Connect with us

Politica

Variante SS12 in galleria, FdI e Comitato No Tram: “Una questione di volontà politica”

Pubblicato

-

Da qualche giorno, apprendiamo con piacere che in materia di mobilità il PD, dopo aver appoggiato per anni progetti inaccettabili e scellerati per la nostra città, ha cambiato idea. 

L’Assessore Fattor ha preso l’iniziativa di portare alla ribalta l’ipotesi di recupero dell’idea di una variante Sud/Nord in galleria da S. Giacomo a Bolzano Nord. Ciò ha comportato l’ira funesta del sindaco Caramaschi, ma soprattutto della SVP. In effetti si è trattato solo di una presa d’atto che lo spostamento dell’A22 in galleria, se mai si potrà fare, non è ipotizzabile prima di 15-20 anni, se tutto andrà bene.

Speriamo però, che non sia una semplice battaglia di potere per riavere la possibilità di amministrare la città in materia di urbanistica, ormai persa da anni dal PD a favore della SVP che si guarda bene dal cederla. Speriamo veramente per il bene della città, che sia un vento nuovo quello dell’Assessore Fattor, persona competente e pragmatica le cui scelte in materia di rifiuti anni fa lo fecero allontanare dalle posizioni ideologiche dei Verdi e diedero alla citta un moderno impianto di incenerimento.

Pubblicità
Pubblicità

Noi come Comitato NO Tram abbiamo sempre sostenuto questa scelta e dobbiamo dire che siamo stati in buona compagnia: dagli artigiani agli industriali, dal Sindaco di Laives ad altri suoi colleghi della Bassa Atesina, nonché vari tecnici, che con i loro studi hanno sostenuto che questa scelta sarebbe stata la migliore per il capoluogo soprattutto in termini di tempi. 

Tutti sappiamo che la questione del traffico a Bolzano è un problema annoso, dovuto soprattutto alla mancanza di investimenti importanti sulla viabilità cittadina fin dai tempi dell’arginale, cioè venticinque anni fa. In questi venticinque anni abbiamo visto centri abitati di modeste dimensioni in Val Pusteria, in Val Venosta e in giro per la provincia, dotarsi di strutture moderne e costose che evitavano agli abitanti di questi centri l’inquinamento atmosferico e acustico dovuti al traffico di passaggio.

A Bolzano invece no. Per anni la Provincia (leggasi SVP) ha fatto finta di occuparsi del traffico bolzanino non spendendo un centesimo nel merito e deviando i fondi per ragioni elettorali nelle valli periferiche dove raccoglie le sue fortune elettorali. E il PD che cosa ha fatto? Nulla. Ha assecondato la Svp. Periodicamente si parlava della variante piuttosto che dello svincolo di via Einstein o della galleria di Monte Tondo con tanto di redering, giornalisti e telecamere per poi finire tutto lì.  Oggi giustamente le organizzazioni degli imprenditori chiedono idee e tempi chiari sulla viabilità cittadina perché di chiacchere ne hanno pieno le tasche.

Ma in questa attività ingannevole il campione è stato il Sindaco Caramaschi, che con la sua trovata dell’Autostrada in galleria ha fatto fregare le mani a più di uno in Provincia, lcon la liberazione di 360 milioni di euro (costo della variante in galleria) da destinare a opere simili a Chienes, Perca e altrove. Per fare in modo che l’autostrada entri in galleria ci vogliono 1,4 miliardi (pagati dall’autostrada stessa ma solo se la Provincia avesse la concessione) e l’opera durerebbe, se iniziasse domani, dieci anni (ad essere ottimisti ma dicono venti).

Ma ancora non abbiamo la concessione dell’A22 e per averla bisogna prima liquidare i soci privati, le cui azioni valgono 70 milioni secondo i tecnici in materia, ma che vorrebbero il doppio. Come si risolverà? Strascichi giudiziari possibili allungherebbero i tempi mentre i bolzanini aspettano in coda soffocati dal traffico. Ultimamente si è voluto spacciare la mini-tangenziale sotto Via Roma come la struttura che sostituirebbe la variante 12 in galleria.

A parte che avevano promesso che i lavori dovevano iniziare a fine 2019, questa struttura non risolve il traffico in zona industriale, ma soprattutto la sua piena attività è legata alla costruzione dalle Ferrovie della galleria per la nuova linea ferroviaria liberando in questo modo il sedime della linea attuale che passa parallelamente a Viale Trento. Tempi non così corti come cercano di propinarci.

Il Sindaco Caramaschi si vanta di aver contrattato con la Provincia il finanziamento della variante sotto Monte Tondo, poco meno di 100 milioni di Euro, i lavori su via Einstein e la mini variante di via Grandi. Rispetto ai 300 milioni che la Provincia si era impegnata a finanziare, è veramente poca cosa. Via Einstein attraversa una zona di interesse provinciale, per cui il fatto che finanzi i lavori è semplicemente dovuto. Il co-finanziamento di via Grandi è un obolo doveroso. Forse qualcuno si vergognava di come avessero nuovamente trattato la città.

E’ interessante che il Sindaco Caramaschi dica di non voler impegnare il Comune perchè non vuole debiti, dimenticando che la variante della S.S.12 può far capo SOLO alla Provincia, quale unica concessionaria della manutenzione e gestione delle Strade Statali.

Realisticamente, nella migliore delle ipotesi, la città potrà disporre della variante sotto Monte Tondo entro il 2025. La ‘variantina’ di via Grandi non potrà essere disponibile prima del 2026, in quanto se tutto va bene i lavori di spostamento della linea ferroviaria saranno ultimati per la fine del 2025 e, prima di allora, non si potrà procedere alla realizzazione del tracciato verso Sud, in quanto mancherà la disponibilità del sedime ferroviario. Per quanto riguarda via Einstein, ancora non è noto se i lavori comprenderanno un nuovo ponte sull’Isarco. Questo nuovo ponte sarebbe una panacea per il quartiere Casanova che avrebbe un nuovo sbocco verso Sud.

Detto tutto ciò pare chiaro che la variante 12 sia una questione di volontà politica e perciò l’uscita dell’Assessore ci rallegra, ma per essere sicuri solleciterei anche i consiglieri SVP di Bolzano a fare come quelli di Perca: dimettersi in massa chiedendo la variante 12. Loro sono riusciti ad averla”.

 

Tritan Myftiu, Consigliere Comunale FdI e Vicepresidente Comitato No Tram, Rosanna Oliveri Presidente Comitato No Tram, Alessandro Forest Consigliere comunale FdI  e Comitato No Tram e Sergio Pomalo, Geometra e esperto viabilità Comitato No tram.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

  • VIDEO – Scegliere il mondo come ufficio e diventare nomadi digitali: intervista ad Armando Costantino
    Negli ultimi anni, la tentazione sempre più frequente del “mollo tutto” combinata  all’aumento dello smart working ha creato una nuova tendenza all’interno del panorama lavorativo: i nomadi digitali, conosciuti anche come fulltimers. Persone che hanno scelto di spostare la loro casa in camper e il loro ufficio nel mondo, investendo su loro stessi per riprendersi […]
  • Vado a vivere in un faro!
    Quante volte, leggendo Virginia Woolf o Jules Verne, avete fantasticato su come potrebbe essere vivere in un faro con la sola compagnia del vento e del mare? I fari, nell’immaginario collettivo, sono luoghi straordinari al confine fra mito e realtà, unico baluardo di salvezza per i navigatori durante le notti di tempesta. In realtà, senza […]
  • Hotel e Ristorante Villa Madruzzo: dove ricaricare le batterie a pochi chilometri da Trento
    A quattro chilometri dal centro di Trento si trova uno degli hotel più gettonati del momento: Villa Mandruzzo. Complici anche il ristorante e la meravigliosa area benessere, Villa Mandruzzo è presto diventato uno degli hotel più raccomandati tra coloro che vogliono venire a Trento per godersi alcuni giorni di meritato relax o anche solo per […]
  • Viaggio in Grecia, scegli il fascino mistico di Rodi
    La Grecia è uno di quei luoghi da sogno che tutti dovremmo visitare almeno una volta nella vita. Uno di quei paradisi terrestri neanche troppo lontani dall’Italia che con la sua storia, la sua cultura, il paesaggio naturale, incanta tutti, senza distinzione. Dalle città che hanno fatto la storia come la capitale Atene, simbolo dei […]
  • HP Reinvent: arrivano i nuovi PC per lo smart working
    Grandi novità in arrivo da parte di HP, azienda leader nel settore tecnologico. Durante l’attesissimo evento HP Reinvent dedicato ai propri partner, l’azienda ha lanciato nuovi Pc destinati allo smart working. Ma non solo: l’evento è stato utile per svelare tanti nuovi dispositivi e soluzioni per aiutare le aziende ed i professionisti a migliorare la […]
  • Abbigliamento casual uomo, tutte le dritte per non sbagliare
    Tutti pazzi per l’abbigliamento casual che non è solo comodo ma è anche fashion. Non bisogna confondere, infatti, che casual non è il sinonimo di trasandato e di un abbigliamento approssimativo. Non c’è pensiero più sbagliato perché oggi indossare abiti casual vuol dire vestirsi alla moda, in chiave moderna e innovativa, con uno stile senza […]
  • Isola in Irlanda cerca custodi: l’occasione per cambiare stile di vita per sei mesi
    La meta ideale per chi vuole entrare a contatto con la natura più incontaminata, allontanarsi dai ritmi frenetici della città, godendosi contemporaneamente un’esperienza di vita unica, si trova a Great Blasket Island, al largo della costa irlandese, dove è stata data l’opportunità attraverso un annuncio di lavoro, di cambiare stile di vita per sei mesi. […]
  • Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l’innovativa di Turbine Light
    Con l’aumento di strade, autostrade e di reti viarie che necessitano di essere illuminate l’intera giornata, il fabbisogno energetico risulta essere in continuo aumento, costringendo a cercare diverse alternative per soddisfare e integrare le mutevoli esigenze di mercato. Uno dei problemi principali nel coprire la gestione territoriale urbana di reti periferiche e di grandi autostrade, […]
  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]
  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]

Categorie

di tendenza