Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Benessere e Salute

Christmas Blues: quando le feste mettono malinconia

Pubblicato

-

Condividi questo articolo




Pubblicità

Serene Feste? Non per tutti è cosi.

Gli addobbi sull’albero, le luci colorate, i pacchi regalo, le recite di figli/nipoti, i film e le canzoni tipiche del Natale… rappresentano momenti di gioia ed evocano in noi emozioni positive.

Per molte persone questo è infatti il periodo più bello dell’anno; per altre, invece, l’atmosfera natalizia può intristire e mettere malinconia.

E’ quella che gli esperti chiamano “Christmas Blues” o più semplicemente “depressione natalizia”. Può sembrare qualcosa di inspiegabile, ma c’è una base scientifica a tutto ciò. Le statistiche ci dicono che a sentirsi giù di morale è una persona su due: un problema molto diffuso, quindi!

Le festività di Natale e Capodanno sono fondamentalmente momenti di allegria. Si caratterizzano come un’occasione di pausa, dedicato al riposo e ad attività piacevoli, ma possono diventare anche un momento di riflessione.

Le emozioni (spesso messe da parte a causa della frenesia della vita di tutti i giorni) vengono vissute più intensamente; problemi e difficoltà apparentemente gestiti o ignorati possono improvvisamente tornare a galla, riemergendo così anche frustrazioni, dolori e sofferenze.

Anche se non vale per tutti, le Feste possono avere un lato “nascosto” e causare tristezza e senso di solitudine.

In queste giornate pensiamo soprattutto a fare bilanci, guardando quello che è stato fatto o non, confrontando ciò che vorremmo e ciò che abbiamo, quali sogni o obiettivi abbiamo realizzato, con chi li abbiamo condivisi, cosa non abbiamo concretizzato, quali sono state le occasioni perdute, cosa avremmo potuto fare in più…

Insomma, tiriamo le somme di ciò che è stato l’anno appena trascorso! In base a tali valutazioni proveremo un sentimento più o meno positivo o negativo.

E’ importante chiedersi ”Cosa ci diciamo a proposito?”, “Che valutazione diamo ai nostri piccoli o grandi fallimenti, alle nostre capacità, ai nostri successi, alle nostre previsioni sul futuro?”.

Tante emozioni possono contrapporsi. Delusione e tristezza si alternano frequentemente. A volte a prevalere è proprio la tristezza che può diventare, nei casi più estremi, vera e propria depressione.

Ricordiamoci che i bilanci di fine anno sono utili se sono propositivi! Rischiano di essere controproducenti quando li trasformiamo in una lista di autocritiche o di fallimenti per obiettivi non ancora raggiunti.

La funzione dei bilanci di fine anno è far luce su ciò che possiamo migliorare e permetterci di focalizzare meglio i nostri desideri. Un consiglio: osserviamoci, senza criticarci o biasimarci e ripartiamo con un altro spirito; non rinunciamo in partenza!

Per non diventare vittime della “Christmas Blues” e rovinare questo momento, che può invece essere emotivamente molto intenso e straordinariamente positivo, è importante affrontarlo nel modo giusto.

Non come “dovere”, ma come “piacere”. Ricordiamoci che tutto ciò che ha a che fare con il dovere non ci permette di rilassarci, di goderci la festa e di provare piacere nel viverla.

Le 5 trappole più frequenti:

1: Pensare che durante le festività si debba essere felice a tutti i costi, considerando quindi la tristezza come un’emozione sbagliata, che non dovrebbe essere provata in questa situazione
2: Concentrarsi e ripensare ad eventi negativi o a ciò che non si è raggiunto o realizzato
3: Pensare di essere i soli a vivere questa situazione di malessere
4: Focalizzare l’attenzione esclusivamente sui propri problemi personali
5: Abbandonarsi alla tristezza come fosse qualcosa di non fronteggiabile

Non dimentichiamoci che la sensazione di malessere e stanchezza può semplicemente essere dovuto alla fatica di arrivare trafelati alla fine dell’anno!

Vi ho raccontato il perché si può apparire stanchi, tristi, stressati,… Sappiate che non è nulla di grave e che è “normale”.
Cerchiamo di avere un atteggiamento positivo e fare il pieno di buoni propositi.

Auguro a tutti Voi giornate di positività, serenità e gioia (senza dimenticare di coccolare noi stessi!!). Buone Feste.

Il contributo per La Voce di Bolzano è della Dr.ssa Martina Valentini, Psicologo-Psicoterapeuta.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Bolzano2 settimane fa

Fisioterapista aggredita a Bolzano con una coltellata alla gola

Italia ed estero2 settimane fa

Orrore per una tragedia familiare: uomo uccide moglie e due figli

Trentino4 settimane fa

Frana SS47 in Valsugana, riapertura in vista: si punta a marzo per il senso unico alternato

Alto Adige3 settimane fa

Corte d’appello di Venezia ammette definitivamente class action contro Banca Popolare dell’Alto Adige (Volksbank): le scadenze

Economia e Finanza4 settimane fa

L’AGCM interviene sul trasferimento di clienti da Intesa Sanpaolo a Isybank

Merano3 settimane fa

Straniero dà in escandescenza: guardia giurata aggredita a bottigliate finisce in ospedale

Trentino4 settimane fa

Orso insegue due ragazzi in Val di Sole

Bolzano4 settimane fa

Arrestato a Bolzano latitante per reati familiari e droga dopo sei anni di fuga

Politica4 settimane fa

La nuova giunta provinciale dell’Alto Adige è stata eletta dal consiglio provinciale

Laives4 settimane fa

A Laives i cittadini sono esasperati dalla situazione rifiuti

Società2 settimane fa

Edilizia abitativa agevolata: approvato il nuovo programma di interventi

Politica3 settimane fa

Philipp Achammer lascia la guida della Svp dopo dieci anni

Politica3 settimane fa

Arno Kompatscher esclude il doppio ruolo di presidente e segretario della Svp

Laives2 settimane fa

Incidente stradale a San Giacomo: ciclista 60enne ferito gravemente

Sport4 settimane fa

Sesto Pusteria in festa per il trionfo di Jannik Sinner nel suo primo Slam

Archivi

Categorie

più letti