Connect with us

Italia ed estero

Di Maio conferma i 71 milioni prestati a Tunisia e Bolivia, FdI: “Altro che fake news, andavano trattenuti in Patria”

Pubblicato

-

La veridicità di quanto riportato dal nostro quotidiano sugli aiuti economici inopportunamente erogati a Paesi esteri sotto forma di prestito nel contesto dell’emergenza Covid-19 (anche se previsti da accordi precedenti come avevamo sottolineato) trova conferma nella risposta dello stesso ministro degli Esteri Luigi Di Maio durante la question time alla Camera, richiesta dai deputati di FdI Giovanni Donzelli e Andrea Delmastro.

Tunisia, Bolivia. Il Governo eroga 50 milioni alla prima, ha previsto 21 milioni per la seconda.Anche 200.000 euro a una Ong per la Somalia, che poteva trattenere per curare le ferite della Nazione“, ha tuonato Delmastro.

Per i 50 milioni dati alla Tunisia, dopo aver ringraziato il governo italiano per la gentile donazione, l’Ambasciata d’Italia nel Paese nordafricano aveva fatto sparire il post dalla sua pagina Facebook e dagli altri social.

Pubblicità
Pubblicità

Ma nel frattempo sono spuntati gli screenshot a testimonianza della verità. Delmastro, esponente parlamentare di Fratelli d’Italia, aveva presentato un’interrogazione alla quale il ministro di Maio ha risposto confermando gli importi dati ai due Paesi.

La canea urlante degli accusatori si era scagliata anche contro il nostro quotidiano, tra i primi in Italia a riportare la notizia: è una fake news. Non lo è. Tra l’altro, lo ribadiamo, la nostra testata non ha nemmeno mai asserito si trattasse di regalie, ma di prestiti, riportando integralmente anche quanto sostenuto dalla Farnesina.

Interessante la replica a Di Maio sugli aiuti economici esteri che, sempre per la consueta correttezza che utilizziamo per il dovere di cronaca, riportiamo. “Non si tratta né di un regalo né di un dono. Quello che il deputato interrogante vorrebbe raffigurare come una decisione estemporanea e paradossale in realtà è un processo avviato tre anni fa. Si tratta dell’erogazione di un credito alla Tunisia. Faccio presente che l’erogazione in questione fa riferimento ad un memorandum di intesa bilaterale siglato nel 2017. La delibera del Comitato congiunto per la Cooperazione allo Sviluppo risale al 2018. Il programma è diretto soprattutto alle piccole e medie imprese, le stesse che intrattengono legami intensi con le aziende italiane.

In Tunisia ne abbiamo 800 di aziende italiane, molte delle quali sono italo tunisine e quindi gioveranno di questo programma. Il 18 marzo 2019 sono stati firmati sia l’accordo intergovernativo che il contratto di finanziamento su risorse del fondo rotativo della Cooperazione di cui Cassa Depositi e Prestiti è Ente gestore. Con l’entrata in vigore dell’accordo il versamento del prestito è divenuto un obbligo internazionale.

Come nel caso della Bolivia, si tratta non di un dono ma di un credito. Certe polemiche sono pretestuose. E’ una falsa idea quella che il governo stia decidendo ora di destinare risorse ad altri Paesi in un gioco a somma zero che sacrificherebbe gli interessi dei nostri concittadini“.

Sono prestiti divenuti obbligatori, è stato detto. Non potevano farne a meno. 

Come anche sostenunto del deputato sempre di Fratelli d’Italia in un video pubblicato sul suo profilo social lo scorso 30 marzo “In tutti i trattati internazionali se c’è una causa di forza maggiore gli Stati hanno il diritto di chiedere la revisione degli accordi. E non è forse una causa di forza maggiore dal carattere di imprevedibilità ciò che sta accadendo oggi in Italia, ovvero una gravissima emergenza santaria ed economica che rischia di mettere in ginocchio una Nazione? Non è questo un motivo valido per rispondere agli Stati esteri che, se ci stiamo indebitando per non affondare, non abbiamo soldi da erogare al resto del mondo?”.

Il problema dunque è che agli italiani non interessa davvero se si tratti di prestiti o di donazioni, la cui erogazione tra il resto è prevista da patti stretti anni or sono ma revocabile (non vincolante, come sottolinea Donzelli): per Fratelli d’Italia quei soldi dovevano rimanere in Patria a salvare le Pmi e i nostri artigiani.

Di Maio conferma di aver erogato in questi giorni di grande sofferenza per la Nazione 50 milioni di euro alla Tunisia e 21 milioni di euro alla Bolivia per la cooperazione internazionale. Manca tutto, mancano le mascherine per i medici, mancano i ventilatori, ci sono solo 600 euro una tantum per le partite iva, le imprese sono in ginocchio e Pd e M5Stelle si dedicano alla cooperazione internazionale. Altro che fake news sui soldi all’estero. Quei soldi devono rimanere in Italia“, ribadisce Delmastro.

Non è tempo di esterofilie dunque e FdI invoca lo stop ai fondi per la cooperazione.

Lo scorso 30 marzo, sempre Delmastro ha inoltre denunciato un prossimo impiego dal parte dell’Italia di 500 milioni di euro destinati alla cooperazione internazionale. Centinaia e centinaia di milioni devono essere destinati alle nostre famiglie, alle nostre imprese, ai nostri lavoratori, alle nostre partite iva“, tuona.

500 milioni sottratti alla Patria – è stato sottolineato in aula alla Camera – . Avete erogato 400 milioni alle famiglie indigenti. Ne potevate erogare 900 e invece erogate 600 miserrimi euro alle partite Iva. Il nemico è invisibile, ma la trincea dove si combatte è visibilissima a noi, e si chiama Italia. Voi la state disertando perché sollevate ogni vessillo nazionale tranne quello tricolore“.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

  • Pacchetti “antistress “ in hotel di lusso: giornate alla ricerca del benessere
    Alternare il lavoro con il riposo, mettendo in pausa la routine quotidiana aggiunge una diversione alla vita e permette la splendida occasione di fare esperienze insolite, conoscere luoghi, persone e sopratutto non avere un’agenda giornaliera. In una società iperattiva è quindi indispensabile la ricerca dell’equilibrio perduto anche solo attraverso esclusivi pacchetti antistress in hotel di […]
  • Un solo tavolo al ristorante stellato, l’elegante genialità della ristorazione
    Il meglio delle esperienze che Venezia possa offrire è racchiuso in un luogo dove la declinazione dell’esperienza sarà il miglior servizio. Un posto non convenzionale che può essere scelto solo da coloro che accettano di non porre condizioni. Con geniale eleganza, Il Ristorante “Oro” dell’hotel Cipriani a Venezia rinasce mettendo in luce un dettaglio unico […]
  • A Bologna l’economia circolare in edilizia diventa realtà: arriva il nuovo asfalto 100% riciclato
    Un’edilizia circolare sempre più sostenibile dal punto di vista ambientale risulta una strada imprescindibile per il futuro dello sviluppo economico. Il riciclo dei materiali promette infatti oltre ad una sensibile riduzione dei rifiuti e dell’inquinamento, anche un’ottima soluzione per ottimizzare costi e ricavi. In un simile contesto risulta fondamentale lavorare sulla ridefinizione del ciclo produttivo […]
  • Una notte tra le Dolomiti e le stelle a 2055 metri di quota
    A pochi chilometri da Cortina tra cieli sconfinati e cattedrali rocciose esiste una camera che regala l’insolita emozione di ritrovarsi a dormire avvolti dall’affascinante magia di un paesaggio unico al mondo. La starlight Room, inclusa tra i dieci hotel più spettacolari del mondo, si trova infatti sopra al rifugio Col Gallina a 2055 metri in […]
  • “Vuoi costruire una piscina di pregio ma non sai bene da dove iniziare?” Comincia da qui
    Immagina un angolo di vacanza nel tuo giardino o terrazza, uno spazio accogliente e riservato dove poter dimenticare i problemi quotidiani e immergerti in momenti di benessere e relax da solo o con i tuoi cari. Magari è da un po’ che ci pensi ma qualcosa ti frena. Domande del tipo: “Da dove inizio? Mi […]
  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]
  • Internet supera i confini del deserto con 30 palloni aerostatici
    Dal mondo della tecnologia arriva il primo passo verso una società più equa. Il 4G supera i confini del deserto e arriva in Kenya grazie a 30 palloni aerostatici alimentati ad energia solare per garantire una copertura di rete a 14 contee keniote altrimenti isolate. L’iniziativa è frutto di un accordo tra la compagnia telefonica […]
  • Percorso Kneipp: concludere le vacanze in Trentino in totale relax
    La strana e tanto discussa estate 2020 sta per giungere al termine. E, se ci si trova in Trentino Alto-Adige, cosa si può fare per concludere al meglio la propria vacanza? Una delle tappe da non perdere è sicuramente il Percorso Kneipp, Centro situato in Val di Rabbi, per la precisione nella Frazione S. Bernardo. Il […]
  • In Giappone trionfano le vacanze covid – Free, di girare il mondo su un aereo ma con la realtà virtuale
    Per ottemperare alle rigide restrizioni imposte per abbattere la pandemia da Coronavirus garantendo contemporaneamente l’emozione del viaggio in aereo, una compagnia aerea giapponese ha riconvertito la propria offerta proponendo ai clienti  eccentriche vacanze virtuali a bordo di aerei finti con occhiali per la realtà virtuale. L’ideatrice di questo stravagante progetto è la Tokyo First Airlines, che permette […]

Categorie

di tendenza