Connect with us

Politica

Strache a Bolzano:”Sintonia totale con Salvini. Kompatscher perdente come Seehofer in Baviera”

Pubblicato

-

Foto cdt.ch

Il vice premier austriaco Heinz Christian Strache ieri a Bolzano per la campagna elettorale del partito altoatesino di lingua tedesca Freiheitlichen critica il presidente della Provincia Arno Kompatscher, comparandolo al presidente sconfitto Horst Seehofer in Baviera.

Nelle elezioni tedesche i cristiano-sociali della CSU hanno perso la maggioranza e dovranno rinunciare per la seconda volta nella storia del dopoguerra al governo monocolore del Land germanico. Secondo i primi dati raggiunge infatti il 37,4% e perde oltre dodici punti rispetto a 4 anni fa.

Strache a Bolzano sottolinea il pieno accordo con la politica migratoria sostenuta in Italia dal vice premier e leader della Lega Matteo Salvini.

Pubblicità
Pubblicità

Con Salvini abbiamo tante cose in comune e per quanto riguarda il doppio passaporto penso che un dialogo costruttivo potrebbe portare al consenso con il Governo italiano che ora manca. Bisogna sempre vedere innanzitutto quel che ci unisce più che quel che ci divide“, ha sottolineato il vicecancelliere dell’Austria (Fpoe).

Ha poi aggiunto:”Siamo felici di collaborare con Salvini che è riuscito a correggere gli errori della passata politica migratoria, contenendo gli sbarchi. Noi siamo riusciti ad aumentare i rimpatri del 42%“.

E sulla questione della concessione del doppio passaporto agli altoatesini di lingua tedesca e ladina Strache si permette un azzardo:

L’Italia stessa ha concesso il passaporto a cittadini sloveni e croati e a tanti argentini e non ha chiesto il permesso a nessuno, pertanto nel caso degli altoatesini, a cui siamo legati da una storia comune, decideremo noi. Cercheremo comunque di trovare un accordo con il Governo italiano“.

E se da ieri sera il mito bavarese del partito-Stato della CSU è in cenere, per Strache il destino in Alto Adige della Svp non sarà diverso.

Il leader della FPÖ  ha criticato la politica di accoglienza della cancelliera tedesca Angela Merkel, pagata con il crollo delle elezioni in Baviera: politica che in Alto Adige stata seguita anche dalla Svp e dal presidente Kompatscher.

La politica di accoglienza della Merkel è costata molti voti alla CSU in Baviera e lo stesso accadrà in Alto Adige” , ha detto.

Strache è il terzo testimonial politico della FPÖ ad entrare nella campagna elettorale altoatesina.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza