Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Politica

Scuola, M5S: “Ancora discriminazione per i docenti italiani. In Alto Adige si nega l’evidenza”

Pubblicato

-

Non affrontare la questione della discriminazione della scuola italiana in Alto Adige significa continuare a negare l’evidenza“.

Lo sottolinea in un comunicato il Consigliere provinciale del MoVimento 5 Stelle Diego Nicolini, il quale porta alla luce ancora una volta la situazione di discriminazione degli insegnati precari italiani in provincia di Bolzano.

Da molti anni sono negate loro le medesime opportunità di stabilizzazione offerte ai colleghi del resto d’Italia e ai colleghi delle scuole tedesca e ladina – afferma Nicolini – . Né assunzione in ruolo dei precari storici, né possibilità di accedere alle procedure abilitanti che la Lub riserva solo a chi ha idonei filtri linguistici“.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Emblematico è anche il caso degli insegnanti di sostegno la cui carenza è tale da non permettere ai più fragili tra gli studenti di seguire le lezioni adeguatamente.

Ciò nonostante – continua Nicolini – quest’anno la Libera Università di Bolzano ha scelto di non attivare percorsi abilitanti di sostegno, a differenza del resto d’Italia che ne ha attivato per 22000 persone e si appresta, entro poche settimane, ad attivarne qualche altro migliaio. Per la scuola tedesca e ladina, al contrario, sono stati recentemente banditi percorsi a requisiti ridotti.

Il fatto che manchino insegnanti di sostegno abilitati è ancora più inquietante se si pensa che in Provincia di Bolzano i posti in organico non sono stabiliti – come la logica, prima ancora della normativa nazionale, imporrebbe – sulla base del numero degli alunni disabili bensì – in virtù dell’articolo 15/bis che dal 2008 ‘arricchisce’ la legge provinciale 12/2000 nella misura di un insegnante ogni 100 alunni complessivi.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Tale legge – chiaramente incostituzionale in quanto determina per gli alunni ex legge 104 un peggioramento di condizioni rispetto alla normativa nazionale e non tiene conto delle loro effettive necessità – comporta anche un’ulteriore discriminazione per la scuola italiana, ove la percentuale di alunni disabili è pari al 7% (con casi eclatanti come alla scuola media “Ada Negri” al 12,5%), mentre nella scuola tedesca si attesta sull’1,70% e la media nazionale sul 3,6%”.

E ancora: “In provincia di Bolzano gli insegnanti di sostegno precari non specializzati sono obbligati a frequentare un corso biennale dell’Intendenza che richiede molto impegno ma non garantisce nessun diritto di abilitarsi né, tanto meno, di stabilizzarsi. Oltre il danno, la beffa. E così, a breve quando saranno riaperte le graduatorie i nostri insegnanti precari saranno sostituiti da insegnanti che hanno potuto specializzarsi altrove“.

Lo scorso dicembre l’OdG “Studenti BES: potenziamo subito la scuola italiana” presentato dal consigliere Nicolini e sottoscritto dal consigliere Repetto, che chiedeva alla Provincia di impegnarsi a:

1. attivare una ricognizione precisa sui numeri degli studenti BES, in particolare riguardo a quelli rientranti nella ex legge 104.
2. attivare immediatamente nella Provincia autonoma di Bolzano i TFA (Tirocini Formativi Attivi) per la scuola italiana e prevedere le rispettive spese di bilancio, per consentire a qualsiasi aspirante insegnante di sostegno ad abilitarsi,
3. tutelare gli studenti BES garantendo il diritto allo studio. Link ODG : http://www2.landtag-bz.org/documenti_pdf/IDAP_633959.pdf

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

“In quell’occasione l’assessore Vettorato ha promesso che avrebbe portato immediatamente delle proposte in Giunta ma che era necessario prima verificare i numeri degli alunni BES. Eh sì, questa del calcolo degli alunni BES sembra essere un’operazione impossibile.

Infatti, per l’anno scolastico 2020/2021 l’assessore ha dichiarato a dicembre 2020 in un bollettino della Provincia, che fossero 1240, a luglio 2021 in due risposte a due differenti interrogazioni che fossero 955 e infine, lo scorso novembre, in una risposta ad una terza interrogazione, che fossero 411. Un bel grattacapo.

Intanto però lunedì prossimo si darà avvio alle celebrazioni per l’anniversario del secondo pacchetto dello Statuto di Autonomia che dovrebbe rappresentare la base per la convivenza egualitaria dei tre gruppi linguistici. Non affrontare la questione della discriminazione della scuola italiana significa continuare a negare l’evidenza“, conclude Nicolini.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Alto Adige11 ore fa

Incendio del camion in A22, a prendere fuoco è stato anche un camper: una persona è rimasta ferita

Bolzano11 ore fa

Scivola e sbatte contro i tronchi, ferito operaio 29 enne di Appiano

Alto Adige11 ore fa

La Provincia è al lavoro per identificare le strategie volte a garantire in futuro l’assistenza a lungo termine

Merano12 ore fa

Bonaldi incontra Dal Medico: «Mercato prioritario e l’idea di un Four you Meranese»

Politica12 ore fa

Il presidente Kompatscher invita gli aventi diritto al voto a partecipare al referendum di domenica

Alto Adige13 ore fa

Auto nuove per persone con disabilità, in Alto Adige le immatricolazioni non sono possibili

Politica13 ore fa

La presidente del Consiglio: “Partecipate al referendum di domenica”

Arte e Cultura14 ore fa

Archeoart: il fondo librario passa alla “Claudia Augusta”

Politica14 ore fa

Bolzano, servizio pubblico carente in orario serale e notturno, Urzì interroga la Provincia

Alto Adige14 ore fa

Trattore si ribalta tra Termeno e Sella: una persona rimane gravemente ferita

Bressanone15 ore fa

A22, camion prende fuoco sulla corsia sud dopo l’uscita di Varna – IL VIDEO

Alto Adige15 ore fa

Coronavirus: 16 casi positivi da PCR e 167 test antigenici positivi

Bressanone17 ore fa

Piano di Mobilità: oggi si parte a Bressanone

Val Venosta17 ore fa

Val Venosta, violento tamponamento fra un’auto e un autobus: intervengono i vigili del fuoco

Bolzano17 ore fa

Convitto provinciale “Damiano Chiesa”: ieri a Bolzano la festa per i 90 anni dalla sua istituzione

Bolzano3 settimane fa

Bolzano, alla fermata dell’autobus trovato il corpo senza vita di un 60enne

Alto Adige4 settimane fa

Coronavirus: 8 casi positivi da PCR e 124 test antigenici positivi

Alto Adige3 settimane fa

Coronavirus: 45 casi positivi da PCR e 496 test antigenici positivi

Bolzano3 settimane fa

Il Lido di Bolzano riapre al pubblico sabato 21 maggio: tariffe invariate

Sport3 settimane fa

Biglietti FC Südtirol – Modena. Le modalità di acquisto dei ticket per gara-3 della Supercoppa di Serie C 2022

Bolzano2 settimane fa

Eroina e kit per lo spaccio: coppia arrestata a Don Bosco dalla Polizia

Merano3 settimane fa

Referendum abrogativi popolari del 12 giugno 2022

Bolzano3 settimane fa

Bolzano, sgomberato uno stabile in disuso: tunisino aggredisce 4 agenti, arrestato

Musica4 settimane fa

Bolzano Festival Bozen 2022 «Musica senza confini»

Alto Adige2 settimane fa

Bolzano: controlli della Polizia di Stato nel capoluogo, un denunciato per detenzione di cocaina e due espulsioni

Alto Adige2 settimane fa

Coronavirus: tre i nuovi decessi, inoltre14 casi positivi da PCR e 536 test antigenici positivi

Benessere e Salute4 settimane fa

Come avviene un richiamo di prodotti alimentari? Mangiare, bere ed altre delizie: lo sapevate che…?

Società4 settimane fa

Anziani: Deeg ha incontrato il direttivo dell’Associazione pensionati

Vita & Famiglia3 settimane fa

DDL Zan. Coghe, Pro Vita Famiglia: emergenza omofobia è fake news

Italia ed estero3 settimane fa

Politica energetica: energia solare invece di armamenti militari

Archivi

Categorie

di tendenza