Connect with us

Bolzano

Pagamento mensilità estive al docente supplente: Uil scuola vince la causa contro la Provincia

Pubblicato

-

Un docente supplente delle scuole altoatesine ha diritto al pagamento delle mensilità di luglio ed agosto anche nel caso non sia presente per le lezioni durante l’ultimo giorno di didattica. E’ questa la sintesi della sentenza del Tribunale di Bolzano firmata dal giudice del lavoro Giulio Scaramuzzino arrivata per dirimere una controversia tra un docente e la Provincia di Bolzano. Il primo è stato supportato nella causa dal legale del sindacato della Uil Scuola Luca Crisafulli mentre l’amministrazione è stata difesa dagli avvocati Renate Von Guggenberg, Laura Fadanelli, Jutte Segna e Michele Purrello.

Si tratta di un’insegnante a tempo determinato che si è rivolto al sindacato – premette Crisafulli – perché, sebbene fosse stato assunto fino al termine dell’anno scolastico, lamentava il mancato pagamento delle mensilità di luglio ed agosto 2020”.

La Provincia, infatti, ha omesso di corrispondere i compensi perché il docente figurava in congedo straordinario l’ultimo giorno di scuola in ragione di un periodo di assistenza alla madre iniziato il 29 aprile. L’amministrazione ha considerato questa assenza come mancanza di un requisito indispensabile prescritto dall’Articolo 28 del Contratto Collettivo Provinciale per i docenti di scuola primaria e secondaria, disposizione questa che attribuisce il diritto al pagamento degli stipendi estivi ai dipendenti a tempo determinato che siano in servizio da almeno sette mesi, siano in servizio alla fine delle lezioni ed abbiano preso parte all’esame finale, ove previsto.

Pubblicità
Pubblicità

Trattandosi, nel caso specifico, di un docente di sostegno (non previsto, dunque, agli esami finali) e in servizio da più di sette mesi è stato subito chiaro come il nodo giuridico si concentrasse sull’interpretazione della seconda condizione: essere in servizio alla fine delle lezioni. Per la Provincia il congedo straordinario andava considerato come assenza mentre per il ricorrente (e per il giudice) no.

Di fatto – continua il legale della Uil Scuola – ci siamo concentrati sulla corretta interpretazione da darsi al requisito prescritto dalla disposizione contrattuale relativo alla “presenza in servizio”. Ed infatti, in primo luogo, abbiamo valorizzato il dato letterale della disposizione contrattuale in questione, la quale richiede semplicemente che il docente sia comunque in servizio alla fine delle lezioni, senza che alcun riferimento si trovi con riguardo ad una presenza effettiva (e, dunque, per così dire, fisica) in servizio.

Il giudice ha confermato la nostra impostazione per cui chi si trova in congedo per la legge 104 sia a tutti gli effetti considerato in servizio. Lo stesso accoglimento del congedo presuppone che vi sia un servizio in essere tra i due contraenti”.

Il giudice aveva precedentemente proposto un accordo stragiudiziale. “L’ipotesi era di un pagamento ridotto delle mensilità oltre ad una quota minore per le spese legali. Il mio assistito aveva accettato ma l’amministrazione provinciale ha voluto arrivare a sentenza che, in primo grado, ci riconosce il pagamento pieno degli stipendi e delle spese legali”. 

Una sentenza che ha una sua importanza calata in un contesto generale. “Se altri lavoratori dovessero trovarsi nella medesima situazione – precisa Crisafulli – potranno fare riferimento a questo dispositivo. La mancata presenza l’ultimo giorno di scuola per malattia, aspettativa, gravidanza o qualsiasi altro motivo giustificato non è motivo di mancato pagamento delle mensilità estive. E’ un precedente unico nel suo genere: il primo pronunciamento del giudice del lavoro sulla corretta interpretazione di questo Articolo del Contratto Collettivo Provinciale”.

Soddisfatto anche il segretario regionale della Uil Scuola Marco Pugliese che ha promosso l’azione a tutela del docente. “Con questa sentenza cambiamo il modo di fare sindacato lavorando su quella che noi consideriamo una lesione totale del diritto del lavoro. Ci abbiamo creduto fin dal principio tentando pure la conciliazione prima di arrivare a sentenza definitiva”.

Il tribunale è sempre l’ultima strada. “Il 90% delle criticità le risolviamo con consulenze e conciliazioni. Se ci sono le basi per la mediazione noi la preferiamo ma se ci costringono ad andare fino in fondo lo facciamo. Per la categoria si tratta di un precedente rilevante a tutela di un lavoratore fragile in quanto supplente. Oltretutto che si trova in regime di 104 per assistere la madre che non sta bene. Siamo riusciti a riportare al centro i diritti dei lavoratori”.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

  • Bonus idrico pronto, ma sito offline: le domande al via dal 2022
    Manca poco all’arrivo del Bonus idrico che permette di ricevere un rimborso di 1000 euro per chi sostituisce rubinetti di bagno e cucina. Ad oggi anche se sembra tutto pronto per l’avvio della nuova agevolazione,... The post Bonus idrico pronto, ma sito offline: le domande al via dal 2022 appeared first on Benessere Economico.
  • Il futuro corre verso un’economia circolare: nuovi modelli di rigenerazione e sviluppo
    Il futuro dell’economia, dovrà evolversi tenendo conto della missione che ormai accomuna tutti gli stati del mondo, la sostenibilità. Di fatto, per avvicinarsi verso un’economia circolare che riduca la produzione dei rifiuti, garantisca uno sviluppo... The post Il futuro corre verso un’economia circolare: nuovi modelli di rigenerazione e sviluppo appeared first on Benessere Economico.
  • Boom di adesioni per il Bonus Terme, cosa possono fare gli esclusi
    Dopo le difficoltà iniziali, il Bonus terme ha riscontrato un a grande affluenza, tanto da esaurire i fondi nel giro di poche ore. Un boom di adesioni che però ha lasciato milioni di italiani esclusi... The post Boom di adesioni per il Bonus Terme, cosa possono fare gli esclusi appeared first on Benessere Economico.
  • Ipotesi Easy tax per autonomi: un ponte tra aliquote troppo diverse tra loro
    All’interno del delicato tema sul fisco, tra le varie proposte spunta anche l’easy tax per autonomi. La proposta si inserisce nel tema dell’ampliamento della Flat Tax agli autonomi con ricavi tra 65 mila e 100... The post Ipotesi Easy tax per autonomi: un ponte tra aliquote troppo diverse tra loro appeared first on Benessere Economico.
  • Buono viaggio Taxi e Ncc: fino al 50% di sconto sul totale della corsa
    Per alcune categorie di persone, viaggiare in taxi potrebbe essere più conveniente. All’interno del Decreto Rilancio e successivamente nel Dl infrastrutture è stata inserita una particolare agevolazione che prevede viaggi in auto con conducente e... The post Buono viaggio Taxi e Ncc: fino al 50% di sconto sul totale della corsa appeared first on Benessere […]
  • Bonus Partite Iva, fino al 13 dicembre la presentazione delle domande
    Bonus Partite Iva Il bonus, messo a disposizione del Governo è un sussidio erogato a favore dei soggetti esercenti di titolari di partita Iva, soggetti esercenti di attività di impresa che hanno subito perdite a... The post Bonus Partite Iva, fino al 13 dicembre la presentazione delle domande appeared first on Benessere Economico.
  • Cambia la lotteria degli scontrini, ipotesi estrazione istantanea dal 2022
    Il programma lotteria degli scontrini che ha accompagnato molti italiani per tutto il 2021, potrebbe subire dei cambiamenti a partire dal 2022. A differenza del cashback, la lotteria degli scontrini infatti, è stata confermata anche... The post Cambia la lotteria degli scontrini, ipotesi estrazione istantanea dal 2022 appeared first on Benessere Economico.
  • P. Iva, quando arrivano i contributi fondo perduto fino a 150 mila euro
    Dopo l’ok ufficiale da parte dell’Unione Europea, i contributi a fondo perduto per le P.Iva disposti dal Decreto Sostegni Bis vengono sbloccati e arriveranno entro l’anno. I dettagli della misura Il sostegno finanziato con 4,5... The post P. Iva, quando arrivano i contributi fondo perduto fino a 150 mila euro appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus Natale, a dicembre voucher e bonus per pensionati e categorie meno abbienti
    Con l’avvicinarsi delle festività si incomincia a parlare di Bonus Natale, una misura di sostegno al reddito introdotta dalla legge finanziaria del 2001 e rifinanziata nell’ultimo decreto legge. Si tratta quindi di un voucher, erogato... The post Bonus Natale, a dicembre voucher e bonus per pensionati e categorie meno abbienti appeared first on Benessere Economico.
  • Il ritmo dell’inflazione preoccupa, aumentano anche i prezzi del carrello della spesa
    Anche nel mese di ottobre il tasso di inflazione ha continuato a salire. In particolare, per il quarto mese consecutivo l’ISTAT ha registrato una crescita più alta di quanto previsto in precedenza. L’aumento del prezzo... The post Il ritmo dell’inflazione preoccupa, aumentano anche i prezzi del carrello della spesa appeared first on Benessere Economico.

Categorie

di tendenza