Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Italia ed estero

Leoni da tastiera e sciacalli in rete: non c’è pace per la famiglia Cecchettin

Pubblicato

-

foto ANSA
Condividi questo articolo




Pubblicità

In un’epoca in cui il web può trasformarsi in un’arena senza freni per l’odio e la diffamazione, la vicenda della famiglia Cecchettin emerge come un triste promemoria della necessità di promuovere la compassione e il rispetto nell’ambito digitale. La tragedia che ha colpito Giulia Cecchettin, la studentessa tragicamente scomparsa per mano dell’ex fidanzato Filippo Turetta, si è trasformata in una duplice battaglia per i suoi cari. Da una parte, devono sopportare il dolore di una perdita incommensurabile e, dall’altra, affrontare un’ondata di malvagità inaspettata e ingiustificata proveniente da sconosciuti dietro schermi illuminati.

Il padre di Giulia, Gino Cecchettin, ha intrapreso azioni legali per difendere l’onore della figlia. Assieme all’avvocato Stefano Tigani, ha portato all’attenzione delle autorità giudiziarie il calvario digitale subìto, depositando una querela per diffamazione presso la Polizia postale. I contenuti web, rivelatisi essere un cumulo di odio e violenza verbale contro la sua defunta figlia, hanno scatenato una giusta indignazione e un’azione legale tempestiva.

Elena, la sorella di Giulia, si è vista costretta a intraprendere un percorso simile dopo che Stefano Valdegamberi, ex consigliere della lista Zaia, l’ha indebitamente associata a simboli e pratiche sataniche. La diffamazione, diffusasi come un virus attraverso i canali social, ha sollecitato una seconda denuncia per tutelare la dignità e la reputazione della famiglia Cecchettin.

Nonostante le due denunce, la spirale di insulti e minacce online ha continuato a intensificarsi. I messaggi di morte e frasi dall’odio inqualificabile si sono moltiplicati, raggiungendo un volume tale che il signor Cecchettin si appresta a presentare una nuova denuncia. Un passo necessario per cercare di arginare questo fenomeno preoccupante e per riaffermare che, anche nel mondo virtuale, le parole hanno un peso e le azioni conseguenze.

Questo triste episodio ci ricorda che, dietro ogni profilo digitale, ci sono persone reali con emozioni vere. La responsabilità di ogni individuo nell’uso del web diventa imprescindibile, e la famiglia Cecchettin, nel suo delicato momento di lutto, diventa simbolo di una resistenza civile contro l’impunità dell’odio online. La solidarietà e l’affetto che le persone perbene possono esprimere sul web devono diventare il contrappeso a questo oscuro fenomeno, affinché la rete possa tornare ad essere uno spazio di condivisione positiva e non di conflitto e dolore.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Bolzano1 settimana fa

Fisioterapista aggredita a Bolzano con una coltellata alla gola

Italia ed estero2 settimane fa

Orrore per una tragedia familiare: uomo uccide moglie e due figli

Trentino3 settimane fa

Frana SS47 in Valsugana, riapertura in vista: si punta a marzo per il senso unico alternato

Alto Adige2 settimane fa

Corte d’appello di Venezia ammette definitivamente class action contro Banca Popolare dell’Alto Adige (Volksbank): le scadenze

Trentino4 settimane fa

Orso insegue due ragazzi in Val di Sole

Economia e Finanza3 settimane fa

L’AGCM interviene sul trasferimento di clienti da Intesa Sanpaolo a Isybank

Merano3 settimane fa

Straniero dà in escandescenza: guardia giurata aggredita a bottigliate finisce in ospedale

Politica3 settimane fa

La nuova giunta provinciale dell’Alto Adige è stata eletta dal consiglio provinciale

Bolzano3 settimane fa

Arrestato a Bolzano latitante per reati familiari e droga dopo sei anni di fuga

Merano4 settimane fa

Inizia il processo al custode accusato del femminicidio avvenuto a Merano

Laives4 settimane fa

A Laives i cittadini sono esasperati dalla situazione rifiuti

Italia ed estero4 settimane fa

In carcere per oltre trent’anni, ora assolto: era innocente!

Società2 settimane fa

Edilizia abitativa agevolata: approvato il nuovo programma di interventi

Laives2 settimane fa

Incidente stradale a San Giacomo: ciclista 60enne ferito gravemente

Bolzano4 settimane fa

Bolzano onora la memoria dei deportati con nuove Stolpersteine o Pietre d’inciampo

Archivi

Categorie

più letti