Connect with us

Alto Adige

Tamponi nasali, dura la Uil Scuola: “Formazione Croce Rossa? Si preoccupi la Provincia di organizzare”

Pubblicato

-

Nell’ambito dei test nasali nelle scuole la Croce Rossa ha chiarito oggi la sua posizione: “Presenti nelle scuole italiane altoatesine solo per formazione ma poi dovranno essere autonome”. Qualcosa di diverso dal semplice supporto alle operazioni prospettato dalla Provincia di Bolzano perché riporta al centro uno dei nodi fondamentali della questione: la figura e le responsabilità dei docenti. Mettendoli sotto pressione.

Già eravamo scettici prima sul progetto, figuriamoci dopo questa novità. Se la Croce Rossa va negli istituti a fare formazione si preoccupi Palazzo Widmann di indicare gli incaricati sanitari cui farla perché a noi non risulta che i docenti vogliano farsi formare per un mestiere che non compete loro” commenta il segretario regionale di Uil Scuola Marco Pugliese.

E’ importante che gli insegnanti sappiano che tutto si basa sulla volontarietà. Dai dati che abbiamo noi questa adesione è molto bassa. Questo fa nascere qualche dubbio sulla possibilità di proseguire senza sanitari in autonomia. Mi pare che non si voglia capire che, da un punto di vista delle responsabilità, viene chiesto davvero troppo ai docenti. Attenzione che non è un problema di poca voglia o negligenza”.

Pubblicità
Pubblicità

Spieghiamo perché. “Semplice, non esiste una legge strutturata che stabilisca esattamente tutti i passaggi ed i requisiti. Questo espone a troppe incertezze. Inutile girarci attorno: così il docente rischia la denuncia se qualsiasi alunno dovesse avere dei problemi. Il tutto mentre l’insegnante nell’ordinamento non viene considerato un sanitario”.

Senza contare che, in caso di positività, gli insegnanti dovrebbero trattare materiale contaminato. “Qui sorge una bella domanda. Come devono comportarsi? Che responsabilità hanno nella gestione e nel contenimento? E’ evidente che siamo in un campo minato”.

La palla, dunque, viene rilanciata con forza nel campo della Provincia. “Arrivati a questo punto forse l’amministrazione dovrebbe evitare di procedere a tentoni con misure improvvisate. L’esperienza dell’anno scorso ci ha insegnato che forse sarebbe bene occuparsi di strutturare nel dettaglio l’estate e il post estate. Invece di cercare metodi per mettere all’angolo gli insegnanti si inizi a ragionare su lezioni scaglionate, contingentamenti, percentuali di copertura degli istituti, orari diversi e misure davvero strutturali e serie”.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Alto Adige1 settimana fa

Indennità per i pendolari, in corso la revisione del sistema

Sport4 settimane fa

Foxes all’ultimo match casalingo del 2021: al Palaonda arriva l’Innsbruck

Alto Adige4 settimane fa

Bolzano, i problemi cardiaci gli impediscono di lavorare. Crowdfunding per Giancarlo

Politica3 settimane fa

Il comandante degli Alpini da Kompatscher: Protezione civile e Covid

Società4 settimane fa

Messa di Natale, Muser: “Un Natale per ritrovare il senso di comunità”

Alto Adige3 settimane fa

Incidente con due macchine coinvolte in Valle Isarco: intervengono i vigili del fuoco

Alto Adige3 settimane fa

Coronavirus: oggi 3 gennaio 39 casi positivi da PCR e 404 test antigenici, un decesso

Sport3 settimane fa

I Foxes perdono a Villach: il VSV si impone per 4 a 3 all’overtime

Alto Adige3 settimane fa

Labers: cede il freno a mano e la macchina precipita. Salvo il cagnolino rimasto intrappolato all’interno

Bolzano4 settimane fa

Minaccia i passanti con forbici e martello: straniero bloccato in centro a Bolzano

Alto Adige4 settimane fa

Val Badia: auto cade in un fossato. Vigili del fuoco in intervento

Merano3 settimane fa

Il conducente sbanda e distrugge l’automobile all’uscita di Postal

Merano4 settimane fa

Esce di strada sulla provinciale fra Marlengo e Cermes: intervengono i vigili del fuoco

Bolzano2 settimane fa

Coronavirus: 1.361 contagi e un decesso nelle ultime 24 ore in Alto Adige

Alto Adige4 settimane fa

Alto Adige, arrivano i kit per gli autotest degli alunni durante le vacanze di Natale

Unico&Bello

La miniera di diamanti aperta al pubblico: l’incredibile esperienza di scavare e tentare la fortuna

Un’esperienza indimenticabile, ricca e fruttuosa: sono le caratteristiche principali della “Creater of Diamonds”, l’unica miniera di diamanti al mondo aperta al pubblico. Si tratta di un…

Orient Express la Dolce Vita: in Italia un nuovo modo di vivere il Paese

A breve in Italia arriverà un nuovo modo di vivere e conoscere il Paese, in carrozze di lusso ispirate al design degli anni ‘60/’70. L’Italia si…

Vaia Cube e Vaia Focus: nuova vita agli alberi abbattuti da Vaia

Sono numerose le aziende ed i privati che hanno deciso, negli ultimi anni, di donare nuova vita e dignità ai 42 milioni di alberi abbattuti dalla…

2050: come ci arriviamo? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura e per tutti

Dal 22 dicembre 2021 al MUSE – Museo delle Scienze di Trento, la mostra “2050: COME CI ARRIVIAMO? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura…

L’Altopiano Tibetano e Nepal in due splendide mostre fotografiche virtuali

L’Altopiano Tibetano noto per alcuni dei pascoli più grandi al mondo, non consente lo sviluppo di una vera e propria attività agricola. Anche per questo le…

Il 2022 ribattezzato “l’anno dei weekend lunghi”: quali giorni approfittare per una gita fuori porta

Per gli amanti dei viaggi e delle gite fuori porta, il 2022 è stato ribattezzato come “ l’anno dei weekend lunghi”. Infatti, nei prossimi 12 mesi…

Alpe Cimbra: il drago nato da Vaia è già un #must da vedere

La Tempesta Vaia che ha colpito il nord Italia e l’arco alpino alla fine del 2018 ha lasciato senza ombra di dubbio enormi cicatrici su tutto…

Archivi

Categorie

Benessere Economico

RSS Error: A feed could not be found at `https://www.benessereconomico.it/feed`; the status code is `200` and content-type is `text/html`

di tendenza