Connect with us

Bolzano

Sardine ‘riunificate’, il 13 la manifestazione a Bolzano. Maglione: “Per me questione chiusa”

Pubblicato

-

Dopo la recente spaccatura che ha visto la creazione di una seconda pagina dedicata al movimento in Alto Adige, le Sardine bolzanine sembrano fare un passo indietro facendo sottintendere una sorta di “riunificazione” con il lancio della manifestazione prevista per venerdì 13 dicembre alle 18.30 in piazza Mazzini.

Un tentativo di conciliazione forse dettato dalla consapevolezza che nel resto d’Italia il “popolo ittico” si stringe nelle piazze senza accenni di divisioni.

Risale allo scorso 19 novembre la creazione della pagina Facebook “Sardine Bolzano Bozen”. Una pagina inizialmente, e poi scopriremo anche volutamente, avvolta dal mistero dato che nessuno aveva voluto rivelare la propria identità.

Pubblicità
Pubblicità

Chi c’era dunque dietro questo progetto in luce di portare i giovani antisalviniani a Bolzano?

A svelare pubblicamente l’arcano, dopo qualche giorno, è stato il 20enne bolzanino Diego Laratta dei Giovani democratici ed esponente dei Fridays for Future. E’ Laratta in un primo momento a contattare la pagina delle Sardine e a chiedere di diventarne “editor”, scoprendo poi che tra gli amministratori c’era Max Maglione, esperto di marketing politico elettorale e titolare dell’omonima agenzia di comunicazione.

Era dunque Maglione il creatore, su commissione di alcuni simpatizzanti bolzanini, della prima pagina dedicata alle Sardine. La cosa non è piaciuta a Laratta che lo ha accusato di aver voluto manipolare, per motivi di interesse personale, la nascita del movimento delle Sardine in Alto Adige.

Noi abbiamo chiesto a Maglione di fornirci una sua versione dei fatti e di spiegare perché ha accettato il ruolo di amministratore di una pagina le cui necessità di comunicazione sono più ideologiche che pubblicitarie.

Verso la metà di novembre sono stato contattato da Adriano Moruzzi e Manuel Zorzetto, bolzanini che si riconoscono negli ideali delle Sardine, per l’apertura della pagina e il suo lancio. Io ho acconsentito a prestare il mio servizio a livello di realizzazione e social marketing suggerendo appositamente la strategia del mistero per riuscire a catturare l’attenzione dei cittadini e dei media. Già nei primi giorni la pagina era arrivata quasi a 1.800 like“.

Ti accusano di aver voluto manipolare la situazione per interessi personali.

Ho prestato la mia professionalità a chi me lo ha richiesto. Quando sono stato contattato da Diego Laratta, lasciandogli tutta la libertà di partecipazione alla gestione della pagina, ho riaffermato la necessità di mantenere l’anonimato della pagina delle Sardine bolzanine, anche nel rispetto delle due persone che mi avevano affidato la ‘missione’ di farla crescere e per evitare protagonismi di stampo politico che gli stessi che hanno richiesto il mio aiuto volevano evitare.

Ricordo che la pagina non era di mia proprietà. Non ero autorizzato a lasciare il controllo della situazione a terze persone. Non vorrei che chi ha successivamente contestato la mia presenza professionale lo abbia fatto perché si è visto togliere un’occasione di visibilità. Ma rimane una supposizione“.

Laratta ha preso dunque le distanze dalla situazione andando a creare una seconda pagina dedicata al movimento.

Lo ha fatto chiedendo ad alcuni giovani di Fridays for Future (Giovanni Gottardo e Nausicaa Mocellin ndr) di realizzare una nuova pagina, amministrata oggi anche da Francesco Odorizzi. E’ nata così “Sardine Altoatesine Südtiroler Sardinen“. Certo è che da parte mia non c’era intenzione di dare vita a nessun verticismo. Io non sono più amministratore e lo sono stato solo per il tempo necessario a portare a termine il mio compito di comunicatore, senza nessun intento manipolatorio“.

In fondo si potrebbe pensare che abbia ragione Laratta quando afferma che “per il bene delle Sardine” forse era il caso di insistere per farti fare un passo indietro, dopo le tue supposte continue esitazioni.

Non ci sarebbe stato bisogno di chiedermelo, dal momento che il mio compito si sarebbe esaurito poco dopo il buon esito del lancio della pagina. Quello che invece ha insospettito me, è questa volontà di voler estromettere un servizio che era stato richiesto e non imposto. Perché voler aprire una seconda realtà sul social se non per una maggiore volontà di controllo della situazione? Sono io quello che ora si può interrogare sulla reale bontà della posizione di chi ha creato la frattura, ora forse in via di ricomposizione, tra le diverse anime delle Sardine in Alto Adige“.

Ma le esitazioni a mollare però ci sono state.

Nulla di strano anche qui. Mi era stato dato un compito e persone non autorizzate dai creatori originari del movimento a Bolzano insistevano perché lasciassi subito. Ma io avevo un lavoro da portare a termine e l’ho fatto al momento opportuno“.

Strano voler richiedere un servizio di comunicazione e marketing per l’apertura della pagina Facebook di un movimento ricco di ideali come quello delle Sardine. Non potrebbe comunque sembrare un’operazione sospetta?

Non lo è dal momento in cui mi è stato richiesto di dare vita ad un’azione comunicativa trasparente e senza ulteriori fini. Sono rimasto amministratore solo per tre giorni, ovvero il tempo necessario per fare sì che arrivasse subito oltre i 1500 ‘mi piace’. Obiettivo raggiunto, come tutti hanno potuto vedere.

Quello che non capisco, è questa decisione almeno per il momento, nonostante l’aria di pacificazione tra le due diverse realtà, di tenere ancora le due pagine separate. E con questo terrei a chiudere definitivamente tutta questa vicenda che sicuramente non ha giovato, per l’apprensione quasi politica di molti, all’immagine di questo neonato movimento“.

Rimane un velo nel frattempo su questa doppia anima delle Sardine altoatesine. Il 13 dicembre a Bolzano avremo modo di vedere in quanti scenderanno in piazza e soprattutto se i rispettivi amministratori delle due pagine in questione troveranno un accordo per l’unificazione. Nel frattempo, la questione per noi rimane sospesa.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

  • Coronavirus: Paziente Virtuale evita i test sugli animali
    Grazie alle diverse ricerche ed ai numerosi studi dell’Università di Catania, si rafforza il filo della comunicazione tra il clinico e il laboratorio, dando vita al progetto del Paziente Virtuale. Un progetto completamente italiano che potrebbe finalmente evitare la sperimentazione animale, necessaria per testare farmaci e vaccini anche contro il più recente Coronavirus. Infatti, per […]
  • Sconti e voli gratis ai viaggiatori se bambini piangono o disturbano in aereo, l’idea di una compagnia aerea americana
    Sembra incredibile, ma il binomio aereo – neonato, si posiziona tra i primi posti come motivo di fastidio e disturbo per molti viaggiatori, portando una compagnia area alla decisione di far volare gratis i passeggeri che si trovavano a viaggiare con bambini piangenti a bordo. Ad ovviare questo il problema è JetBlue Airways la compagnia aerea […]
  • Russia registra il primo vaccino al mondo contro il coronavirus
    Dopo mesi di test e di attesa è la Russia a battere tutti e registrare Sputnik il primo vaccino al mondo contro il Coronavirus. Sputnik, il vaccino sviluppato dall’Istituto Gamaleya di Mosca ha ricevuto il via libera dal Ministero della Sanità russo. Citando i media russi, Putin avrebbe rivelato che anche alla figlia è stata […]
  • Piccoli sottomarini privati, il nuovo sogno degli esploratori
    Dalle tranquille avventure sulla superficie dell’acqua all’eccitante esplorazione delle profondità dei fondali marini a bordo dell’ultimo e più sensazionale giocattolo marino: il sottomarino personale. Leggero da trasportare in macchina e comodo da tenere nei garage dei superyatch, il nuovo trend subacqueo prenderà il posto dei numerosi sport d’avventura fin’ora sperimentati. Costruito per esplorare i fondali […]
  • Prima lo adotti poi raccogli i suoi frutti, a Milano nasce la Food Forest, la foresta edibile
    Oltre 2.000 tra piante, ortaggi, piante officinali, alberi, arbusti da frutto e da legno ospitati nel cuore dell’immensa città metropolitana di Milano, con l’obbiettivo di ristabilire il rapporto primitivo tra l’uomo e i prodotti che Madre Natura gentilmente offre. Questo, starà alla base della nuova Food Forest, la foresta edibile  che in autunno prenderà vita all’interno […]
  • Ponte Tibetano e Cascate di Saent: che bella la Val di Rabbi!
    Costruito nel 2016 sopra il torrente Ragaiolo in Val di Rabbi, il ponte tibetano è ormai diventato una tappa fissa per tutti coloro che amano la montagna e la Val di Rabbi. Costruito in ferro e con una pavimentazione di grate di ferro, il ponte tibetano è adatto a grandi e piccini grazie anche alle […]
  • Si allunga la lista delle preziose aree naturali del Pianeta: l’Unesco aggiunge altri 15 Geoparchi da tutelare
    Riconosciuto a livello internazionale come un territorio che possiede un patrimonio geologico particolare e una strategia di sviluppo sostenibile, il Geoparco deve comprendere un certo numero di siti geologici di particolare importanza in termini di rarità, qualità scientifica e rilevanza estetica o valore educativo per essere definito tale. In particolare, si tratta di aree in […]
  • Samsung lancia l’idea: Prevenire gli incidenti grazie ad un camion attrezzato con schermi LCD
    Visibilità azzerata, traffico intenso, grandi mezzi e sorpassi azzardati sono tutti problemi autostradali che potrebbero trovare soluzione grazie ad un “camion trasparente” con grandi schermi LCD: Un‘ idea tanto semplice quanto potenzialmente utile che potrebbe facilitare le manovre di sorpasso dei grandi mezzi riducendo i rischi di incidenti. L’idea è stata presentata da Samsung con […]
  • Trentino Wild Park: il parco avventura più grande d’Italia
    Affrontare situazioni che non appartengono alla vita normale percorrendo una realtà diversa da quella urbana, attraversando ponti tibetani, liane e guardando il bosco tra le chiome degli alberi, sono la base di un intrigante situazione, lontana dalla vita cittadina ma alternativa ad un classico tour. La possibilità di vivere forti emozioni e sentirsi veramente immerso […]
  • Perserverance, la missione Nasa in cerca di vita su Marte
    Fa parte della natura umana esplorare, conoscere e spingersi sempre oltre i limiti terrestri, fino a Marte ad esempio, diventata ormai una delle migliori alternative alla Terra. Trovare tracce di una vita passata o presente sul pianeta rosso, raccogliendo campioni di suolo e studiando la superficie di Marte. Questo è il motivo che ha spinto […]

Categorie

di tendenza