Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Alto Adige

CTCU: attenzione ai call center che aprono la “caccia grossa” ai clienti

Pubblicato

-

Condividi questo articolo




Pubblicità

Mentre il governo sembra ancora lontano dal trovare un’intesa sulla fine del mercato di maggior tutela e si sommano le smentite e le conferme sulle probabili date di definitiva cessazione (sarebbero il 10 gennaio 2024 per il gas e il 10 aprile 2024 per l’energia elettrica, a meno di nuove proroghe), diversi call center hanno aperto la caccia grossa ai clienti della nostra regione. Sono, infatti, numerosi gli altoatesini, per lo più clienti di fornitori locali, contattati in questi giorni telefonicamente da diversi call center, e alle “escamotage” (per usare un eufemismo) commerciali non pare davvero esserci limite.
Avevamo appena riferito di una fantomatica “agenzia per la tutela dei consumatori”, che solertemente avvisava i malcapitati clienti di “importi fatturati troppo alti, di errori, di semplici correzioni necessarie, che bastava fornire pochi dati e sulla prossima fattura sarebbe apparso lo sconto”: agenzia e sconti sono, ovviamente, inesistenti, e si tratta di meri tentativi di propinare un nuovo contratto di fornitura energetico e/o del gas.
Questa settimana poi vari clienti si lamentano di essere stati contattati da sedicenti rappresentanti di uno dei grandi fornitori locali di energia, ovvero Alperia. Anche qui, nel corso della telefonata (“a mitraglietta”), vengono promessi improbabili sconti sulla tariffa attualmente applicata. Chi chiama parla appunto molto velocemente, non da’ spazio a domande del consumatore, e il tutto mira unicamente a far concludere – telefonicamente – un nuovo (e ahimè molto poco conveniente) contratto.
La nostra Associazione ha provveduto subito a contattare Alperia, chiedendo alla società se le telefonate provenissero da un loro call center. Alperia ci ha confermato che ci sono diversi operatori e soggetti (poco affidabili) in circolazione, i quali si fingono “fornitori locali” di energia con l’intento di raggirare gli ignari consumatori contattati. Anche in Alto Adige, attualmente, si verificano frequentemente simili casi, con clienti, proprio di Alperia, contattati da call center che si presentano come “Alperia”, promettendo risparmi in bolletta o parlando di presunti problemi con il loro contratto energetico. Il loro obiettivo è chiaramente quello di ingannare i clienti offrendo loro poi spesso contratti energetici a prezzi tutt’altro che convenienti. Per questo motivo, il maggior fornitore locale dice di aver sollecitato i propri clienti a porre maggiore attenzione a tali tentativi di contatto telefonico, invitando – caso mai – gli stessi a richiedere sempre una conferma scritta via e-mail o a contattare il numero verde dell’attuale fornitore di energia.

Il nostro consiglio

Se ricevete una telefonata promozionale da chicchessia, evitate assolutamente di confermare la vostra identità, e chiudete subito la telefonata con un deciso “no, grazie!”. Soprattutto, non fornite al telefono dati personali, quali l’IBAN o il vostro numero di POD (è il numero della vostra fornitura elettrica).
Registrate poi tutti i vostri recapiti telefonici nel registro delle opposizioni: dalla fine di luglio scorso ciò è possibile anche per i numeri di cellulare, e la registrazione annullerà ogni consenso a ricevere telefonate pubblicitarie espresso in precedenza.
Infine, il solito motto: “scegliete voi il fornitore; non fatevi scegliere!” (https://www.consumer.bz.it/it/nuovo-confronto-prezzi-energia-e-gas-del-ctcu)
I consumatori che hanno delle domande sulla fine del mercato tutelato trovano tutte le informazioni più importanti a riguardo a questo link: https://www.consumer.bz.it/sites/default/files/2023-08/2023_VT_07-08_IT_1%20(2).pdf
Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

NEWSLETTER

Bolzano1 settimana fa

Fisioterapista aggredita a Bolzano con una coltellata alla gola

Italia ed estero2 settimane fa

Orrore per una tragedia familiare: uomo uccide moglie e due figli

Trentino3 settimane fa

Frana SS47 in Valsugana, riapertura in vista: si punta a marzo per il senso unico alternato

Alto Adige2 settimane fa

Corte d’appello di Venezia ammette definitivamente class action contro Banca Popolare dell’Alto Adige (Volksbank): le scadenze

Economia e Finanza3 settimane fa

L’AGCM interviene sul trasferimento di clienti da Intesa Sanpaolo a Isybank

Merano3 settimane fa

Straniero dà in escandescenza: guardia giurata aggredita a bottigliate finisce in ospedale

Politica4 settimane fa

Rosmarie Pamer della Svp nominata vice presidente di lingua tedesca della Provincia di Bolzano

Trentino4 settimane fa

Orso insegue due ragazzi in Val di Sole

Bolzano3 settimane fa

Arrestato a Bolzano latitante per reati familiari e droga dopo sei anni di fuga

Laives4 settimane fa

A Laives i cittadini sono esasperati dalla situazione rifiuti

Laives2 settimane fa

Incidente stradale a San Giacomo: ciclista 60enne ferito gravemente

Salute4 settimane fa

Mal di gola: cause e trucchi per prevenire il problema

Politica3 settimane fa

La nuova giunta provinciale dell’Alto Adige è stata eletta dal consiglio provinciale

Merano4 settimane fa

Inizia il processo al custode accusato del femminicidio avvenuto a Merano

Società2 settimane fa

Edilizia abitativa agevolata: approvato il nuovo programma di interventi

Archivi

Categorie

più letti