Connect with us

Politica

Via il tricolore dalle classifiche di Sportnews, Vox Italia: “Provocazione storicamente infondata”

Pubblicato

-

Sarebbe quasi commovente, se non fosse una provocazione storicamente infondata e basata su fantasie al di fuori del tempo e dello spazio, il tentativo del portale sportivo Sportnews.bz di ritrovare un’identità perduta, affiancando al nome di un atleta altoatesino, non la bandiera nazionale italiana, ma quella sorta di parodia di aquila che è il logo della Provincia di Bolzano“.

Così Eriprando della Torre di Valsassina, esponente bolzanino di Vox Italia, alla notizia della scelta editoriale del portale di Athesia di sostituire, per gli atleti azzurri di madrelingua tedesca, la bandiera italiana con una “etnica” nelle classifiche sportive in Coppa del mondo di sci.

Alcuni ‘sudtirolesi’, a seconda del momento, si dichiarano una minoranza austriaca in Italia – continua della Torre – quando pretendono il doppio passaporto e si appellano diuturnamente a mamma Austria con lamentosi lai contro i brutti e cattivi italiani, oppure esplicitano il loro essere popolo, con tanto di diritto di autodeterminazione, quando richiedono il distacco dall’Italia.

Pubblicità
Pubblicità

Il tutto condito con una sorta di livore atavico nei confronti del Belpaese, magistralmente descritto da uno dei primi dirigenti volksparteisti quando, il primo gennaio del 1946, gli Alleati abbandonarono l’Alto Adige“.

Scrisse Friedl Volgger: «Così, dunque, alla fine del 1945 le truppe di occupazione alleate ci lasciarono. Quanto volentieri saremmo diventati una colonia inglese! Ma proprio dall’Alto Adige se ne sono andati tanto in fretta».

Per della Torre, l’anglofilia del portale in questione si palesa dunque ancor oggi visto che si è chiamato “Sportnews”. Quindi tutto va bene, tranne qualsiasi traccia di italica presenza.

Per chiarire, a chi fa confusione e a chi è confuso veramente, il perché non si possa considerare l’Alto Adige un’enclave indipendente parlante il vernacolo Sid-Tiroulerisch, facciamo un piccolo approfondimento storico.

Inizialmente l’odierno Alto Adige era abitato dai reti, una popolazione di origine etrusca, che furono prima romanizzati, poi germanizzati dai baiuvari. In seguito, il territorio fu diviso tra i principi vescovi di Trento, Bressanone e Coira.

I Tirolo, una sorta di veri e propri pirati, con tutta una serie di usurpazioni si appropriarono dei territori dei principi vescovi. Nel 1363, ci fu quello che la vulgata austriacante, chiama il regalo di margherita di Tirolo agli Asburgo. Niente di più falso fu Giovanni Lenzburg di Platzheim, consigliere di Rodolfo IV d’Asburgo a stilare un falso testamento a nome di Margherita. Fu così che il Tirolo passò agli Asburgo.

Non all’Impero asburgico sia ben chiaro, ma divenne un feudo privato della famiglia Asburgo. Fu solo nel 1814 che passò alle dipendenze dell’Impero. Se ci chiediamo, dunque, perché l’Alto Adige (non il Tirolo, perché il Tirolo storico va da Kufstein a Borghetto, vicino Verona) dovrebbe essere italiano, la risposta è semplice, perché è italiano, cioè perché prima era reto-etrusco, poi latino, poi baiuvaro, poi appartenente ai principati vescovili, poi dei Tirolo, poi possedimento privato degli Asburgo, poi appartenente all’Impero austro ungarico e infine italiano.

Ogni volta che passava di mano in mano i conquistatori portavano la loro cultura e la loro lingua. Se vogliamo parlare di situazioni più recenti e di presenza della popolazione italiana in Alto Adige, cioè se vogliamo ricercare il famoso confine linguistico, tra il cosiddetto Tirolo tedesco e quello italiano, dobbiamo andare alla divisione del Tirolo quando nel 1811 è stato creato il regno italico da Napoleone.

La diplomazia bavarese e quella italica crearono un confine basandosi esclusivamente su criteri linguistici. Per cui il confine fu posto, a spanne, circa un’ottantina di chilometri più a nord di dove gli austriacanti lo hanno rivendicato dal 1866 in poi: cioè a Salorno. Il confine fu posto circa all’altezza di Merano, Bressanone e Pusteria.

Per cui, sicuramente fino a queste città la popolazione prevalente era quella tedescofona, mentre a sud era italofona, Bolzano e bassa atesina comprese. A Salorno c’è una stretta cioè una specie d’imbuto che rende il territorio difendibile.

Cioè un confine naturale. Gli austriaci, a colpi di tedeschizzazione forzata, cercarono di spostare il confine linguistico in modo che combaciasse con quello naturale, in modo da poterlo rivendicare con un certo diritto, nel caso che l’Austria avesse dovuto cedere nuovi territori.

Non dimentichiamo che nel 1866, l’Austria perse anche Venezia e l’ultimo cuneo di penetrazione in Italia rimase l’attuale Trentino-Alto Adige, per cui cercò di spostare il confine linguistico più a sud, per cercare di mantenere perlomeno l’odierno Alto Adige.

