Connect with us

Politica

Case Ipes in base al gruppo linguistico, il NO de La Civica per Bolzano: “Proposta irricevibile”

Pubblicato

-

Condividi questo articolo

Il Consigliere Provinciale Helmut Renzler (SVP) ha chiesto l’applicazione, a Bolzano, del sistema proporzionale per l’assegnazione delle case IPES. Questo, secondo la sua idea, prevederebbe l’applicazione di un criterio che va in direzione opposta al sistema del bisogno in uso a tutt’oggi.

Sottolineano in una nota i rappresentanti de La Civica per Bolzano: “La notizia, su un argomento molto delicato e su un sistema che ha bisogno di guardare a problemi e riforme più impellenti, ha portato ad un confronto all’interno del nostro Consiglio Direttivo che, con decisione, ha scelto di puntare fortemente a schierarsi a favore di parametri che sono alla base di questo sistema, ovvero il bisogno e l’uguaglianza a prescindere da quale lingua si parli.

Per Luca Crisafulli e Gabriele Repettola proposta di inserire nella nuova legge di riforma dell’IPES il requisito di appartenenza al gruppo linguistico e della proporzionale per ottenere un alloggio con carattere di precedenza, non è accettabile – . Davanti al bisogno, non esistono proporzioni: siamo tutti uguali. Molte persone non riescono a trovare casa quindi riformare in maniera virtuosa l’Istituto di Edilizia Sociale non può puntare alla proporzionalità”.

Pubblicità - La Voce di Bolzano



Attiva/Disattiva audio qui sotto

Pubblicità - La Voce di Bolzano

A quanto pare, la proposta – aggiungono Crisafulli e Repetto – non trova appigli nemmeno all’interno dello Statuto di Autonomia, considerato che il requisito della proporzionale doveva applicarsi esclusivamente per i ruoli del personale di uffici statali in provincia di Bolzano e non certamente per la distribuzione degli alloggi popolari.

Una seria riforma dell’IPES passa attraverso il riconoscimento dello stato di bisogno anche per chi appartiene al cosiddetto ceto medio, categoria che negli anni ha visto scendere drasticamente il potere di acquisto dei propri redditi e che spesso non è in grado di prendere in locazione o acquistare casa sul libero mercato. L’acquisto in leasing della casa, poi, potrebbe essere un ottimo sistema per acquistare casa pagando un canone mensile a valere come acconto sul prezzo finale”.

Un’altra importante falla del sistema è la veridicità dell’appartenenza ad un gruppo linguistico: “un problema serio è quello degli stranieri, che compongono un’importante fetta della popolazione e che, secondo i parametri di composizione dei punteggi sono sempre avvantaggiati (per numero di figli e reddito ad esempio) – dichiara Mirche Hristovper cui c’è la necessità di una verifica della conoscenza della lingua”. In sostanza non può bastare un semplice certificato, una mera autodichiarazione modificabile nel tempo in tribunale a seconda degli interessi personali del momento.

Pubblicità - La Voce di BolzanoPubblicità - La Voce di Bolzano

Sull’argomento è intervenuto anche Davide Tondo: “Sono anni che le cooperative portano avanti l’idea del casa-leasing. In questo contesto i soci pagano un affitto con diritto di riscatto per un determinato numero di anni. Mentre in tutta Italia è possibile avere terreni agevolati per questo scopo, in Alto Adige la legge provinciale non lo permette”.

Enrico Lillo ha invece sollevato un problema pratico che esiste, di fatto, all’interno di tanti condomini IPES dove una parte delle case sono state vendute ed altre sono ancora proprietà della Provincia: “Se i proprietari sono in maggioranza in millesimi hanno la facoltà di decidere se bloccare una ristrutturazione. Spesso succede anche che l’IPES inserisce famiglie problematiche in condomini dove ci sono molti proprietari e anche questo contribuisce a far esasperare gli animi”.

Rimane in ogni caso il problema delle poche aree disponibili, che sarebbe il primo problema da risolvere. E in secondo luogo trovare un sistema per evitare che interi condomini privati rimangano vuoti per anni e anni, pur di non calare sui prezzi“.

Prezioso, infine, il contributo tecnico di Claudio Della Ratta: “La proprietà dell’abitazione in cui si vive (elevata in Italia, così come in Alto Adige) pari a circa il 72% dovrebbe mitigare il fenomeno, ma non è così perché il restante 28% è numericamente significativo.

Andrebbe fatta un’analisi sul tema, ma è anche vero che se si scorre la graduatoria di coloro che sono inseriti come comunitari, ci accorgiamo che molti erano extracomunitari e comunitari lo sono diventati nel tempo, pertanto seppur tutto legittimo e corretto, non è proprio vero che “solo” il 12 % è riservato ad extracomunitari. Servirebbero anche più case popolari, a Bolzano sono circa 6500”.

Attorno all’edilizia sociale, insomma, non si alzino bandiere ma ci si preoccupi di risolvere sul serio l’emergenza abitativa che attanaglia questa Provincia, specialmente nei più grandi centri urbani. Il Fenomeno è complesso ed andrebbe analizzata ogni sfaccettatura. Il bisogno è il punto di riferimento per le assegnazioni, ma non dovrebbe essere il solo, proprio per la carenza delle abitazioni in argomento, che non soddisfa la domanda“, concludono.

 

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Oltradige e Bassa Atesina2 settimane fa

Crea caos sull’autobus e poi al Pronto Soccorso, dove sferra una testata al vigilantes. Arrestato dai Carabinieri

Sport2 settimane fa

Podio alla prima stagionale per Manuela Gostner nel Ferrari Challenge Europe

Eventi2 settimane fa

Promosso a pieni voti l’inverno: Movimënt si prepara a un’estate di novità

Trentino2 settimane fa

La sfida lanciata dal modello cooperativo all’industria discografica. Se ne parla al Festival dell’Economia di Trento

Eventi2 settimane fa

Decimo anniversario della campagna di sensibilizzazione MutterNacht 2024. Sabato 11 maggio la giornata d’azione

Alto Adige4 settimane fa

Pronti a “pescare” le offerte dei fedeli con metro a nastro e scotch biadesivo in Chiesa: segnalati alle autorità

Alto Adige4 settimane fa

Proseguono a raffica arresti, denunce e tre decreti di espulsione anche in un 25 aprile “tranquillo”

Alto Adige4 settimane fa

Espulsi madre e figlio per violenze sessuali, riti magici, obbligo del velo e lesioni sulla giovane moglie e nuora

Consigliati3 settimane fa

Scommesse sportive con deposito minimo basso

Bolzano2 settimane fa

Aggressione a un medico al pronto soccorso: nigeriano con precedenti penali denunciato

Bolzano3 settimane fa

Aggressione in discoteca: giovane percosso e contuso. Scattano gli accertamenti di pubblica sicurezza

Oltradige e Bassa Atesina3 settimane fa

Crede di trovarsi di fronte ad un’occasione imperdibile, ma è tutta una truffa

Alto Adige2 settimane fa

Giustizia riparativa: Kofler: «uno strumento efficace per la nostra comunità»

Società4 settimane fa

Quindici giovani talenti della ricerca scientifica: workshop interdisciplinare Laimburg-Berlino

Oltradige e Bassa Atesina4 settimane fa

La prima tappa di “Borgo diVino in tour 2024” fa sosta a Egna con un ricco programma

Archivi

Categorie

più letti