono, ma si deve fare molta attenzione a non cadere nella trappola di facili promesse e di prezzi troppo allettanti. Anche le informazioni trasparenti e la qualità del servizio contano! Informatevi bene (non solo presso il fornitore!) prima di decidere qualsiasi cambiamento.

I risultati del confronto

Anche il recente confronto conferma la possibilità di spuntare margini di risparmio, scegliendo una nuova offerta sul mercato, risparmio che può variare da 150-400 euro all’anno per quanto riguarda l’energia e fino a 300 euro all’anno per quanto riguarda il gas (considerando le differenze di prezzo fra offerta più cara e offerta più economica): si tratta pur sempre di circa 400-700 euro all’anno di possibile risparmio; il che non è proprio poca cosa, soprattutto in questi tempi di “magra”.

Pubblicità
Pubblicità

Per il settore dell’energia abbiamo analizzato, inoltre, in modo più dettagliato le offerte dei fornitori locali Alperia, Selgas, Denco, la società cooperativa Ötzi, ASM Bressanone e l’Azienda Pubbliservizi Brunico. Siccome alcune offerte includono un bonus d’entrata o un bonus iniziale rateizzato nel primo anno, questo confronto si estende in un arco temporale di tre anni in modo da fornire un’idea più chiara sulla differenza della spesa complessiva tra un offerta e l’altra. Qui il risparmio triennale può variare dai 300 euro tra la tariffa più cara e quella più economica della potenza di 3 kw (consumo 2700 kWh) fino a 500 euro nel caso dei 6 kw (6000 kWh).

Consigli per valutare una nuova offerta o un nuovo fornitore

Utili indicazioni su questo argomento si possono leggere e/o scaricare al seguente link https://www.consumer.bz.it/it/cambio-fornitore-di-energia-elettrica-e-gas-breve-vademecum-del-ctcu, dove, già qualche tempo fa, avevamo messo a disposizione un vademecum per i consumatori, clienti del mercato elettrico e del gas.

Qual’è la differenza di spesa se richiedo una variazione di potenza del mio contratto energia?

Considerato che sempre più famiglie posseggono dotazioni elettriche in casa tecnologicamente avanzate (vedi ad es. le cucine elettriche oppure a induzione) oppure hanno alti consumi di energia, ai consulenti del CTCU viene spesso posta anche la domanda di quale sia, a parità di consumo annuo, la differenza di spesa fra un’utenza a 3 kw e una a 4,5 oppure 6 kw.

La differenza di spesa fra 3 e 4,5 kw varia da 35 a 80 euro/anno a seconda del consumo; mentre fra 4 e 6 kw è di 35 euro/anno (confronto fra le tariffe di maggior tutela, inclusive di imposte, tratte dal Portale Offerte di ARERA).

A ciò sono da aggiungere i costi (una tantum, del distributore e del venditore) per la variazione di potenza. Regole e importi dettagliati al seguente link: https://www.arera.it/atlante/it/elettricita/capitolo_3/paragrafo_6/domanda_7e.htm

Codice di condotta commerciale e bollette: qualche novità in arrivo

Il 1° gennaio 2023 (nuova deadline per la fine del cd. mercato di maggior tutela) è ancora lontano, ma il mercato libero pullula già di nuovi e “vecchi” fornitori e anche di offerte.

L’ARERA (l’Autorità di regolazione del settore) ha previsto intanto un ammodernamento del cd. codice di condotta commerciale (al quale i fornitori di energia elettrica e gas sul mercato libero devono rifarsi sia nella fase precontrattuale che in quella contrattuale con il cliente finale), le cui disposizioni dovrebbero entrare in vigore, in parte, dal prossimo 1 luglio e, in parte, dal prossimo 1 ottobre (vedasi Allegato A della deliberazione 97/2021/R/com sul sito di ARERA). Fra le novità più interessanti vi è quella dell’obbligo di fornire al cliente finale la cosiddetta scheda sintetica che dovrebbe riassumere già nella fase precontrattuale prezzi, servizi offerti e principali condizioni contrattuali dell’offerta. La scheda sintetica si affiancherà alla cd. scheda di confrontabilità, che esiste già e rimane lo strumento più utile per comprendere appieno gli effettivi margini di risparmio – oppure di maggior spesa – di ogni proposta commerciale di luce o gas.

Anche la bolletta subirà alcune modifiche: per tutte le offerte sottoscritte successivamente al 1 luglio 2021 nella stessa dovrà essere inserito il codice dell’offerta di riferimento, al fine di poter verificare se gli importi fatturati corrispondano o meno alle condizioni concordate con l’offerta.

Inoltre, nelle bollette emesse dopo il 31 dicembre 2021 dovrà essere visibile il consumo annuo effettivo, come rilevato nei 12 mesi precedenti la bolletta; in realtà, già ora alcuni fornitori stanno fornendo questa utile informazione ai propri clienti. Sarà invece soppressa l’indicazione dei costi medi unitari, ritenuta non proprio funzionale alla consapevolezza del cliente riguardo la spesa sostenuta. Ulteriori dettagli in merito a tali novità al seguente link.

Purtroppo continuano a giungerci segnalazioni riguardo a chiamate di call center, che con manovre non proprio trasparenti tentano di portare i consumatori alla conclusione di contratti con nuovi venditori di energia. Capire da cifre spiegate a voce se l’offerta convenga o meno è, secondo noi, quasi impossibile. Meglio dunque scegliere in proprio l’offerta che più ci convince, e non ‘farsi scegliere’ dal venditore che ci chiama“, raccomanda Gunde Bauhofer, direttrice del Centro Tutela Consumatori Utenti.

Ulteriori informazioni

Per informazioni a dubbi e domande sulle regole del mercato elettrico e del gas e le bollette potete rivolgervi telefonicamente allo Sportello Energia del CTCU nei seguenti orari: da lunedì a giovedì dalle ore 14 alle 17 / da lunedì al venerdì dalle 09 alle 12; oppure inviando una email a info@centroconsumatori.it

Si consiglia anche la lettura del nostro precedente comunicato stampa su “Offerte di energia e gas al telefono” del 26 marzo scorso.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

  • Bonus idrico pronto, ma sito offline: le domande al via dal 2022
    Manca poco all’arrivo del Bonus idrico che permette di ricevere un rimborso di 1000 euro per chi sostituisce rubinetti di bagno e cucina. Ad oggi anche se sembra tutto pronto per l’avvio della nuova agevolazione,... The post Bonus idrico pronto, ma sito offline: le domande al via dal 2022 appeared first on Benessere Economico.
  • Il futuro corre verso un’economia circolare: nuovi modelli di rigenerazione e sviluppo
    Il futuro dell’economia, dovrà evolversi tenendo conto della missione che ormai accomuna tutti gli stati del mondo, la sostenibilità. Di fatto, per avvicinarsi verso un’economia circolare che riduca la produzione dei rifiuti, garantisca uno sviluppo... The post Il futuro corre verso un’economia circolare: nuovi modelli di rigenerazione e sviluppo appeared first on Benessere Economico.
  • Boom di adesioni per il Bonus Terme, cosa possono fare gli esclusi
    Dopo le difficoltà iniziali, il Bonus terme ha riscontrato un a grande affluenza, tanto da esaurire i fondi nel giro di poche ore. Un boom di adesioni che però ha lasciato milioni di italiani esclusi... The post Boom di adesioni per il Bonus Terme, cosa possono fare gli esclusi appeared first on Benessere Economico.
  • Ipotesi Easy tax per autonomi: un ponte tra aliquote troppo diverse tra loro
    All’interno del delicato tema sul fisco, tra le varie proposte spunta anche l’easy tax per autonomi. La proposta si inserisce nel tema dell’ampliamento della Flat Tax agli autonomi con ricavi tra 65 mila e 100... The post Ipotesi Easy tax per autonomi: un ponte tra aliquote troppo diverse tra loro appeared first on Benessere Economico.
  • Buono viaggio Taxi e Ncc: fino al 50% di sconto sul totale della corsa
    Per alcune categorie di persone, viaggiare in taxi potrebbe essere più conveniente. All’interno del Decreto Rilancio e successivamente nel Dl infrastrutture è stata inserita una particolare agevolazione che prevede viaggi in auto con conducente e... The post Buono viaggio Taxi e Ncc: fino al 50% di sconto sul totale della corsa appeared first on Benessere […]
  • Bonus Partite Iva, fino al 13 dicembre la presentazione delle domande
    Bonus Partite Iva Il bonus, messo a disposizione del Governo è un sussidio erogato a favore dei soggetti esercenti di titolari di partita Iva, soggetti esercenti di attività di impresa che hanno subito perdite a... The post Bonus Partite Iva, fino al 13 dicembre la presentazione delle domande appeared first on Benessere Economico.
  • Cambia la lotteria degli scontrini, ipotesi estrazione istantanea dal 2022
    Il programma lotteria degli scontrini che ha accompagnato molti italiani per tutto il 2021, potrebbe subire dei cambiamenti a partire dal 2022. A differenza del cashback, la lotteria degli scontrini infatti, è stata confermata anche... The post Cambia la lotteria degli scontrini, ipotesi estrazione istantanea dal 2022 appeared first on Benessere Economico.
  • P. Iva, quando arrivano i contributi fondo perduto fino a 150 mila euro
    Dopo l’ok ufficiale da parte dell’Unione Europea, i contributi a fondo perduto per le P.Iva disposti dal Decreto Sostegni Bis vengono sbloccati e arriveranno entro l’anno. I dettagli della misura Il sostegno finanziato con 4,5... The post P. Iva, quando arrivano i contributi fondo perduto fino a 150 mila euro appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus Natale, a dicembre voucher e bonus per pensionati e categorie meno abbienti
    Con l’avvicinarsi delle festività si incomincia a parlare di Bonus Natale, una misura di sostegno al reddito introdotta dalla legge finanziaria del 2001 e rifinanziata nell’ultimo decreto legge. Si tratta quindi di un voucher, erogato... The post Bonus Natale, a dicembre voucher e bonus per pensionati e categorie meno abbienti appeared first on Benessere Economico.
  • Il ritmo dell’inflazione preoccupa, aumentano anche i prezzi del carrello della spesa
    Anche nel mese di ottobre il tasso di inflazione ha continuato a salire. In particolare, per il quarto mese consecutivo l’ISTAT ha registrato una crescita più alta di quanto previsto in precedenza. L’aumento del prezzo... The post Il ritmo dell’inflazione preoccupa, aumentano anche i prezzi del carrello della spesa appeared first on Benessere Economico.

Categorie

di tendenza