Connect with us

Arte e Cultura

Cultur.a Lounge: una serata dedicata ai costumi tradizionali

Pubblicato

-

Nel contesto di “Cultur.a Lounge” si è svolto il 31 gennaio, presso l’Accademia Europea di Bolzano, un evento sui costumi tradizionali della regione alpina e sul loro significato storico nel passato e nel presente.

L’evento si è svolto sotto l’egida dell‘Euregio in collaborazione con Vereinigte Bühnen Bozen.

Dopo l’introduzione del segretario generale dell’Euregio, Christoph von Ach, che ha portato i saluti del presidente Kompatscher, alla tavola rotonda seguente hanno partecipato l’etnologa e filosofa Elisabeth Wallnöfer, Rita Pechlaner Kienzl della cooperativa sarentina “Ollerhond Selbergmochts”, la fondatrice di “Qollezione” Anna Quinz, l’antropologo Giovanni Kezich di San Michele all’Adige e il progettista e fondatore della manifattura “Herzblut”, Markus Spatzier di Innsbruck.

Pubblicità
Pubblicità

Dal confronto è emerso che solo pochi capi, come i costumi tradizionali, avrebbero una storia così variegata di rifiuto e accettazione. Lo spettro spazia dai semplici abiti da lavoro agli accessori di moda, con lo sfondo dei costumi tradizionali e il loro significato per la popolazione nei tre territori dell’Euregio.

Nei discorsi dei partecipanti alla discussione è stato detto che il “costume tradizionale” può avere percezioni diverse e gode di una popolarità ininterrotta: sia come simbolo di identificazione che come capo di abbigliamento in voga.

Esperti e stilisti si sono detti d’accordo sul fatto che non esiste un “vero costume tradizionale”, ma che il costume tradizionale è soggetto allo spirito del tempo.

La serata è stata moderata da Erna Cuesta. Musica a cura del gruppo Irma.

Pubblicità
Pubblicità

Arte e Cultura

Il 28 aprile porte aperte al Museo del vino di Caldaro

Pubblicato

-

In occasione della “Passeggiata tra atmosfera e gusto a Caldaro”, domenica 28 aprile il Museo provinciale del vino offre l’ingresso libero e visite guidate dedicate alla figura del “Saltner”.

Dalle ore 10 alle 17 sarà infatti possibile visitare gratuitamente il museo, dedicato alla storia della viticoltura in Alto Adige e all’importanza anche culturale di questa attività per il territorio, e l’annesso vigneto dove crescono antiche varietà di vite.

Dalle ore 10.15 alle 16.15, ogni ora avranno luogo visite guidate incentrate sulla singolare figura del “Saltner”, lo storico guardiano delle vigne al quale il museo sta dedicando un progetto di ricerca.

Pubblicità
Pubblicità

 

Autor + © Inhaber

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Arte e Cultura

“Un libro ti aspetta”: iniziative per la Giornata mondiale del libro il 23 aprile

Pubblicato

-

Il 23 aprile è la Giornata mondiale Unesco del libro e del diritto d’autore.

In concomitanza con la ricorrenza la Ripartizione cultura della Provincia da tempo propone iniziative per la promozione della lettura come “Un libro ti aspetta“, che tra il 29 ed il 30 aprile, offre appuntamenti diversificati per coinvolgere lettori di tutte le fasce di età.

Per i bambini di 4-5 anni, alla Biblioteca Sandro Amadori, è in programma la lettura animata del libro “Un orso sullo stomaco”, vincitore del premio Nati per leggere 2018, a cura dell’autrice Noemi Vola; per quelli delle elementari, delle medie e delle superiori, al Centro Trevi, incontri diversificati con lo scrittore Fabrizio Silei, già vincitore del Premio Andersen “per essere la voce più alta e interessante della narrativa italiana per l´infanzia di questi ultimi anni”.

Pubblicità
Pubblicità

Infine, sempre al Centro Trevi, il giorno 30 aprile alle 18, la proposta per rivolta a tutti è un reading, accompagnato da musica e immagini, di testi tratti dal libro “Per amore del mondo. I discorsi politici dei Premi Nobel per la letteratura”, a cura di Teatro Blu.

Nicola Benussi, Bobbi Gualtirolo, Stefano Uvietta interpreteranno con parole, musica ed immagini le orazioni dei poeti e degli scrittori premiati a Stoccolma con il Nobel per la letteratura.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Arte e Cultura

Riapertura con quiz a Pasquetta per il Museo degli usi e costumi

Pubblicato

-

Il 22 aprile, lunedì di Pasqua, il Museo provinciale degli usi e costumi di Teodone riapre i battenti dopo la pausa invernale.

L’ingresso è consentito dalle ore 14. In occasione della riapertura, il museo propone un divertente quiz per tutta la famiglia.

Bambini e bambine riceveranno una lista con alcune domande sulle usanze legate alla Pasqua in Alto Adige. Chi indovina la parola “segreta” vince un uovo di Pasqua colorato e partecipa al sorteggio di alcuni libri.

Pubblicità
Pubblicità

Non mancheranno coniglietti e lepri, mentre il gruppo “Semestertrio” suonerà fino alle ore 17. La festa durerà fino alle 18.

Al Museo degli usi e costumi di Teodone è possibile conoscere da vicino la vita della società rurale in epoca preindustriale. Al centro si trova la residenza barocca Mair am Hof con le sale padronali e le collezioni etnografiche.

I masi contadini originali, le officine degli artigiani, gli orti agricoli e gli animali domestici nell’area all’aperto, di oltre tre ettari, raccontano la quotidianità di un tempo.

Ulteriori informazioni sul museo sono disponibili sul sito www.museo-etnografico.it.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza