Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Ambiente Natura

Bostrico in Alto Adige: 300 mila euro dalla Provincia per una ricerca

Pubblicato

-

Condividi questo articolo




Pubblicità

Quali antagonisti naturali del bostrico – parassita dell’abete rosso attualmente molto diffuso nei boschi dell’Alto Adige – sono in grado di affiancare efficacemente l’uomo nel contrasto alla proliferazione di questo parassita?

Questa domanda è al centro di un progetto di ricerca che sarà avviato dal Centro di competenza Salute delle piante della Libera Università di Bolzano, dall’Istituto per l’osservazione della Terra, l’Istituto per l’ambiente alpino e dal Center for Sensing Solutions di Eurac Research, con la collaborazione dell’Università di Padova, l’Università delle risorse naturali e delle scienze della vita applicate (BOKU) di Vienna e la Ripartizione foreste.

A tal fine la Giunta provinciale mette a disposizione 300.000 euro dal Fondo per la scienza. “Abbiamo conoscenze e competenze in Provincia e vogliamo impiegarle con profitto per combattere il bostricoafferma il presidente provinciale, Arno Kompatscher, il cui Dipartimento è responsabile dell’agenda scientifica e di ricerca.

Pubblicità - La Voce di Bolzano



Attiva/Disattiva audio qui sotto

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Obiettivo: prevedere lo sviluppo della popolazione, trasformare gli antagonisti in alleati 

L’attuale proliferazione di massa del bostrico sta causando enormi danni ai boschi dell’Alto Adige. I danni vanno ben oltre la svalutazione economica del legno: nel frattempo anche importanti infrastrutture sono minacciate dall’infestazione dei relativi boschi di protezione. “Il bostrico dell’abete rosso è sempre stato presente nei boschi altoatesini – afferma l’assessore provinciale, Arnold Schuler – ma fino all’anno scorso non si erano mai verificati danni tali da richiedere un intervento coordinato e di portata provinciale”. In realtà il bostrico non è solo un parassita. “Fino a pochi anni fa, nei nostri boschi, la densità della popolazione di coleotteri che attaccava gli abeti rossi indeboliti era bassa.

Questo parassita secondario, che normalmente non attaccherebbe gli alberi sani i quali sono in grado di difendersi dall’infestazione, sarebbe un insetto benefico che, causando la morte degli alberi indeboliti, avvierebbe la decomposizione del legno” spiega Hannes Schuler che, sotto la direzione di Tanja Mimmo, responsabile del Centro di competenza Salute delle piante della Libera Università di Bolzano, sta portando avanti il progetto.

Pubblicità - La Voce di BolzanoPubblicità - La Voce di Bolzano

Le pesanti nevicate e i danni causati dal vento degli ultimi anni hanno danneggiato in modo significativo i boschi altoatesini, tanto da favorire una diffusione esplosiva del bostrico. La Provincia semplicemente non disponeva delle risorse atte a rimuovere tempestivamente il legno danneggiato dei boschi così, l’estate scorsa, il bostrico si è diffuso in modo esponenziale.

Il progetto mira a investigare nel breve termine gli aspetti più importanti della biologia di questo coleotterospiega Tanja Mimmo al fine di prevedere lo sviluppo della popolazione, nonché di trovare possibili antagonisti che possano limitarne lo sviluppo. Nel medio termine mira a stabilire metodi per individuare precocemente gli alberi colonizzati e quindi ridurre al minimo la proliferazione della popolazione. Infine, a lungo termine, a sviluppare strategie per rendere le foreste altoatesine resilienti ai cambiamenti climatici e alle loro conseguenze”.

Normalmente, il bostrico è tenuto sotto controllo da una serie di antagonisti. “Tuttavia, non è stato possibile arrestare una proliferazione di massa come quella in corso in Alto Adige” – afferma Hannes Schuler. Nonostante 200 anni di ricerca, il ruolo degli antagonisti naturali è stato esaminato molto poco.

Il progetto appena approvato mira ad acquisire nuove e significative conoscenze finalizzate a un miglior controllo futuro di questo parassita. “Tra gli insetti utilispiega Hannes Schuler – possiamo considerare i coleotteri predatori come il cleride formicario, i parassitoidei (vespe parassite), ma anche numerosi patogeni, come ad esempio i microrganismi. In un progetto Interreg Dolomiti Live abbiamo studiato il ruolo di batteri e funghi, i quali assolvono una funzione importante nella biologia del coleottero. Sui coleotteri abbiamo anche rilevato numerosi acari e nematodi, ma attualmente si sa molto poco sulla loro funzione”.

Le conoscenze relative al progetto Interreg devono essere approfondite. Funghi, batteri, nematodi e acari vengono già utilizzati con successo in agricoltura come antagonisti biologici. “Per trovare una strategia contro il bostrico, la promozione specifica di antagonisti naturali ha sicuramente del potenziale” affermano i ricercatori.

Uno sguardo dallo spazio sui boschi dell’Alto Adige

Un ulteriore punto del progetto si sviluppa a livello tecnico: il telerilevamento satellitare consente di individuare in modo tempestivo le infestazioni di coleotteri. A questo scopo, gli scienziati di Eurac Research utilizzano il satellite Sentinel-2, inviato nello spazio nell’ambito del programma Copernicus.

Questo satellite è stato progettato per registrare, in dettaglio e a brevi intervalli, i cambiamenti della superficie terrestre. Scopo del progetto è scoprire se il satellite è adatto al monitoraggio dell’infestazione da bostrico, quali intervalli di lunghezze d’onda consentono di rilevare precocemente l’infestazione da parte di questo coleottero e quali serie temporali sono adatte allo scopo.

Inoltre, questo sistema satellitare, sarà utile a creare la base per una nuova mappatura dei boschi di protezione. Nella parte finale del progetto, un efficiente modello di paesaggio forestale viene utilizzato per visualizzare gli scenari futuri di sviluppo dei boschi sotto l’influenza dei cambiamenti climatici e delle perturbazioni naturali, come i danni causati dal vento, nonché della gestione forestale.

Il simulatore ha un proprio modulo che può essere utilizzato per simulare lo sviluppo del bostrico e capire come i danni da esso causati potrebbero mutare in caso di accrescimento dello stress da siccità e delle perturbazioni ventose. I dati del progetto saranno utilizzati anche per migliorare la costruzione di un modello sul bostrico e fornire suggerimenti per la gestione delle aree boschive.

NEWSLETTER

Bolzano3 ore fa

Le forze dell’ordine vigilano i mercati di quartiere. Alcuni consigli pratici per i cittadini

Bolzano3 ore fa

Profumi e deodoranti rubati in cambio di droga. La Polizia denuncia un 33enne pregiudicato, espulso per 4 anni.

Merano5 ore fa

Procede senza sosta la lotta ai reati per i Carabinieri di Merano: identificato ladro di biciclette

Oltradige e Bassa Atesina5 ore fa

Auto contro il guardrail sulla statale 12 all’altezza di Laives

Bolzano Provincia6 ore fa

Presa dalla Polizia una coppia di truffatori campani. Per entrambi c’è il foglio di via del Questore.

Alto Adige24 ore fa

Grave incidente sull’A22 vicino Bolzano sud, traffico in tilt

Bolzano1 giorno fa

I Carabinieri di Sarentino trovano uomo anziano, affetto da Alzheimer, disperso.

Alto Adige1 giorno fa

Commissaria europea favorevole all’Italia nel contenzioso sui transiti al Brennero

Oltradige e Bassa Atesina1 giorno fa

Gli rubano il portafogli. Agricoltore blocca i ladri e li consegna ai Carabinieri

Italia ed estero1 giorno fa

Speranze ridotte, secondo i vigili del fuoco, di ritrovare vivi i dispersi alla centrale idroelettrica

Bolzano1 giorno fa

Carabiniere di passaggio sventa furto in braceria a Bolzano e aiuta a identificare il ladro

Alto Adige1 giorno fa

Piove sul bagnato per Volksbank, per la quinta volta condannata a risarcire un azionista: oltre 50.000 euro

Alto Adige1 giorno fa

Lavoratori del turismo in rivolta in Val Gardena: denunciano ore extra non pagate

Trentino1 giorno fa

Rivolta con danneggiamenti nella prigione di Spini di Gardolo

Alto Adige1 giorno fa

Deroga Proporzionale in Alto Adige: via libera per magistrati italiani, FLP chiede estensione ai dirigenti amministrativi

Archivi

Categorie

più letti