Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Italia ed estero

Di Maio conferma i 71 milioni prestati a Tunisia e Bolivia, FdI: “Altro che fake news, andavano trattenuti in Patria”

Pubblicato

-

Condividi questo articolo




Pubblicità

La veridicità di quanto riportato dal nostro quotidiano sugli aiuti economici inopportunamente erogati a Paesi esteri sotto forma di prestito nel contesto dell’emergenza Covid-19 (anche se previsti da accordi precedenti come avevamo sottolineato) trova conferma nella risposta dello stesso ministro degli Esteri Luigi Di Maio durante la question time alla Camera, richiesta dai deputati di FdI Giovanni Donzelli e Andrea Delmastro.

Tunisia, Bolivia. Il Governo eroga 50 milioni alla prima, ha previsto 21 milioni per la seconda.Anche 200.000 euro a una Ong per la Somalia, che poteva trattenere per curare le ferite della Nazione“, ha tuonato Delmastro.

Per i 50 milioni dati alla Tunisia, dopo aver ringraziato il governo italiano per la gentile donazione, l’Ambasciata d’Italia nel Paese nordafricano aveva fatto sparire il post dalla sua pagina Facebook e dagli altri social.

Pubblicità - La Voce di Bolzano



Attiva/Disattiva audio qui sotto

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Ma nel frattempo sono spuntati gli screenshot a testimonianza della verità. Delmastro, esponente parlamentare di Fratelli d’Italia, aveva presentato un’interrogazione alla quale il ministro di Maio ha risposto confermando gli importi dati ai due Paesi.

La canea urlante degli accusatori si era scagliata anche contro il nostro quotidiano, tra i primi in Italia a riportare la notizia: è una fake news. Non lo è. Tra l’altro, lo ribadiamo, la nostra testata non ha nemmeno mai asserito si trattasse di regalie, ma di prestiti, riportando integralmente anche quanto sostenuto dalla Farnesina.

Interessante la replica a Di Maio sugli aiuti economici esteri che, sempre per la consueta correttezza che utilizziamo per il dovere di cronaca, riportiamo. “Non si tratta né di un regalo né di un dono. Quello che il deputato interrogante vorrebbe raffigurare come una decisione estemporanea e paradossale in realtà è un processo avviato tre anni fa. Si tratta dell’erogazione di un credito alla Tunisia. Faccio presente che l’erogazione in questione fa riferimento ad un memorandum di intesa bilaterale siglato nel 2017. La delibera del Comitato congiunto per la Cooperazione allo Sviluppo risale al 2018. Il programma è diretto soprattutto alle piccole e medie imprese, le stesse che intrattengono legami intensi con le aziende italiane.

Pubblicità - La Voce di BolzanoPubblicità - La Voce di Bolzano

In Tunisia ne abbiamo 800 di aziende italiane, molte delle quali sono italo tunisine e quindi gioveranno di questo programma. Il 18 marzo 2019 sono stati firmati sia l’accordo intergovernativo che il contratto di finanziamento su risorse del fondo rotativo della Cooperazione di cui Cassa Depositi e Prestiti è Ente gestore. Con l’entrata in vigore dell’accordo il versamento del prestito è divenuto un obbligo internazionale.

Come nel caso della Bolivia, si tratta non di un dono ma di un credito. Certe polemiche sono pretestuose. E’ una falsa idea quella che il governo stia decidendo ora di destinare risorse ad altri Paesi in un gioco a somma zero che sacrificherebbe gli interessi dei nostri concittadini“.

Sono prestiti divenuti obbligatori, è stato detto. Non potevano farne a meno. 

Come anche sostenunto del deputato sempre di Fratelli d’Italia in un video pubblicato sul suo profilo social lo scorso 30 marzo “In tutti i trattati internazionali se c’è una causa di forza maggiore gli Stati hanno il diritto di chiedere la revisione degli accordi. E non è forse una causa di forza maggiore dal carattere di imprevedibilità ciò che sta accadendo oggi in Italia, ovvero una gravissima emergenza santaria ed economica che rischia di mettere in ginocchio una Nazione? Non è questo un motivo valido per rispondere agli Stati esteri che, se ci stiamo indebitando per non affondare, non abbiamo soldi da erogare al resto del mondo?”.

Il problema dunque è che agli italiani non interessa davvero se si tratti di prestiti o di donazioni, la cui erogazione tra il resto è prevista da patti stretti anni or sono ma revocabile (non vincolante, come sottolinea Donzelli): per Fratelli d’Italia quei soldi dovevano rimanere in Patria a salvare le Pmi e i nostri artigiani.

Di Maio conferma di aver erogato in questi giorni di grande sofferenza per la Nazione 50 milioni di euro alla Tunisia e 21 milioni di euro alla Bolivia per la cooperazione internazionale. Manca tutto, mancano le mascherine per i medici, mancano i ventilatori, ci sono solo 600 euro una tantum per le partite iva, le imprese sono in ginocchio e Pd e M5Stelle si dedicano alla cooperazione internazionale. Altro che fake news sui soldi all’estero. Quei soldi devono rimanere in Italia“, ribadisce Delmastro.

Non è tempo di esterofilie dunque e FdI invoca lo stop ai fondi per la cooperazione.

Lo scorso 30 marzo, sempre Delmastro ha inoltre denunciato un prossimo impiego dal parte dell’Italia di 500 milioni di euro destinati alla cooperazione internazionale. Centinaia e centinaia di milioni devono essere destinati alle nostre famiglie, alle nostre imprese, ai nostri lavoratori, alle nostre partite iva“, tuona.

500 milioni sottratti alla Patria – è stato sottolineato in aula alla Camera – . Avete erogato 400 milioni alle famiglie indigenti. Ne potevate erogare 900 e invece erogate 600 miserrimi euro alle partite Iva. Il nemico è invisibile, ma la trincea dove si combatte è visibilissima a noi, e si chiama Italia. Voi la state disertando perché sollevate ogni vessillo nazionale tranne quello tricolore“.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Oltradige e Bassa Atesina15 minuti fa

Il nucleo speciale dei Carabinieri di Laives, adesso è dotato di un nuovo singolare mezzo

Italia ed estero5 ore fa

Recuperato l’ultimo corpo nella tragedia della centrale idroelettrica a Bologna

Bolzano8 ore fa

Cittadino albanese pluripregiudicato espulso e fatto imbarcare dal Questore su un volo per Tirana

Bolzano8 ore fa

In Fiera Bolzano torna il cat show ‘i gatti più belli del mondo’, un evento da non perdere

Val Pusteria8 ore fa

Oltre 300 gli interventi compiuti dai Carabinieri durante la stagione: i risultati

Alto Adige10 ore fa

Arrestato per maltrattamenti e violenza sessuale, finisce in carcere un uomo di 62 anni

Italia ed estero21 ore fa

Tre vittime dopo la valanga a Solden, anche un ferito perde la vita

Bolzano1 giorno fa

Le forze dell’ordine vigilano i mercati di quartiere. Alcuni consigli pratici per i cittadini

Bolzano1 giorno fa

Profumi e deodoranti rubati in cambio di droga. La Polizia denuncia un 33enne pregiudicato, espulso per 4 anni.

Merano1 giorno fa

Procede senza sosta la lotta ai reati per i Carabinieri di Merano: identificato ladro di biciclette

Oltradige e Bassa Atesina1 giorno fa

Auto contro il guardrail sulla statale 12 all’altezza di Laives

Bolzano Provincia1 giorno fa

Presa dalla Polizia una coppia di truffatori campani. Per entrambi c’è il foglio di via del Questore.

Alto Adige2 giorni fa

Grave incidente sull’A22 vicino Bolzano sud, traffico in tilt

Bolzano2 giorni fa

I Carabinieri di Sarentino trovano uomo anziano, affetto da Alzheimer, disperso.

Alto Adige2 giorni fa

Commissaria europea favorevole all’Italia nel contenzioso sui transiti al Brennero

Archivi

Categorie

più letti