C’è inoltre da sottolineare che Trento e Bolzano non erano separate (due province diverse) ma facevano parte di un unico territorio sotto Trento. Fu solo nel 1927 che l’Italia creò la provincia di Bolzano separata da quella di Trento.

Infine, per coloro che affermano che l’Alto Adige è una terra che etnicamente non appartiene all’Italia, rispondiamo che con questo ragionamento gli unici che potrebbero rivendicarlo sarebbero i reto-etruschi“.

NEWSLETTER

Archivi

  • Bonus idrico pronto, ma sito offline: le domande al via dal 2022
    Manca poco all’arrivo del Bonus idrico che permette di ricevere un rimborso di 1000 euro per chi sostituisce rubinetti di bagno e cucina. Ad oggi anche se sembra tutto pronto per l’avvio della nuova agevolazione,... The post Bonus idrico pronto, ma sito offline: le domande al via dal 2022 appeared first on Benessere Economico.
  • Il futuro corre verso un’economia circolare: nuovi modelli di rigenerazione e sviluppo
    Il futuro dell’economia, dovrà evolversi tenendo conto della missione che ormai accomuna tutti gli stati del mondo, la sostenibilità. Di fatto, per avvicinarsi verso un’economia circolare che riduca la produzione dei rifiuti, garantisca uno sviluppo... The post Il futuro corre verso un’economia circolare: nuovi modelli di rigenerazione e sviluppo appeared first on Benessere Economico.
  • Boom di adesioni per il Bonus Terme, cosa possono fare gli esclusi
    Dopo le difficoltà iniziali, il Bonus terme ha riscontrato un a grande affluenza, tanto da esaurire i fondi nel giro di poche ore. Un boom di adesioni che però ha lasciato milioni di italiani esclusi... The post Boom di adesioni per il Bonus Terme, cosa possono fare gli esclusi appeared first on Benessere Economico.
  • Ipotesi Easy tax per autonomi: un ponte tra aliquote troppo diverse tra loro
    All’interno del delicato tema sul fisco, tra le varie proposte spunta anche l’easy tax per autonomi. La proposta si inserisce nel tema dell’ampliamento della Flat Tax agli autonomi con ricavi tra 65 mila e 100... The post Ipotesi Easy tax per autonomi: un ponte tra aliquote troppo diverse tra loro appeared first on Benessere Economico.
  • Buono viaggio Taxi e Ncc: fino al 50% di sconto sul totale della corsa
    Per alcune categorie di persone, viaggiare in taxi potrebbe essere più conveniente. All’interno del Decreto Rilancio e successivamente nel Dl infrastrutture è stata inserita una particolare agevolazione che prevede viaggi in auto con conducente e... The post Buono viaggio Taxi e Ncc: fino al 50% di sconto sul totale della corsa appeared first on Benessere […]
  • Bonus Partite Iva, fino al 13 dicembre la presentazione delle domande
    Bonus Partite Iva Il bonus, messo a disposizione del Governo è un sussidio erogato a favore dei soggetti esercenti di titolari di partita Iva, soggetti esercenti di attività di impresa che hanno subito perdite a... The post Bonus Partite Iva, fino al 13 dicembre la presentazione delle domande appeared first on Benessere Economico.
  • Cambia la lotteria degli scontrini, ipotesi estrazione istantanea dal 2022
    Il programma lotteria degli scontrini che ha accompagnato molti italiani per tutto il 2021, potrebbe subire dei cambiamenti a partire dal 2022. A differenza del cashback, la lotteria degli scontrini infatti, è stata confermata anche... The post Cambia la lotteria degli scontrini, ipotesi estrazione istantanea dal 2022 appeared first on Benessere Economico.
  • P. Iva, quando arrivano i contributi fondo perduto fino a 150 mila euro
    Dopo l’ok ufficiale da parte dell’Unione Europea, i contributi a fondo perduto per le P.Iva disposti dal Decreto Sostegni Bis vengono sbloccati e arriveranno entro l’anno. I dettagli della misura Il sostegno finanziato con 4,5... The post P. Iva, quando arrivano i contributi fondo perduto fino a 150 mila euro appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus Natale, a dicembre voucher e bonus per pensionati e categorie meno abbienti
    Con l’avvicinarsi delle festività si incomincia a parlare di Bonus Natale, una misura di sostegno al reddito introdotta dalla legge finanziaria del 2001 e rifinanziata nell’ultimo decreto legge. Si tratta quindi di un voucher, erogato... The post Bonus Natale, a dicembre voucher e bonus per pensionati e categorie meno abbienti appeared first on Benessere Economico.
  • Il ritmo dell’inflazione preoccupa, aumentano anche i prezzi del carrello della spesa
    Anche nel mese di ottobre il tasso di inflazione ha continuato a salire. In particolare, per il quarto mese consecutivo l’ISTAT ha registrato una crescita più alta di quanto previsto in precedenza. L’aumento del prezzo... The post Il ritmo dell’inflazione preoccupa, aumentano anche i prezzi del carrello della spesa appeared first on Benessere Economico.

Categorie

di tendenza