Connect with us

Italia ed estero

Smascherato Fedez riguardo le sue dichiarazioni sulla beneficenza “Covid”

Pubblicato

-

Immagini di repertorio
Condividi questo articolo

Tra le pieghe di un racconto che ha commosso l’Italia, emergono discrepanze significative. Da una parte Chiara Ferragni, influencer di fama mondiale, si presenta in lacrime sui social per sanare una recente macchia sulla sua immagine pubblica; dall’altra, suo marito Fedez, rapper e icona mediatica, è al centro di una controversia sui reali risultati della loro beneficenza. La Regione Lombardia, con una nota ufficiale, mette ora in dubbio alcune cifre dichiarate dall’artista.

In un periodo segnato dalla pandemia, la coppia Ferragni-Fedez ha indubbiamente giocato un ruolo chiave nel mobilitare risorse per l’emergenza sanitaria. Fedez, difendendo l’integrità e l’operato della moglie, ha recentemente sostenuto di aver realizzato, mediante una raccolta fondi, una terapia intensiva da 150 posti letto in appena 10 giorni. Questa asserzione contrasta con la comunicazione ufficiale della Regione Lombardia che parla di soli 14 posti letto frutto della loro iniziativa. Una cifra ben diversa che ha sollevato domande e necessitato chiarimenti.

Dietro le quinte di una comunicazione emotiva e a volte impulsiva, si svela una realtà più complessa. La regione Lombardia ha diffuso una precisa rettifica: il contributo dei Ferragnez ha consentito la creazione di una tensostruttura presso il San Raffaele, risultando in 14 posti di terapia intensiva. Contrariamente ai 157 posti letto attribuiti alla generosità di oltre 6.000 donatori anonimi che hanno contribuito all’ospedale in Fiera.

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Questa divergenza numerica solleva interrogativi sull’accuratezza delle informazioni veicolate sui social media e sulla responsabilità di figure pubbliche nell’indirizzare il racconto collettivo di eventi di rilevante importanza sociale. L’indagine pone in luce la velocità di allestimento delle strutture ospedaliere, evidenziando come, nonostante la complessità e il volume di lavoro, solo 14 giorni sono intercorsi tra il primo paziente della tensostruttura e quello dell’ospedale in Fiera.

Dal canto suo, la Regione Lombardia non manca di esprimere riconoscenza verso i 6.000 donatori, sottolineando la necessità di una corretta comunicazione per non sminuire il loro gesto di solidarietà. Un gesto che ha avuto un impatto diretto e significativo sul trattamento dei pazienti COVID-19.

In conclusione, l’episodio sollecita una riflessione sui rischi connessi a dichiarazioni pubbliche non verificate, specialmente quando queste coinvolgono la salute pubblica e la solidarietà collettiva. L’inchiesta pone in luce il bisogno di trasparenza e di una verifica approfondita delle informazioni prima di diffonderle al grande pubblico, ricordando che anche nell’era dei social media, i fatti contano più delle percezioni.

Pubblicità - La Voce di BolzanoPubblicità - La Voce di Bolzano

NEWSLETTER

Oltradige e Bassa Atesina2 settimane fa

Crea caos sull’autobus e poi al Pronto Soccorso, dove sferra una testata al vigilantes. Arrestato dai Carabinieri

Sport2 settimane fa

Podio alla prima stagionale per Manuela Gostner nel Ferrari Challenge Europe

Eventi2 settimane fa

Promosso a pieni voti l’inverno: Movimënt si prepara a un’estate di novità

Alto Adige4 settimane fa

Pronti a “pescare” le offerte dei fedeli con metro a nastro e scotch biadesivo in Chiesa: segnalati alle autorità

Trentino2 settimane fa

La sfida lanciata dal modello cooperativo all’industria discografica. Se ne parla al Festival dell’Economia di Trento

Eventi2 settimane fa

Decimo anniversario della campagna di sensibilizzazione MutterNacht 2024. Sabato 11 maggio la giornata d’azione

Alto Adige4 settimane fa

Proseguono a raffica arresti, denunce e tre decreti di espulsione anche in un 25 aprile “tranquillo”

Alto Adige2 settimane fa

Giustizia riparativa: Kofler: «uno strumento efficace per la nostra comunità»

Bolzano4 settimane fa

Tentano la rapina e scatta una rissa. Espulsi tre cittadini marocchini

Alto Adige4 settimane fa

Espulsi madre e figlio per violenze sessuali, riti magici, obbligo del velo e lesioni sulla giovane moglie e nuora

Consigliati3 settimane fa

Scommesse sportive con deposito minimo basso

Bolzano2 settimane fa

Aggressione a un medico al pronto soccorso: nigeriano con precedenti penali denunciato

Bolzano3 settimane fa

Aggressione in discoteca: giovane percosso e contuso. Scattano gli accertamenti di pubblica sicurezza

Oltradige e Bassa Atesina3 settimane fa

Crede di trovarsi di fronte ad un’occasione imperdibile, ma è tutta una truffa

Laives2 settimane fa

Impianto sportivo Galizia a Laives, con la Provincia aperto il discorso per la riqualificazione totale

Archivi

Categorie

più letti