Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Italia ed estero

Psicoterapeuti interrogati sui colloqui avuti con Filippo Turetta prima del delitto: “così parlava di Giulia”

Pubblicato

-

Condividi questo articolo




Pubblicità


I carabinieri di Venezia stanno ascoltando i professionisti che hanno avuto contatti con Filippo Turetta, reo confesso dell’assassinio di Giulia Cecchettin. Prima del delitto, Turetta aveva avuto cinque incontri con uno psicoterapeuta, durante i quali aveva discusso della sua “timidezza”, delle sue difficoltà “negli studi” e “relazionali”, e della sua relazione finita con Giulia.

In attesa di un sesto incontro, Turetta era già in fuga. Ora, gli esperti sono chiamati a rispondere alle domande dei carabinieri di Venezia, che stanno cercando di comprendere se Turetta avesse mostrato segnali di “premeditazione” durante i suoi colloqui. Inoltre, si stanno valutando se gli psicoterapeuti potrebbero aver ignorato possibili segnali d’allarme.

Nei messaggi e nelle registrazioni audio di Turetta, emerge una preoccupante possessività. Questo comportamento è evidente nei messaggi di una chat di amici, dove Turetta controllava ossessivamente Giulia, insistendo di essere l’unico a conoscere le sue preferenze.

Mentre la difesa di Turetta potrebbe richiedere un esame psichiatrico, basandosi sui suoi precedenti disturbi, per valutare la sua responsabilità penale e la possibilità di una riduzione di pena, Turetta è attualmente detenuto nel reparto di Infermeria del carcere di Verona. Lì riceve un supporto psicoterapeutico quotidiano, dato che il suo caso è considerato delicato e si avvicina al suo 22esimo compleanno, un evento che potrebbe scatenare un crollo emotivo.

Alcune chat pubblicate dal programma televisivo “Chi l’ha visto?” illustrano il carattere malsano del rapporto di Turetta con Giulia. In una chat WhatsApp tra amici che stavano organizzando una festa per la laurea di Giulia, Turetta interferisce nei piani, discutendo dettagli come cosa lanciare durante la celebrazione e cosa raffigurare nella caricatura di Giulia.

Turetta sembra essere mosso da un distorto senso di protezione, insistendo su dettagli come la quantità di alcol che Giulia dovrebbe bere per evitare mal di testa e opponendosi all’idea di raffigurare Giulia con un accendino in mano nella caricatura. Le indagini continuano per capire come una relazione possa diventare così pericolosamente ossessiva.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Bolzano1 settimana fa

Fisioterapista aggredita a Bolzano con una coltellata alla gola

Italia ed estero2 settimane fa

Orrore per una tragedia familiare: uomo uccide moglie e due figli

Trentino3 settimane fa

Frana SS47 in Valsugana, riapertura in vista: si punta a marzo per il senso unico alternato

Alto Adige2 settimane fa

Corte d’appello di Venezia ammette definitivamente class action contro Banca Popolare dell’Alto Adige (Volksbank): le scadenze

Politica4 settimane fa

Rosmarie Pamer della Svp nominata vice presidente di lingua tedesca della Provincia di Bolzano

Trentino4 settimane fa

Orso insegue due ragazzi in Val di Sole

Bolzano3 settimane fa

Arrestato a Bolzano latitante per reati familiari e droga dopo sei anni di fuga

Economia e Finanza3 settimane fa

L’AGCM interviene sul trasferimento di clienti da Intesa Sanpaolo a Isybank

Merano3 settimane fa

Straniero dà in escandescenza: guardia giurata aggredita a bottigliate finisce in ospedale

Laives2 settimane fa

Incidente stradale a San Giacomo: ciclista 60enne ferito gravemente

Salute4 settimane fa

Mal di gola: cause e trucchi per prevenire il problema

Politica3 settimane fa

La nuova giunta provinciale dell’Alto Adige è stata eletta dal consiglio provinciale

Merano4 settimane fa

Inizia il processo al custode accusato del femminicidio avvenuto a Merano

Laives4 settimane fa

A Laives i cittadini sono esasperati dalla situazione rifiuti

Sport4 settimane fa

Sesto Pusteria in festa per il trionfo di Jannik Sinner nel suo primo Slam

Archivi

Categorie

più letti