Connect with us

Politica

Legge fase 2, Urzì: “Un capolavoro di marketing politico, impugnato dal governo”

Pubblicato

-

Una colossale arma di distrazione di massa dalla pressoché totale assenza della Provincia sulle sfide vere, non quelle di immagine. Davvero divertente che il governo abbia impugnato la legge provinciale sulle riaperture ma che  i consiglieri di Pd E M5S non abbiano votato in consiglio contro questa legge. Si chiariscano fra di loro e smettano di fare solo teatro“.

Così il consigliere provinciale di Fratelli d’Italia/AANC Alessandro Urzì, a poche ore dall’annuncio dell’approvazione del dlp sulla gestione locale per la fase 2 subito impugnata da Roma per evidenti incongruenze con quanto dettato a livello nazionale dal governo in materia di sicurezza sul lavoro (Fase 2: il governo impugna la legge provinciale. Boccia: “Inevitabile per sicurezza sul lavoro”).

La Provincia fa una legge (che non potrebbe fare perché la competenza, dice la Costituzione, non è sua ma dello Stato, ma intanto la fa lo stesso ma pare non gliene freghi niente a nessuno) che autorizza tutte le attività a ripartire. Evviva! Strepitoso! Una settimana prima che nel resto d’Italia, non due mesi prima. Ma il delirio collettivo fa perdere di vista il calendario e sembra una rivoluzione.

Pubblicità
Pubblicità

Ma il bello arriva dopo: siccome ‘ti faccio ripartire’ io Provincia ho esaurito i miei doveri nei tuoi confronti. Quindi non chiedermi soldi e aiuti. ‘Ti faccio ripartire, mica come lo Stato, cosa vuoi di più?’ Ossia? Il costo (economico) della crisi sarebbe stato tutto scaricato sulle imprese, i piccoli commercianti, gli artigiani. ‘Adesso potete lavorare!’ spiega Kompatscher e compagni. A costo zero per la Provincia e a costo totale sulle imprese mandate a combattere in prima linea (contro il virus e fra mille limitazioni) con le scarpe di cartone.

I 4 miliardi di aiuti promessi dalla Provincia li avete visti? No, ma per non farci pensare hanno pensato alla geniale idea della legge sulla ripartenza sette (dico sette, non 170) giorni prima del resto d’Italia. Così al posto che chiedere una mano alla Provincia i commercianti e poi tutti gli altri dovranno fare scontrini. E non si pensi che riaperta la saracinesca gli affari siano quelli di gennaio… Ma questo non lo dice nessuno. Affari loro.

Così con un colpo solo il geniale governo provinciale è riuscito a fare dimenticare di non avere messo più che quattro soldi sul piatto del sostegno all’economia ma in compenso porta a casa l’entusiasmo di chi voleva tornare alla normalità che normalità non sarà. A spese sue.

Sinora gli aiuti sono consistiti nel rinvio (non annullamento, rinvio) delle tasse e tributi locali (che si pagheranno da fine anno, quindi non sono stati cancellati), nelle garanzie sui prestiti delle banche (che potrai restituire in comodo rate che ti impiccheranno per i prossimi anni) e sui mini prestiti a fondo perduto (tassati, quindi dimezzati) sino a 10.000 euro (ma devi essere una bella azienda se no aspettati magari 3000 o 4000 euro, non di più, ovviamente tassati, per pagarci una mini frazione delle spese vive che hai avuto in questi mesi, ma solo se dimostrerai un calo di fatturato, quindi che se guadagnerai troppo perché va incredibilmente bene dovrai restituire i soldi – con gli interessi, ovviamente – , se no ti spingono magari a fare del nero – e speriamo non accada mai – per stare nei margini richiesti e non perdere due lire che per te sono ossigeno).

Un vero successo come piano di sostegno provinciale alla economia locale… Se si aggiunge il disastro della cassa integrazione in deroga ed i ritardi nell’erogazione dei 600 euro dello Stato la frittata è fatta“.

Solo due giorni fa Urzì si era già posto sul piede di guerra annunciando di procedere (cosa che poi ha fatto) con la stesura di una relazione di minoranza (Kompatscher contro Roma vuole lo scudo della legge provinciale. Urzì: “No al metodo catalano”Lettera di Urzì a Boccia: “Aperture differenziate non diventino la scusa per volontà separatiste”).

Conclude il consigliere: “Cosa volevamo noi? Avviare la ripartenza con un minimo di prudenza e non solo per arrivare prima di tutta Italia per l’operazione di marketing e di distrazione sopra esposta, favorire aiuti economici alle aziende per sopportare almeno questi dieci giorni e gli investimenti per i costi della ripartenza, aiutarle con liquidità che non si è vista a sopportare i costi sopportati (ci riempiamo sempre la bocca della nostra autonomia ricchissima, poi quando ce n’è bisogno pare che non ce ne sia mai per nessuno…).

Un po’ di arroganza in meno ed un po’ di concretezza in più.

In sintesi, la legge sulla ripartenza avrebbe aperto tutto mentre l’Alto Adige mostra un tasso R0 (quello di contagio) fra i più alti d’Italia e questo non sarebbe avvenuto sulla base di uno studio epidemiologico perché la Commissione che farà lo studio nascerà solo dopo la riapertura.

Lo avrebbe fatto costo zero per le casse della Provincia, ma questo trasforma in quello che non può che essere definito un delirio collettivo la Provincia in una paladina della economia (su cui viene scaricato l’onere di risolversi i problemi da sola).

Fa dimenticare d’un tratto che solo un mese fa la giunta provinciale parlava di investimenti per 4 miliardi; dichiarava la indipendenza della Provincia di Bolzano su scelte di natura costituzionale dall’Italia repubblicana (ingaggiando uno scontro istituzionale alla catalana), mandando tutti allo sbaraglio. Ma è un grande successo. Sì, di marketing“.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

  • Il futuro abbraccia l’ecologia e la natura: anche in Italia spopola la moda delle Tiny House
    Sono conosciute come le” Students Tiny house talk”, ovvero 10 metri quadrati di vivere ecosostenibile. Si tratta di tipiche casette svedesi completamente costruite in legno dal design moderno e pensate inizialmente per ospitare universitari. L’efficienza energetica e l’impronta ecologia sono l’aspetto fondamentale di queste abitazioni che puntano a minimizzare al massimo le emissioni di carbonio […]
  • La Nasa lo conferma: sulla Luna c’è acqua ed è accessibile
    Sulla Luna c’è acqua, un annuncio clamoroso ma vero. L’incredibile notizia arriva da due studi della Nasa pubblicati su Nature. Il primo studio coordianato dalla Nasa dimostra la scoperta rilevata dal telescopio volante Sofia della molecola dell’acqua sulla Luna. Grazie al telescopio Sofia, montato a bordo di un boeing 747 ha infatti risolto il mistero […]
  • A Trento è arrivato l’innovativo franchise di SkinMedic Beauty Clinic
    SkinMedic è un nuovo modo di concepire il mercato dell’estetica, in cui la realtà in franchising diventa un’opportunità di crescita condivisa. Da qualche mese, il noto marchio ha aperto anche una Beauty Clinic a Trento, presso il quartiere Le Albere. “Operiamo sul campo nel settore medicale-estetico da oltre 20 anni, inizialmente come produttori di attrezzatura […]
  • Casa Sebastiano: ogni giorno la qualità di una vita migliore
    In Trentino, a Coredo nel Comune di Predaia, tra boschi e il profumo dei frutteti, si apre un grande edificio in cui ogni giorno si costruisce la qualità di una vita migliore, Casa Sebastiano. Struttura dedicata alle persone con disturbi dello spettro autistico, è stata costruita dalla Fondazione Trentina per l’Autismo presieduta da Giovanni Coletti, […]
  • Dal camerino digitale alle chat “commessa”: Cambia l’esperienza d’acquisto anche nella moda
    L’arrivo del covid prima e l’emergenza sanitaria poi, sta accelerando un processo e una trasformazione che era più che mai prevedibile, puntando verso diversi cambiamenti, soprattutto quello dell’esperienza d’acquisto. Una direzione inconvertibile in cui molti, tra esperti e protagonisti del settore, stanno cercando di riprodurre le stesse sensazione dell’acquisto vissuto in negozio  provando ad uguagliarlo […]
  • Anche i grandi nomi della moda scelgono la sostenibilità: Prada lancia la nuova linea “Prada Re – Nylon” con plastica ricilata
    I grandi nomi della moda e del lusso si reinventano nella forma e soprattutto nella sostanza facendo della sostenibilità una propria cultura aziendale, impegnandosi verso una moda sostenibile e decisamente più responsabile. Questa è la direzione che ha deciso di prendere Prada, ampliando la sua proposta e introducendo una nuova collezione con del nylon rigenerato per […]
  • Al MART di Rovereto è arrivata la mostra “Caravaggio. Il contemporaneo”
    Michelangelo Merisi, in arte Caravaggio, è un pittore italiano nato a Milano nel 1571 e deceduto a Porto Ercole nel 1610. Questo incredibile autore, che si è formato a Milano e che ha lavorato a Roma, Napoli, Malta e in Sicilia fra il 1593 e il 1610, ha raggiunto la notorietà nel XX secolo dopo un […]
  • Arriva la crociera “ no where”: navigare in mare aperto senza scali né meta
    Dopo i voli verso il nulla annunciati da diverse compagnie aeree in Asia, ora, per riconquistare la fiducia dei viaggiatori e dei turisti di tutto il mondo arrivano anche viaggi in nave senza destinazione, le crociere “no where”. Si tratta di navigazioni in barca in mare aperto ma senza scali con andata e ritorno e […]
  • Il periodo di quarantena all’estero diventa un’opportunità di turismo: la Norvegia e il suo fascino
    Nonostante un periodo di limitazioni, viaggiare per turismo è diventato un imperativo, esiste infatti chi ha inventato proposte decisamente non convenzionali per trasformare l’attuale situazione di emergenza in una vera opportunità di turismo. Si parla in particolare del “Loften Quartine Tour”, un “pacchetto sicuro” pensato da Quality Group e marchiato da Il Diamante che punta […]
  • A Londra il vecchio taxi cambia stile: a bordo Playstation 4 e Apple TV
    Uno dei simboli della città di Londra, i tipici taxi neri Balck Cab dall’estetica retrò che percorrono le strade della capitale inglese, è stato finemente rivisitato in chiave moderna, realizzandone una versione di lusso ma fedele all’originale. Mantenendo la stessa funzione, un rivenditore di auto di fascia alta, ha realizzato un’edizione premium limitata di alto […]

Categorie

di tendenza