Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Società

Uil Scuola: “Straordinari per la mensa? Un boccone avvelenato”

Pubblicato

-

La decisione della giunta provinciale di riconoscere come ore straordinarie la sorveglianza in mensa dei docenti alle scuole primarie è stata accompagnata da annunci al miele da parte dell’esecutivo “Un riconoscimento giusto per gli insegnanti” le dichiarazioni degli assessori competenti Giuliano Vettorato, Philipp Achammer e Daniel Alfreider.

Peccato che i docenti non la pensino proprio così e i sindacati non esitino a definirlo un boccone avvelenato che nasconde più insidie che riconoscimenti.

Hanno travestito una situazione rischiosa in una grande e benevola concessione ma è bene sottolineare quali forti rischi e contraddizioni hanno taciuto le parole del segretario regionale della Uil Scuola Marco Pugliese.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Prima di tutto ci troviamo di fronte ad una situazione che permetterà l’ingresso delle cooperative di servizio nella sorveglianza in mensa. Organismi che, di fatto, costano meno degli insegnanti. Oltre le 24 ore (22 regolari e 2 straordinarie) la Provincia non può imporre la presenza ai docenti quindi, a fronte di possibili dinieghi, ecco che l’amministrazione avrebbe le mani libere per rivolgersi all’esterno con personale meno retribuito e meno qualificato. Che sia questo l’obiettivo vero?”.

Per quanto non subito intuibile la nuova decisione nasconderebbe, per il sindacato, anche un pericolo occupazionale.

E’ matematica – continua Pugliese – perché se elimini tutte le ore di mensa dai monti orari complessivi significa che le 22 ore obbligatorie ad insegnante saranno unicamente da considerare sulla classe con conseguente contrazione delle ore disponibili in totale. Quindi meno insegnanti”.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Alcuni docenti, tuttavia, potrebbero anche essere contenti di una nuova opportunità di guadagno. “Certo ma non è che stanno regalando nulla. Stanno semplicemente aumentando il carico orario complessivo per chi farà sia didattica sia sorveglianza in mensa. Mi pare anche ovvio che a fronte di un aumento del tempo richiesto corrisponda uno stipendio più alto”.

Il metodo, inoltre, non è piaciuto. “Una decisione calata dall’alto senza averci mai chiesto nulla nè contattato. Chiediamo immediatamente un confronto o, quantomeno, un sondaggio reale del pensiero del corpo docenti provinciale” chiede Pugliese.

Scopriranno che nessuno sta ringraziando sperticatamente per questa concessione. Anzi. Non si capisce, inoltre, perché tutto questo venga applicato solo alla scuola primaria mentre la scuola media (secondaria di primo grado) rimane sostanzialmente ignorata.

Sono molto belli i discorsi sull’importanza delle 22 ore frontali di didattica ma quando si fanno queste analisi bisognerebbe pure ricordare che in moltissime scuole del territorio non si riesce neppure a garantire le compresenze. Mancano anche insegnanti di sostegno. Non potrebbero investire questi due milioni di euro nel rafforzamento vero della didattica e di questi aspetti prioritari?”.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Alto Adige4 settimane fa

Referendum sulla democrazia diretta: il no stravince con il 76% dei voti

Alto Adige4 settimane fa

Incidente sul lavoro, travolto dal suo trattore: è morto Remo Rossi a 64 anni

Italia ed estero4 settimane fa

Codici: al fianco dell’Antitrust nei procedimenti su Fastweb, Tim, Vodafone e Wind per presunte fatturazioni post recesso

Bolzano4 settimane fa

Tamponamento nella notte in A22: più veicoli coinvolti

Politica4 settimane fa

Referendum, Urzì: sopravvive anche la clausola di garanzia per Bolzano e Laives voluta da Fdi, sconfitta di Svp/Lega/FI

Bolzano2 settimane fa

Incendio in centro a Bolzano: rogo causato dal malfunzionamento di una lavatrice

Bolzano4 settimane fa

Appiano, incidente tra due veicoli all’uscita della Mebo: una donna incastrata tra le lamiere

Bolzano2 settimane fa

Tragico scontro frontale in A 22, muore una donna bolzanina 77 enne. Gravi il marito e un bambino di 10 anni

Alto Adige3 settimane fa

Gli ospedali dell’Alto Adige sono ora cliniche universitarie

Alto Adige2 settimane fa

Rimorchio si stacca dal camion e blocca la strada del Renon

Bressanone4 settimane fa

A22, camion prende fuoco sulla corsia sud dopo l’uscita di Varna – IL VIDEO

Bolzano4 settimane fa

Drammatico incidente in A22, muore 36 enne residente a Bolzano

Alto Adige4 settimane fa

Auto esce di strada e finisce in una scarpata: una persona viene trasportata in ospedale

Alto Adige2 settimane fa

Ponte di Pentecoste: arrestati due stranieri, una denuncia e centinaia di verifiche durante i controlli del Commissariato di P.S. di Brennero

Italia ed estero4 settimane fa

Codici: dietrofront di Costa sulle regole di imbarco, ora proceda anche a risarcire i crocieristi

Archivi

Categorie

di tendenza