Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Benessere e Salute

La sfida del Gambero rosso della Louisiana: il rischio di impatti ecologici significativi sul territorio

Pubblicato

-

Foto: Asp Stazione forestale
Condividi questo articolo




Pubblicità


Sempre più specie animali e vegetali esotiche invasive fanno la loro comparsa anche in Alto Adige. “Non si tratta di un contributo alla biodiversità, ma di una minaccia per le nostre specie autoctone“, ha affermato l’assessore provinciale Arnold Schuler. Da alcuni anni, nelle acque del Lago di Caldaro si osserva un massiccio aumento del Gambero rosso della Louisiana (Procambarus clarkii). Questi gamberi d’acqua dolce sono sotto costante osservazione dal 2017, quando sono stati rilevati per la prima volta durante un’indagine sulla popolazione ittica nel corso inferiore di Rio Trodena. Nel frattempo, il gambero rosso della Louisiana ha avuto un tale successo nel suo comportamento di dispersione da essere considerato una specie aliena problematica in tutto il mondo. È facile da identificare: Il gambero rosso della Louisiana può raggiungere una lunghezza di 15 cm. Il suo corpo spinoso e di colore rosso scuro, con spine rosso chiaro sulle chele, lo rende facilmente distinguibile da altre specie di gamberi.

Recentemente, si è svolto anche  uno scambio tra gli Uffici Gestione fauna selvatica, Natura e Tutela delle acque, il Laboratorio biologico provinciale, l’Ispettorato forestale Bolzano 1 e la Stazione forestale di Caldaro. Gli esperti hanno fatto il punto sulla diffusione del gambero rosso della Louisiana in Alto Adige. Dopo il primo rilevamento nel Rio Trodena nel 2017, questa specie di gambero è stata trovata anche nella Stazione forestale di Caldaro. Da allora, i dipendenti di questa Stazione hanno condotto indagini sulla popolazione attraverso la cattura con le nasse in collaborazione con l’Ufficio gestione fauna selvatica e l’Ispettorato forestale Bolzano e hanno osservato un massiccio aumento della popolazione nella Stazione forestale di Caldaro e una costante avanzata verso Nord dal 2019.

A causa della loro elevata concentrazione e del loro comportamento vorace, c’è il rischio di impatti ecologici significativi sulla nostra fauna, flora e habitat acquatici autoctoni. La dispersione non avviene solo in acqua, ma anche via terra. I Gamberi rossi della Louisiana sono riusciti a superare la barriera sulla sponda meridionale del Lago di Caldaro e a invadere il biotopo di 240 ettari. Nel 2020, l’autorità forestale ha effettuato un ripopolamento estensivo di anguille nel lago di Caldaro e nei fossi di Caldaro come misura di controllo biologico, nella speranza di rallentare il tasso di diffusione di questa specie invasiva.

Essendo una specie estremamente adattabile, il Gambero rosso della Louisiana colonizza una varietà di tipi di acqua e, a differenza del gambero di torrente, non richiede quasi nulla alle condizioni di ossigeno e temperatura dell’acqua. Il gambero di fiume può anche sopravvivere a lunghi periodi di siccità in tane autocostruite. Oltre agli effetti negativi sull’ecosistema, la specie esotica può compromettere la stabilità idraulica di argini e dighe a causa della sua attività di scavo.

“È importante prevenire l’ulteriore diffusione di questa forma invasiva di gambero“, ha affermato l’assessore Schuler. Il pericolo maggiore è rappresentato dall’uomo: i gamberi vengono spesso raccolti e portati via dai passanti durante i loro lunghi viaggi a terra e rilasciati altrove. “Non c’è di certo un intento doloso dietro a tutto ciò, ma vorremmo far notare ai cittadini che qualsiasi introduzione di specie invasive è un reato penale“, ha ricordato Schuler. L’Ufficio Gestione fauna selvatica invita i cittadini a segnalare gli avvistamenti direttamente all’ufficio o alla stazione forestale più vicina, per telefono o via e-mail.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Bolzano1 settimana fa

Fisioterapista aggredita a Bolzano con una coltellata alla gola

Italia ed estero2 settimane fa

Orrore per una tragedia familiare: uomo uccide moglie e due figli

Trentino3 settimane fa

Frana SS47 in Valsugana, riapertura in vista: si punta a marzo per il senso unico alternato

Alto Adige2 settimane fa

Corte d’appello di Venezia ammette definitivamente class action contro Banca Popolare dell’Alto Adige (Volksbank): le scadenze

Trentino4 settimane fa

Orso insegue due ragazzi in Val di Sole

Merano3 settimane fa

Straniero dà in escandescenza: guardia giurata aggredita a bottigliate finisce in ospedale

Politica3 settimane fa

La nuova giunta provinciale dell’Alto Adige è stata eletta dal consiglio provinciale

Politica4 settimane fa

Rosmarie Pamer della Svp nominata vice presidente di lingua tedesca della Provincia di Bolzano

Bolzano3 settimane fa

Arrestato a Bolzano latitante per reati familiari e droga dopo sei anni di fuga

Merano4 settimane fa

Inizia il processo al custode accusato del femminicidio avvenuto a Merano

Economia e Finanza3 settimane fa

L’AGCM interviene sul trasferimento di clienti da Intesa Sanpaolo a Isybank

Italia ed estero4 settimane fa

In carcere per oltre trent’anni, ora assolto: era innocente!

Laives4 settimane fa

A Laives i cittadini sono esasperati dalla situazione rifiuti

Laives2 settimane fa

Incidente stradale a San Giacomo: ciclista 60enne ferito gravemente

Salute4 settimane fa

Mal di gola: cause e trucchi per prevenire il problema

Archivi

Categorie

più letti