Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Politica

‘Ordine di espulsione’ dall’Alto Adige, Urzì: “Pochi titolari di seconde case, tanti lavoratori e famiglie”

Pubblicato

-

La richiesta è già partita, firmata dal sottoscritto e indirizzata al presidente della Provincia Kompatscher: va modificata l’ordinanza 8/20 che dispone, anzi ‘ordina’ a tutte le persone che non hanno la propria residenza in Alto Adige di rientrare alla propria residenza. Si intende quindi anche lavoratori e famiglie italiani, evidentemente, non solo improbabili turisti, titolari di seconde case o lavoratori stagionali stranieri“.

Così il consigliere regionale e provinciale Fratelli d’Italia L’Alto Adige nel cuore, Alessandro Urzì, che interviene nella polemica sull’ordinanza datata 12 marzo 2020 con la quale la Provincia di Bolzano, per evitare il sovraccarico del sistema sanitario locale già gravato dall’emergenza coronavirus, ha indicato a tutti i non residenti e turisti di lasciare l’Alto Adige (Sanità altoatesina a rischio. La Provincia ai turisti e ospiti: “Rientrate alla vostra residenza”).

Un provvedimento motivato dalla generica affermazione “affinchèpossano eventualmente beneficiare delle prestazioni dei propri medici di base ma che di fatto azzera senza alcuna motivazione sia logica che morale il presupposto per cui l’assistenza sanitaria sia un diritto costituzionale per ogni cittadino a prescindere dal luogo in cui si venga a trovare nel momento di un eventuale bisogno.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Ora, non è ben chiaro per quale motivo le disposizioni nazionali siano state discrezionalmente potenziate in Alto Adige con questa misura potenzialmente discriminatoria. Di certo è illegittima e va ritirata.

I casi di proprietari di seconde case che sono rimasti nell’alloggio delle ferie – sottolinea Urzì – esistono ma sono alcuni e ben circoscritti ad alcuni territori (Val Pusteria, valli Gardena e Badia, val d’Ega e poco più) ma il grosso del problema riguarda i lavoratori che prestano servizio in Alto Adige ma non hanno cambiato la loro residenza, operatori delle forze di polizia, militari, insegnanti, operatori dei servizi di trasporto, dipendenti di grandi imprese nei diversi settori, per esempio quello edilizio o di produzione che non si sono fermati nemmeno in questi giorni.

Sono persone che hanno casa in Alto Adige ma non necessariamente la residenza. Possono essere cacciati dal giorno alla notte dopo ‘l’ordine’ di Kompatscher? La Provincia può ritenersi una libera repubblica sino a questo punto? No, è illegittimo“.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Una misura che per il consigliere va immediatamente rimossa, poiché “costituisce una lesione del principio costituzionale del diritto alla salute per ogni cittadino italiano, ma che in tempi come questi significherebbe anche costringere al movimento in giro per l’Italia di persone che hanno in Alto Adige i loro interessi, le loro relazioni e le loro attività, costrette però da un ordine burocratico a mettersi in macchina o su un treno e viaggiare dove magari hanno famiglie d’origine numerose che potrebbero non gradire in questo momento avere nuovi contatti, considerata la sostanziale quarantena in cui è costretto l’intero paese. O sono persone a cui potrebbe essere “ordinato” di andare a Bergamo e nelle zone più rosse d’Italia. Irresponsabile“.

L’ordine di Kompatscher appare peraltro contraddittorio con i decreti del Presidente del Consiglio che prevedono la “possibilità” per chi si venisse a trovare fuori residenza formale di rientrare presso la propria residenza o domicilio senza dovere sottostare ai limiti posti per gli spostamenti.

Ma si tratta di una possibilità concessa, quella di Conte, non di un “ordine” imposto, che viene invece dettato in Provincia di Bolzano: un “decreto di espulsione dall’Alto Adige” che non reggerebbe ad un eventuale ricorso, ma veramente ora avremmo bisogno di altro invece di udienze di fronte ai Tribunali.

Si chiede per queste ragioni la revisione del decreto del Presidente della Provincia, che vogliamo ritenere frutto di una svista, e ripristinare il principio inviolabile dell’unità della Nazione e del diritto costituzionale alla assistenza medica in ogni parte del territorio nazionale senza minacce irricevibili di espulsione dall’Alto Adige. O si ritiene che un eventuale malato non altoatesino debba essere lasciato per strada fuori dai “nostri” ospedali?“, conclude Urzì.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Alto Adige5 ore fa

Incendio del camion in A22, a prendere fuoco è stato anche un camper: una persona è rimasta ferita

Bolzano6 ore fa

Scivola e sbatte contro i tronchi, ferito operaio 29 enne di Appiano

Alto Adige6 ore fa

La Provincia è al lavoro per identificare le strategie volte a garantire in futuro l’assistenza a lungo termine

Merano7 ore fa

Bonaldi incontra Dal Medico: «Mercato prioritario e l’idea di un Four you Meranese»

Politica7 ore fa

Il presidente Kompatscher invita gli aventi diritto al voto a partecipare al referendum di domenica

Alto Adige8 ore fa

Auto nuove per persone con disabilità, in Alto Adige le immatricolazioni non sono possibili

Politica8 ore fa

La presidente del Consiglio: “Partecipate al referendum di domenica”

Arte e Cultura8 ore fa

Archeoart: il fondo librario passa alla “Claudia Augusta”

Politica8 ore fa

Bolzano, servizio pubblico carente in orario serale e notturno, Urzì interroga la Provincia

Alto Adige9 ore fa

Trattore si ribalta tra Termeno e Sella: una persona rimane gravemente ferita

Bressanone9 ore fa

A22, camion prende fuoco sulla corsia sud dopo l’uscita di Varna – IL VIDEO

Alto Adige10 ore fa

Coronavirus: 16 casi positivi da PCR e 167 test antigenici positivi

Bressanone11 ore fa

Piano di Mobilità: oggi si parte a Bressanone

Val Venosta11 ore fa

Val Venosta, violento tamponamento fra un’auto e un autobus: intervengono i vigili del fuoco

Bolzano12 ore fa

Convitto provinciale “Damiano Chiesa”: ieri a Bolzano la festa per i 90 anni dalla sua istituzione

Bolzano3 settimane fa

Bolzano, alla fermata dell’autobus trovato il corpo senza vita di un 60enne

Alto Adige3 settimane fa

Coronavirus: 8 casi positivi da PCR e 124 test antigenici positivi

Alto Adige3 settimane fa

Coronavirus: 45 casi positivi da PCR e 496 test antigenici positivi

Bolzano3 settimane fa

Il Lido di Bolzano riapre al pubblico sabato 21 maggio: tariffe invariate

Sport3 settimane fa

Biglietti FC Südtirol – Modena. Le modalità di acquisto dei ticket per gara-3 della Supercoppa di Serie C 2022

Bolzano2 settimane fa

Eroina e kit per lo spaccio: coppia arrestata a Don Bosco dalla Polizia

Merano3 settimane fa

Referendum abrogativi popolari del 12 giugno 2022

Alto Adige2 settimane fa

Bolzano: controlli della Polizia di Stato nel capoluogo, un denunciato per detenzione di cocaina e due espulsioni

Bolzano3 settimane fa

Bolzano, sgomberato uno stabile in disuso: tunisino aggredisce 4 agenti, arrestato

Musica4 settimane fa

Bolzano Festival Bozen 2022 «Musica senza confini»

Alto Adige2 settimane fa

Coronavirus: tre i nuovi decessi, inoltre14 casi positivi da PCR e 536 test antigenici positivi

Benessere e Salute3 settimane fa

Come avviene un richiamo di prodotti alimentari? Mangiare, bere ed altre delizie: lo sapevate che…?

Società4 settimane fa

Anziani: Deeg ha incontrato il direttivo dell’Associazione pensionati

Vita & Famiglia3 settimane fa

DDL Zan. Coghe, Pro Vita Famiglia: emergenza omofobia è fake news

Italia ed estero3 settimane fa

Politica energetica: energia solare invece di armamenti militari

Archivi

Categorie

di tendenza