Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Bolzano

Questura di Bolzano: espulsi numerosi cittadini stranieri autori di vari reati

Pubblicato

-

Nella giornata di lunedì, personale della Questura di Bolzano ha proceduto all’espulsione e all’accompagnamento di un cittadino marocchino irregolare sul territorio nazionale.

Lo stesso era stato denunciato più volte, in quanto autore di numerosi reati: furti in esercizi commerciali, maltrattamenti, lesioni personali aggravate, ricettazione e indebito utilizzo di carte di credito.

Il nordafricano è stato accompagnato presso un Centro di Permanenza per i Rimpatri, da dove, esperite tutte le pratiche burocratiche, verrà imbarcato su un volo diretto nel Paese d’origine.

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Tale provvedimento di espulsione si colloca nell’ambito di un’attività, intensificata negli ultimi mesi, di individuazione dei cittadini stranieri irregolari più pericolosi e recidivi che gravitano nel capoluogo, effettuata dall’Ufficio Immigrazione in collaborazione con la Squadra Volante e la Squadra Mobile della Questura.

I controlli si sono concentrati nelle aree piùcalde” del territorio cittadino, ad iniziare dall’area prospiciente la Stazione Ferroviaria. Questa attività di rintraccio ha determinato l’irrogazione, da parte dell’Ufficio Immigrazione, di sessantuno provvedimenti di espulsione.

Tra questi, ventisette cittadini stranieri dal profilo criminale meno gravoso sono stati destinatari del decreto di espulsione e della contestuale intimazione a lasciare il Territorio Nazionale.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Invece, gli altri trentaquattro cittadini stranieri, protagonisti dei reati più gravi e dei fatti illeciti che hanno destato allarme sociale, sono stati accompagnati dal personale della Questura presso i Centri di Permanenza per i Rimpatri, in vista del rientro effettivo nei Paesi di appartenenza.

I casi più recenti sono quelli di due giovani cittadini tunisini.

Il primo, denunciato più volte per spaccio di droga e con divieto di dimora in un Comune fuori Regione, aveva deciso di trasferirsi a Bolzano è stato individuato proprio presso i Giardini della Stazione.

L’altro, denunciato per aver commesso furti ai danni di esercizi commerciali della città e condannato, oltre che per furto, per rapina e resistenza a pubblico ufficiale, è stato controllato in un’area abbandonata lungo il fiume Isarco.

Entrambi sono stati accompagnati in un Centro per i Rimpatri del Nord Italia e rimpatriati in Tunisia.

 

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza