Connect with us

Alto Adige

Premiato il progetto del rinnovato rifugio Ponte di Ghiaccio

Pubblicato

-

Il progetto per il rifacimento del rifugio Ponte di Ghiaccio/Edelrauthütte a Lappago, predisposto da MoDus Architects di Bressanone nell’ambito del concorso di progettazione indetto dalla Provincia nel 2011, è stato insignito dell’ICONIC AWARD 2019, premio internazionale germanico di architettura e design del Rat für Formgebung.

“Il prestigioso riconoscimento è motivo di soddisfazione anche per il committente Provincia e in particolare per la Ripartizione edilizia e servizio tecnico” afferma l’assessore provinciale all’edilizia pubblica Massimo Bessone ribadendo il ruolo della Provincia di Bolzano “nel sostenere sempre l’aspetto qualitativo in edilizia e di essere promotrice dell’architettura innovativa e di elevata qualità nelle costruzioni per i cittadini”.

Nel processo costruttivo di qualità, infatti, la figura del committente risulta essere fondamentale e strategica nell’incentivare e sostenere la predisposizione di progetti innovativi di elevata qualità grazie ai concorsi di progettazione.

Pubblicità
Pubblicità

Il rifugio Ponte di Ghiaccio/Edelrauthütte, situato a 2.545 m di altezza s.l.m. nei pressi del Passo Ponte di Ghiaccio, tra Fundres e Lappago nel mezzo delle Alpi Aurine, è uno dei 26 rifugi trasferiti dallo Stato alla Provincia. Per il pessimo stato di conservazione è stato oggetto di demolizione e ricostruzione. Il nuovo edificio è una costruzione in legno a forma di elle che si inserisce molto bene nel paesaggio e mantiene una traccia simbolica del vecchio edificio.

La struttura è compatta, chiusa verso nord e più aperta verso sud. I tre elementi naturali principali sole – acqua – vento vengono sfruttati al meglio dalla sua forma, orientamento e inclinazione per l’approvvigionamento energetico e idrico. Inoltre, il sistema di costruzione adottato si basa sull’impiego di elementi prefiniti in legno, il tutto all’insegna della sostenibilità ambientale.

Alto Adige

Politiche giovanili, approvato il piano per il 2020

Pubblicato

-

Ogni anno l’Ufficio politiche giovanili della Ripartizione cultura italiana della Provincia elabora un piano di attività che viene approvato anche dalla Consulta provinciale dei giovani.

Il piano contiene la pianificazione delle attività a favore di chi lavora in ambito giovanile attraverso centri giovani e progetti in ambito culturale. La Giunta Provinciale ha dato il via libera al nuovo programma per il 2020 per una spesa complessiva di 2,05 milioni di euro.

Valorizzare il territorio attraverso le attività dei giovani è essenziale – sottolinea l’assessore Giuliano Vettorato – vogliamo proseguire con la strada intrapresa dall’inizio della legislatura, creando le condizioni affinché si possano incrementare le competenze dei giovani, le opportunità e le risorse per i progetti messi in campo”.

Pubblicità
Pubblicità

Il piano

Il piano prevede in gran parte interventi a sostegno del sistema delle organizzazioni giovanili in lingua italiana della Provincia di Bolzano secondo il principio della sussidiarietà. Si tratta di assegnazioni per il pagamento di personale specializzato, che lavora nei centri di cultura giovanile, e per la gestione degli spazi.

Il piano punta anche ad implementare i cofinanziamenti per le progettualità giovanili negli ambiti delle passioni, dell’impegno giovanile e dell’innovazione del territorio. Nello schema di attività inoltre sono previsti anche investimenti per le strutture giovanili della Provincia.

Per il 2020 previste anche spese per la promozione delle politiche giovanili, per la formazione degli operatori giovanili, per le attività di comunicazione sociale per promuovere le attività svolte sul territorio, per la promozione di bandi e di progetti per implementare la creatività giovanile e la occasioni professionali dei giovani in ambito culturale, oltre all’attività di promozione del nuovo spazio Drin in corso Italia 34. Per l’attività 2020 è previsto un impegno di spesa totale di 2,05 milioni di euro.

Continua a leggere

Alto Adige

Giochi e divertimento all’Euregio Summer Camp 2020

Pubblicato

-

Dal 9 al 16 agosto 2020, circa 60 bambini di età compresa tra gli 11 e i 14 anni provenienti dal Tirolo, dall’Alto Adige e dal Trentino vivranno insieme la pluralità culturale dell’Euregio Tirolo-Alto Adige-Trentino.

L’occasione sarà data dall’Euregio Summer Camp 2020 in programma a Dobbiaco all’insegna del motto “La natura incontra la cultura“. Le iscrizioni sono possibili a partire da mercoledì 22 gennaio sulla homepage dell’Euregio.

L’Euregio Summer Camp si svolge per l’ottava volta. L’iniziativa avrà luogo nella cornice dell’Ostello della Gioventù di Dobbiaco nel Centro culturale dell’Euregio, struttura immersa nella natura che offre un’ampia gamma di opportunità per i giovani partecipanti nelle immediate vicinanze.

Pubblicità
Pubblicità

L’Euregio Summer Camp è un simbolo per l’idea comune dell’Euregio Tirolo-Alto Adige-Trentino. I giovani di tutti e tre i territori abbandonano le barriere linguistiche per conoscere e apprezzare le similitudini culturali e storiche. Questa conoscenza è fondamentale per una collaborazione rispettosa“, sottolinea il Presidente dell’Euregio, Günther Platter.

Stringere amicizie transfrontaliere

Particolarmente importante – aggiunge il presidente altoatesino Arno Kompatscher – è che i giovani oltre a fare amicizia e scambiarsi esperienze apprendano in modo ludico informazioni sulla storia, la cultura e la natura del territorio. Inoltre, le amicizie transfrontaliere che si creano in questo modo sono formative per il futuro dei partecipanti e un valore aggiunto per l’Euregio nel suo complesso“.

Il programma dell’Euregio Summer Camp è bilingue. “Attività congiunte e unità linguistiche in un’atmosfera rilassata facilitano la comunicazione tra i giovani“, concludono Platter e Kompatscher.

Continua a leggere

Alto Adige

Ripartizione mobilità, bando per la direzione

Pubblicato

-

La Ripartizione provinciale Mobilità con i suoi cinque uffici Ferrovie e trasporto aereo, Trasporto persone, Funivie, Patenti e Motorizzazione offre una vasta gamma di servizi.

Della Ripartizione fanno parte anche il Servizio sportello ripartizione mobilità e il Monitoring mobilità. Una procedura di selezione individuerà ora il nuovo direttore. Il bando di selezione per la nomina a direttrice o direttore della Ripartizione Mobilità è stato pubblicato oggi sul Bollettino Ufficiale della Regione Trentino-Alto Adige Nr. 3 (22 gennaio 2020).

Gli interessati in possesso dei requisiti possono inviare la propria domanda di partecipazione esclusivamente in forma elettronica entro le ore 24 del 21 febbraio 2020 all’Ufficio Organizzazione (organizzazione@provincia.bz.it).

Pubblicità
Pubblicità

Informazioni sulla procedura sono consultabili sul Bollettino Ufficiale della Regione o sulla pagina web della Provincia dedicata al Personale nella sezione dedicata alle Selezioni per il personale dirigente.

Continua a leggere

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza