Connect with us

Arte e Cultura

Venerdì 7 dicembre torna la Lunga notte dei Musei

Pubblicato

-

Giochi medievali a Castel Roncolo, ma anche guide alla scoperta della storia dell’Alto Adige durante il fascismo nel percorso espositivo nel Monumento alla Vittoria; una speciale caccia al tesoro per bambini al Museo Civico, o marionette e teatro per tutte le età al Museo Archeologico.

E ancora: scoprire le mostre in corso con la direttrice in un Museion scintillante di luci, o la storia commerciale di Bolzano al Museo Mercantile; immergersi in un mondo di animali fatti di palloncini al Museo di Scienze Naturali – dove si potrà anche ascoltare buona musica – o cimentarsi in attività creative al Museo della scuola.

E per finire, ripercorrere le storie di vita di una Casa Semirurale.

Venerdì 7 dicembre, dalle ore 16 all’una di notte, torna la Lunga notte dei musei di Bolzano, quest’anno tutta all’insegna delle tante storie che, in una forma o nell’altra, i nove musei partecipanti raccontano.

Non mancheranno naturalmente visite guidate e mostre, come quella recentissima del Museo Mercantile dedicata alla strada del Brennero, e la ciliegina finale costituita dalla spettacolare proiezione (dall’una di notte) sulla facciata mediale di Museion dell’opera “Endless” di John Armleder. Fino alle ore 20 le iniziative sono pensate prevalentemente per le famiglie e i bambini.

 

 

Dei bus navetta gratuiti collegheranno Castel Roncolo, Museo della Scuola e Casa Semirurale al centro città.

Le fermate si trovano in via Cassa di Risparmio (fermata dell’autobus), al parcheggio del castello, a Rencio/Museo della Scuola (raggiungibile anche con la linea urbana 8) e alla Casa Semirurale. Inoltre, il Mercatino di Natale offrirà l’apertura serale straordinaria fino alle ore 21.

Dalle ore 15 alle 19, artiste e artisti dell’Associazione Sagapò Teatro gireranno la città per promuovere l’evento in maniera originale: proporranno infatti brevi interventi (musica, grafica, danza, storytelling) in punti strategici del centro storico e performance più lunghe nei pressi dei nove musei aderenti, Casa Semirurale compresa.

L’edizione 2018 della Lunga notte dei musei di Bolzano è sostenuta dall’Azienda Musei provinciali e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Bolzano.

Lunga notte 2015, Museo Archeologico – Lange Nacht 2015 Archäologiemuseum Foto Martin Rattini

 

Pubblicità
Pubblicità

Arte e Cultura

Le donne e la venerazione di Hitler: il 29 maggio la presentazione del libro

Pubblicato

-

Il libro “Le donne e la venerazione di Hitler” affronta per la prima volta il rapporto tra la Lega delle ragazze tedesche (Bund Deutscher Mädel, BDM) – l’organizzazione giovanile femminile nazista – ed il Tirolo.

La monografia offre spunti di riflessione sull’entità, sul significato e sul funzionamento di un’istituzione mediante la quale alcune donne ebbero possibilità di far carriera nel Terzo Reich.

L’autrice Claudia Rauchegger-Fischer ha vagliato trenta interviste realizzate con ex iscritte alla Lega, esaminandone le storie di vita e le attività nel BDM prima e nella Staatsjugend poi.

Claudia Rauchegger-Fischer è docente di Didattica della storia presso l’Università di Innsbruck, collaboratrice di www.erinnern.at ed autrice di testi scolastici.

L’appuntamento è per mercoledì 29 maggio 2019, ore 20, alla Biblioteca provinciale Teßmann in via A. Diaz 8 a Bolzano.

Introduzione e dibattito sono a cura di Eva Pfanzelter (Università di Innsbruck).

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Arte e Cultura

Oltre 18.000 visitatori per la Giornata internazionale dei musei

Pubblicato

-

Con 53 musei gratis e oltre 100 eventi, la scorsa domenica in provincia di Bolzano si è celebrata la 15ma Giornata internazionale dei musei.

Quella della scorsa domenica 19 maggio è stata probabilmente l’edizione della Giornata internazionale dei musei in Alto Adige più gettonata di sempre: con oltre 100 iniziative in programma e l’ingresso libero, i 53 musei aderenti hanno attirato infatti più di 18.000 visitatrici e visitatori. Tra il pubblico, molti i residenti in provincia, alcuni turisti e tante famiglie con bambini.

Ideata da ICOM, il Consiglio internazionale dei musei, questa manifestazione si celebra a livello mondiale ogni anno intorno a metà maggio. Tema portante dell’edizione 2019 era “Musei – Il futuro delle tradizioni viventi”.

La prossima Giornata internazionale dei musei in provincia di Bolzano si terrà il 17 maggio 2020.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Musica

Atmosfera Zero: il gruppo bolzanino presenta l’omonimo album il 23 maggio al Sudwerk

Pubblicato

-

In occasione dell’uscita del loro primo album, il gruppo bolzanino Atmosfera Zero terrà un concerto di presentazione del CD il 23 maggio al Sudwerk di Bolzano, festeggiando inoltre 25 anni di attività musicale del gruppo.

Atmosfera Zero è un power trio che compone musica strumentale il quale intreccia le sonorità di strumenti già collaudati nel genere rock-progressive: chitarra, basso e batteria.

Alla linea melodica della chitarra fa da contrappunto e rilievo l’esecuzione del basso e da guida ritmica fino alla compartecipazione nella stessa melodia le percussioni, generando momenti di carica e robustezza del suono contrapposti a nostalgiche ed eteree atmosfere che richiamano la delicatezza della New Age.

Componenti della band sono Marco Mauro alla chitarra elettrica e programmazione tastiere, Luca Salvaterra alla batteria e  programmazione sequenze e Alessandro Boscolo al basso elettrico e programmazione sequenze.

25 anni di musica

Gli Atmosfera Zero nascono ufficialmente nel 1993, dopo un lungo periodo di incertezza e dubbio sul genere musicale e sulla quantità dei componenti.

Negli anni precedenti al ‘93 provano la via del Rock sfiorando l’Heavy Metal, ma l’insoddisfazione della parte vocale, e il bisogno di allargare le rigide schematicità del genere, li portano a elaborare una fusione con altri versanti musicali, acquisendo anche un tastierista e cambiando spesso vocalista.

L’inesperienza di tutti e il bisogno di elasticità musicale, provoca però sempre un senso di claustrofobia, e alla fine il numero tre, con basso, chitarra e batteria, vince sul resto e sembra essere la soluzione più libera di sperimentazione e autonomia.

Il ‘93 segna questa svolta decisiva, che darà subito i primi frutti. Con il loro primo brano composto partecipano al concorso Avanti Tutta, che è anche la loro prima esibizione dal vivo, vincendo il primo premio.

Le composizioni sono sempre molto sofferte e in 25 anni molte sono state abbandonate, molte rielaborate e alcune sono diventate quelle che compongo oggi il loro primo CD.

 

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza