Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Ambiente Natura

Ambiente, accordo Niederstätter-Nova Levante: i mezzi elettrici contribuiscono a far rinascere la foresta distrutta da Vaia

Pubblicato

-

L’azienda altoatesina Niederstätter ha stretto un accordo con l’amministrazione comunale per far ricrescere il bosco nella zona del lago di Carezza colpita dalla tempesta di Vaia del 2018. Daniela Niederstätter: «Necessario porre l’attenzione sul tema della sostenibilità e dell’ambiente»

Per ogni mezzo elettrico da cantiere noleggiato sul territorio verranno piantati degli alberi nei boschi comunali attorno al lago di Carezza. È questo l’accordo stretto tra Niederstätter, azienda altoatesina operante nel mercato del noleggio di macchinari per l’edilizia del Nordest, e l’amministrazione comunale di Nova Levante, in Val d’Ega.

Un progetto pensato per contribuire alla rinascita della foresta che quattro anni fa fu colpita e devastata dalla tempesta di Vaia. Tra il 29 e il 30 ottobre 2018 quasi mille ettari di terreno – che corrispondono a circa 1.300 campi da calcio – furono distrutti dalla forza del vento e della pioggia, facendo cadere a terra circa 500mila metri cubi di legno, equivalenti al volume occupato da 12mila autobus.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Oggi i lavori di sgombero del materiale sono stati completati, e la natura sta facendo il suo corso per far ricrescere tutte le superfici boschive colpite. Il territorio non sarà più come prima, e la speranza è che almeno la biodiversità possa aumentare nei prossimi anni, soprattutto perché ci sarà più spazio e più luce, oltre che a nuovi luoghi dove far vivere insetti e animali.

IL PROGETTO – A dare supporto nella ricrescita del bosco è anche Niederstätter, che ha deciso di dar vita a questo progetto di piantumazione attiva: ogni cento euro spesi per il noleggio di un macchinario elettrico corrisponderà ad un albero piantato nel terreno del bosco.

«Come azienda abbiamo deciso di porre grande attenzione al tema della sostenibilità e con questa iniziativa possiamo farlo su due binari: in primis continuando a portare nuovi mezzi a zero emissioni nei cantieri altoatesini, e poi contribuendo alla piantumazione per far ricrescere il bosco in uno dei luoghi più affascinanti della provincia», racconta Daniela Niederstätter, membro del Consiglio d’Amministrazione dell’azienda.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Dai dumper alle pale gommate passando per gli escavatori, qualsiasi macchinario green potrà essere noleggiato da privati e aziende per contribuire alla piantumazione e far ricrescere di nuovo il bosco. In collaborazione con gli enti forestali verranno piantate le tipologie di alberi ritenute più opportune. La campagna è già aperta e i tecnici di Niederstätter stanno raccogliendo le prime adesioni. L’idea è anche quella di organizzare nella primavera del 2023 una grande festa dove verranno mostrati i progressi e comunicato il numero esatto di alberi piantati.

L’ENTUSIASMO DELL’AMMINISTRAZIONE DI NOVA LEVANTE – Un progetto accolto con entusiasmo dal Comune di Nova Levante e dal suo sindaco Markus Dejori: «Le immagini e i ricordi della tempesta di Vaia sono ancora nitidi nella nostra mente e le ferite procurate al territorio sono ancora visibili. In questi anni abbiamo messo in campo energie e cuore per ricostruire una natura distrutta e nemmeno l’emergenza Covid ha fermato il nostro impegno. Con questa iniziativa vogliamo dare un’ulteriore spinta alla rinascita delle nostre zone boschive».

Sulla stessa linea d’onda è anche Josef Gall, consigliere comunale con competenze per l’economia agraria e forestale: «Il nostro territorio è famoso per i suoi boschi e la sua ricca vegetazione. La tempesta di Vaia ha fatto aprire gli occhi sul bisogno di tutelare l’ambiente e contribuire alla lotta al cambiamento climatico. Una priorità necessaria per lasciare un segno tangibile anche alle future generazioni».

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

NEWSLETTER

Alto Adige4 settimane fa

Incidente sul lavoro, travolto dal suo trattore: è morto Remo Rossi a 64 anni

Alto Adige4 settimane fa

Referendum sulla democrazia diretta: il no stravince con il 76% dei voti

Bolzano4 settimane fa

Tamponamento nella notte in A22: più veicoli coinvolti

Politica4 settimane fa

Referendum, Urzì: sopravvive anche la clausola di garanzia per Bolzano e Laives voluta da Fdi, sconfitta di Svp/Lega/FI

Bolzano2 settimane fa

Incendio in centro a Bolzano: rogo causato dal malfunzionamento di una lavatrice

Bolzano4 settimane fa

Appiano, incidente tra due veicoli all’uscita della Mebo: una donna incastrata tra le lamiere

Bolzano2 settimane fa

Tragico scontro frontale in A 22, muore una donna bolzanina 77 enne. Gravi il marito e un bambino di 10 anni

Alto Adige3 settimane fa

Gli ospedali dell’Alto Adige sono ora cliniche universitarie

Alto Adige2 settimane fa

Rimorchio si stacca dal camion e blocca la strada del Renon

Bolzano4 settimane fa

Drammatico incidente in A22, muore 36 enne residente a Bolzano

Alto Adige3 settimane fa

Ponte di Pentecoste: arrestati due stranieri, una denuncia e centinaia di verifiche durante i controlli del Commissariato di P.S. di Brennero

Alto Adige4 settimane fa

Auto esce di strada e finisce in una scarpata: una persona viene trasportata in ospedale

Italia ed estero4 settimane fa

Codici: dietrofront di Costa sulle regole di imbarco, ora proceda anche a risarcire i crocieristi

Merano3 settimane fa

Auto esce di strada e si ribalta su un sentiero forestale: una persona all’ospedale in gravi condizioni

Alto Adige4 settimane fa

Il Gruppo Volontarius cerca volontari per l’Emporio solidale di Piazza Mazzini a Bolzano ed a Merano

Archivi

Categorie

di tendenza