Connect with us

Sport

Podio per la gardenese Delago al SG di Lake Louise: “Inaspettato ma felicissima del risultato.”

Pubblicato

-

La scorsa domenica la sciatrice gardenese Nicol Delago, classe ’96, ha trionfato con uno splendido secondo posto al Super G di Lake Louise, in Canada. Per lei è stato il suo secondo podio nella carriera in Coppa del Mondo, il primo nel Super Gigante.

L’abbiamo intervistata, ed ecco le parole della campionessa altoatesina:

Arrivare seconda nel Super G è stato un risultato straordinario, durante la trasferta avevi pensato alla possibilità di salire sul podio?

Pubblicità
Pubblicità

“Ammetto che non mi aspettavo un podio in Super G, puntavo di più sulla discesa. E invece è arrivato proprio nella disciplina dove non avevo così tante aspettative.”

Questa vittoria è il tuo primo podio in questa disciplina in Coppa del Mondo. Che emozioni hai provato quando hai realizzato che eri arrivata seconda?

“È  stata una cosa incredibile, quando ho passato il traguardo ed ho visto che ero arrivata seconda non ci volevo quasi credere. Non avevo alcuna aspettativa in questa disciplina, ho pensato solo a sciare e a  divertirmi, ma alla fine è andato tutto per il meglio.”

Sappiamo che in gare importanti come questa la tensione e l’aspetto psicologico sono importanti. Come ti sentivi prima della gara?

“Devo dire che mi sentivo molto bene, era una bellissima giornata di sole, ero serena e non vedevo l’ora di scendere.  la pista mi piaceva tanto, e avevo voglia di riscatto dopo le due gare precedenti.”

Il tuo tempo è stato di 1.20.35, mentre la bavarese Regensburg ha vinto il primo posto con 1.20.00. Cosa pensi del tuo tempo? Avresti potuto migliorarlo?

“Sicuramente, se ci ripenso adesso avrei potuto tenere delle linee un po’ più tese nella prima parte per portare fuori ancora più velocità. La parte del piano invece mi è venuta abbastanza bene, ma nel complesso sono soddisfatta.”

Quando si parla di Sport sono importanti anche gli allenatori e l’attrezzatura giusta, quanto hanno inciso sul risultato finale?

“Io penso che contino veramente tanto, se arrivi sul podio sei lì anche per tutto quello che c’è dietro, anche se spesso non si vede. Ci tengo a ringraziare tutti i miei allenatori, gli sponsor, tutti coloro che credono in me e che mi hanno accompagnato in questo percorso. Poi naturalmente anche il mio SkiMan, che mi ha messo ai piedi degli sci velocissimi. Grazie a tutti quelli che lavorano con noi e che ci aiutano a migliorare sempre.”

Lo Sport femminile nel mondo negli ultimi anni sta ricevendo sempre più attenzioni, ma com’è la situazione in Italia?

“Credo che negli ultimi anni che mie compagne di squadra abbiano ottenuto dei bellissimi risultati e sono dei grandi esempi per i più giovani. Questo sicuramente aiuta ad aumentare l’attenzione per lo sci alpino sia in Italia che a livello internazionale.”

Che aspettative hai per il futuro della tua carriera?

“Il mio obiettivo è quello di continuare a divertirmi, di dare sempre il meglio di me stessa e di cercare di dare sempre la miglior prestazione in ogni gara.”

 

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza