Connect with us

Le nostre storie

L’arte della Cucina dall’Alto Adige alla TV: la Voce incontra lo Chef Luca Giacomel

Pubblicato

-

La cucina è di per sé scienza, sta al cuoco farla diventare arte”.
(Gualtiero Marchesi)

Questa settimana ci dedichiamo al mondo della cucina ed abbiamo scelto uno Chef, che con passione e dedizione è riuscito ad arrivare addirittura, alla corte di Alessandro Borghese, (che conduce il programma “Cuochi d’Italia”), per rappresentare la nostra regione, in una sfida culinaria, che lo ha visto affrontare prima la regione Umbria e successivamente, la Sardegna.

Chi è Luca Giacomel

Pubblicità
Pubblicità

Nato a Bolzano nel 1976, Luca vive a San Giacomo di Laives, dove gestisce “l’Hotel Ristorante Alpenrose” del quale è proprietario, oltre che Chef.

Una vocazione per la cucina, la sua, che risale all’infanzia, e lo porta da ragazzino, ad iscriversi alla scuola alberghiera “Cesare Ritz” di Merano, da cui uscirà, forte delle competenze acquisite, già pronto a partire per le stagioni lavorative, negli Hotel e nei ristoranti delle più famose località balneari d’Italia, tra cui il “Grand Hotel di Rimini “ ed il “Grand Hotel di Cervia”.

Per un periodo Luca si trasferisce in Austria presso il famoso “Caffè Teatro” di Bregenz, ed a Vienna , presso il conosciutissimo “Hotel Sacher”, dove affinerà le sue conoscenze, nell’alta pasticceria. Oggi è inoltre, presidente dell’associazione cuochi Alto Adige, che conta circa 120 iscritti, in tutta la regione.

Dove e quando è nata la tua passione per la cucina?

La mia passione per la cucina, ha radici lontane. Quelle che risiedono nei rapporti stretti, in particolare tra nonni e nipoti. La condivisione degli spazi una volta, nelle famiglie era molto frequente, quindi poteva capitare che io piccolino, aiutassi mia madre a stendere i panni, mio padre a pulire la macchina o mio nonno a cucinare.

Ed infatti, il primo ricordo che ho di me in cucina, è quello con mio nonno Germano, che armeggia tra i fornelli, intento a preparare il pranzo della domenica, per tutti noi.

I suoi cavalli di battaglia erano: il baccalà mantecato (nonno era vicentino), la carne stufata e brasata, e poi le conserve. Avete presente i barattoli di sott’olio e sottaceti? Noi avevamo la dispensa piena di questi tesori, di ogni forma, colore e sapore.

E proprio facendo le conserve che nonno mi ha insegnato l’importanza delle materie prime, della lavorazione adatta per la loro miglior valorizzazione.

Germano tra i fornelli sembrava un Re, trasmetteva a pelle, la sua gioia nel cucinare, e poi, mi faceva assaggiare tutto, annusare le spezie, mescolare le pietanze. Io mi sentivo importante, mi vedevo “da grande”, riuscivo a vedere Luca adulto, che faceva quel lavoro… il mangiare per tutti!

È un lavoro stressante, con orari a volte impossibili e poco tempo a disposizione per se stessi e per la famiglia. Non ha mai vacillato la tua convinzione di essere uno Chef, pensando magari, di fare altro?

No mai. La cucina è parte di me, nelle mie creazioni ci sono io, c’è il mio pensiero, la mia fantasia, la mia storia.

Quando preparo un piatto, lo immagino come una tela bianca, esattamente come la vedrebbe un pittore. Il pensiero poi, prende forma attraverso ingredienti ben dosati ed amalgamati tra loro.

Ci deve essere armonia in un piatto, così come, in un’orchestra sinfonica, deve arrivare al mio ospite il piacere dei sensi, in particolare il gusto, la vista, e l’olfatto.

Sono sinceramente convinto quindi, che cucinare sia un’arte, non solo una professione, non solo una disciplina, ma un vero e proprio mezzo per esprimere se stessi. Ed io non mi stanco mai, di poter giocare con la fantasia e di ricevere il riscontro positivo dei miei clienti.

Raccontaci dell’esperienza in TV con Alessandro Borghese, nel programma “Cuochi d’Italia”.

Partecipare a questo programma è stato molto emozionante, nonostante sia durato circa due mesi, tra una registrazione e l’altra.

Alessandro Borghese, è veramente una persona spontanea e genuina come lo si vede in Tv, dalla battuta pronta e dal sorriso contagioso.

Sono stato orgogliosissimo di aver rappresentato l’Alto Adige in questa sfida, soprattutto perché invitato direttamente dalla produzione, e quindi questo significa, che tutto l’impegno che ho messo nel mio lavoro fino ad oggi, è stato in qualche modo riconosciuto anche dagli esperti del settore.

I piatti che ho presentato, erano delle mie creazioni. Cerco sempre di abbinare la tradizione all’innovazione, scegliendo prodotti semplici, genuini e possibilmente a km zero. Questo per onorare la nostra terra meravigliosa, e ciò che essa produce.

Cosa vorresti dire giovani che intraprendono questa professione?

A questi aspiranti cuochi, auguro di avere le stesse soddisfazioni che ho avuto io, e di non scoraggiarsi se a volte, può sembrare di vivere, esclusivamente dentro ad una cucina, chiudendo tutto il mondo fuori.

Gli auguro di portare avanti il nostro testimone, per quanto riguarda l’associazione, infatti noi crediamo molto nei giovani iscritti e li sproniamo a fare sempre del loro meglio.

Spero possano godersi non solo la meta, ossia il raggiungimento finale dei loro obbiettivi, ma anche il viaggio, dalla gavetta al successo.

Non crediate che arrivare in Tv significhi essere all’apice!

Può capitare, ben venga, ma alla fine di tutto il vostro percorso, la cosa più importante sarà sempre la libertà di esprimere voi stessi nei vostri piatti, e la fedeltà dei vostri clienti, che continueranno a tornare da voi, proprio perché, siete voi.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

  • Un solo tavolo al ristorante stellato, l’elegante genialità della ristorazione
    Il meglio delle esperienze che Venezia possa offrire è racchiuso in un luogo dove la declinazione dell’esperienza sarà il miglior servizio. Un posto non convenzionale che può essere scelto solo da coloro che accettano di non porre condizioni. Con geniale eleganza, Il Ristorante “Oro” dell’hotel Cipriani a Venezia rinasce mettendo in luce un dettaglio unico […]
  • A Bologna l’economia circolare in edilizia diventa realtà: arriva il nuovo asfalto 100% riciclato
    Un’edilizia circolare sempre più sostenibile dal punto di vista ambientale risulta una strada imprescindibile per il futuro dello sviluppo economico. Il riciclo dei materiali promette infatti oltre ad una sensibile riduzione dei rifiuti e dell’inquinamento, anche un’ottima soluzione per ottimizzare costi e ricavi. In un simile contesto risulta fondamentale lavorare sulla ridefinizione del ciclo produttivo […]
  • Una notte tra le Dolomiti e le stelle a 2055 metri di quota
    A pochi chilometri da Cortina tra cieli sconfinati e cattedrali rocciose esiste una camera che regala l’insolita emozione di ritrovarsi a dormire avvolti dall’affascinante magia di un paesaggio unico al mondo. La starlight Room, inclusa tra i dieci hotel più spettacolari del mondo, si trova infatti sopra al rifugio Col Gallina a 2055 metri in […]
  • “Vuoi costruire una piscina di pregio ma non sai bene da dove iniziare?” Comincia da qui
    Immagina un angolo di vacanza nel tuo giardino o terrazza, uno spazio accogliente e riservato dove poter dimenticare i problemi quotidiani e immergerti in momenti di benessere e relax da solo o con i tuoi cari. Magari è da un po’ che ci pensi ma qualcosa ti frena. Domande del tipo: “Da dove inizio? Mi […]
  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]
  • Internet supera i confini del deserto con 30 palloni aerostatici
    Dal mondo della tecnologia arriva il primo passo verso una società più equa. Il 4G supera i confini del deserto e arriva in Kenya grazie a 30 palloni aerostatici alimentati ad energia solare per garantire una copertura di rete a 14 contee keniote altrimenti isolate. L’iniziativa è frutto di un accordo tra la compagnia telefonica […]
  • Percorso Kneipp: concludere le vacanze in Trentino in totale relax
    La strana e tanto discussa estate 2020 sta per giungere al termine. E, se ci si trova in Trentino Alto-Adige, cosa si può fare per concludere al meglio la propria vacanza? Una delle tappe da non perdere è sicuramente il Percorso Kneipp, Centro situato in Val di Rabbi, per la precisione nella Frazione S. Bernardo. Il […]
  • In Giappone trionfano le vacanze covid – Free, di girare il mondo su un aereo ma con la realtà virtuale
    Per ottemperare alle rigide restrizioni imposte per abbattere la pandemia da Coronavirus garantendo contemporaneamente l’emozione del viaggio in aereo, una compagnia aerea giapponese ha riconvertito la propria offerta proponendo ai clienti  eccentriche vacanze virtuali a bordo di aerei finti con occhiali per la realtà virtuale. L’ideatrice di questo stravagante progetto è la Tokyo First Airlines, che permette […]
  • Si viaggerà ad idrogeno anche in Italia: dal 2021 al via i nuovi treni
    Negli ultimi anni, le soluzioni green per il trasporto pubblico si sono moltiplicate e concretizzate sempre di più attraverso la produzione di treni riciclabili a basse emissione oppure con l’entrata in servizio di Bus ibridi. A questo si aggiunge l’ultimissimo accordo siglato tra uno dei maggiori colossi di infrastrutture energetiche, Slam e una delle più […]

Categorie

di tendenza