Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Italia ed estero

Banchi a rotelle: buttati nel water 461 milioni di euro degli italiani

Pubblicato

-

Era il 5 di dicembre 2020 quando la ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, con un post su facebook rese nota la quasi conclusione della consegna dei 2,4 milioni di  banchi a rotelle alle scuole italiane.

«Oggi le scuole hanno 2,4 milioni di banchi nuovi. Le consegne sono state praticamente completate. Ringrazio il Commissario Domenico Arcuri per aver supportato il Ministero dell’Istruzione in quella che lui stesso ha giustamente definito un’operazione senza precedenti, che ha portato negli istituti una quantità di arredi pari a dodici volte la produzione italiana di un anno. E ringrazio anche l’Esercito che ci ha supportato nella consegna durante l’emergenza. In questi mesi è stata fatta tanta ironia su questi banchi”, affermava la ministra Azzolina.

«C’è chi ha usato il termine ‘banchi a rotelle’ per prendere in giro me – continuava la Ministra –  senza rendersi conto di offendere uno strumento che centinaia di istituzioni scolastiche già utilizzavano proficuamente in classe e in laboratorio. Tanti parlavano e continuano a parlare di scuola senza conoscerla, avendola solo frequentata qualche anno fa», aggiungendo che «sui banchi tradizionali monoposto qualcuno ha detto che non servivano, che abbiamo buttato soldi. Senza sapere, magari, che i nostri studenti sedevano su sedie malmesse e spesso utilizzavano banchi di qualche decennio fa.  Dicevano che non ce l’avremmo fatta. Che i banchi non sarebbero mai arrivati. Le chiacchiere passano. I fatti restano. Questo è un investimento che resta”.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

L’investimento resta – aveva ragione la ministra Azzolina –  ma sul groppone degli italiani che i banchi li hanno pagati e ora se li ritrovano nelle cantine e nelle soffitte degli istituti scolastici.

Dopo aver speso 461 milioni di euro (qualcuno dice che sono “solo” 200) i banchi che avrebbero dovuto risolvere i problemi della scuola italiana sono spariti dalle scuole di quasi tutte le regioni e rimessi in magazzino. Una delle ragioni principale dell’accantonamento dei banchi anti-Covid sarebbe dovuta al fatto che favoriscono l’insorgere di mal di schiena nei ragazzi.

L’ideona della Ministra Azzolini sostenuta dal commissario Arcuri il “mago” dei vaccini doveva servire per garantire il distanziamento nelle classi ma proprio i ragazzi e i genitori hanno chiesto a molti presidi di tornare ai vecchi banchi.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

A bocciarli sono stati i ragazzi, i genitori e gli stessi docenti che spiegano essere scomodi e favoriscano l’avvicinamento invece che il distanziamento per via appunto della loro mobilità.

Il piano d’appoggio inoltre è di 28 centimetri per 50 ed è troppo piccolo per farci stare un quaderno e un libro. Inoltre grazie alle ruote i ragazzi tendono a spostarsi. Sono modelli che non possono essere usati per la didattica tradizionale.

Il prototipo di banchi singoli era stato approvato dal Comitato Tecnico Scientifico (quello che decide le zone di appartenenza delle regioni) e dal Ministero dell’Istruzione.

La prima delle difficoltà più grandi riscontrate dopo l’annuncio era stata la penuria di aziende italiane che hanno risposto al bando a causa dei tanti pezzi richiesti e della poca disponibilità di tempo per realizzarli.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Ma accanto alla fabbricazione di questi banchi che ha richiesto costi elevati, ulteriori perplessità sono nate a causa della dubbia efficacia sul loro utilizzo. Per molti infatti le rotelle non solo non rappresentano uno strumento utile a garantire il distanziamento, ma in caso di terremoti e incendi, non possono nemmeno essere utilizzati dagli studenti come un eventuale riparo.

Infine, i costi molto elevati per la loro fabbricazione secondo molti potevano essere investiti per gestire altre maggiori priorità della scuola come il reclutamento di più docenti per contenere le classi pollaio o per sanare le carenze dell’edilizia scolastica, spesso priva di servizi fondamentali.

La domanda ora viene spontanea: qualcuno degli oltre 1.000 consulenti profumatamente pagati dagli italiani non poteva pensarci prima? Ai posteri ed ai lettori come sempre l’ardua sentenza.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Alto Adige4 settimane fa

Referendum sulla democrazia diretta: il no stravince con il 76% dei voti

Alto Adige4 settimane fa

Incidente sul lavoro, travolto dal suo trattore: è morto Remo Rossi a 64 anni

Italia ed estero4 settimane fa

Codici: al fianco dell’Antitrust nei procedimenti su Fastweb, Tim, Vodafone e Wind per presunte fatturazioni post recesso

Bolzano4 settimane fa

Tamponamento nella notte in A22: più veicoli coinvolti

Politica4 settimane fa

Referendum, Urzì: sopravvive anche la clausola di garanzia per Bolzano e Laives voluta da Fdi, sconfitta di Svp/Lega/FI

Bolzano2 settimane fa

Incendio in centro a Bolzano: rogo causato dal malfunzionamento di una lavatrice

Bolzano4 settimane fa

Appiano, incidente tra due veicoli all’uscita della Mebo: una donna incastrata tra le lamiere

Bolzano2 settimane fa

Tragico scontro frontale in A 22, muore una donna bolzanina 77 enne. Gravi il marito e un bambino di 10 anni

Alto Adige3 settimane fa

Gli ospedali dell’Alto Adige sono ora cliniche universitarie

Alto Adige2 settimane fa

Rimorchio si stacca dal camion e blocca la strada del Renon

Bressanone4 settimane fa

A22, camion prende fuoco sulla corsia sud dopo l’uscita di Varna – IL VIDEO

Bolzano4 settimane fa

Drammatico incidente in A22, muore 36 enne residente a Bolzano

Alto Adige3 settimane fa

Auto esce di strada e finisce in una scarpata: una persona viene trasportata in ospedale

Alto Adige2 settimane fa

Ponte di Pentecoste: arrestati due stranieri, una denuncia e centinaia di verifiche durante i controlli del Commissariato di P.S. di Brennero

Italia ed estero4 settimane fa

Codici: dietrofront di Costa sulle regole di imbarco, ora proceda anche a risarcire i crocieristi

Archivi

Categorie

di tendenza