Connect with us

Angolo Bellerofonte

Bar chiusi, bar aperti: accordi e disaccordi di un’ordinanza controversa

Pubblicato

-

Per un approfondimento riguardo l’ultima ordinanza presidenziale pubblicata il 16 marzo 2020, che tante perplessità sta suscitando tra i lettori del nostro giornale ed in generale nella popolazione, abbiamo chiesto al nostro Bellerofonte di ragguagliarci ulteriormente e di darci un’interpretazione sull’ordinanza.

Dopo la chiarificazione arrivata da parte provinciale in seguito al nostro precedente articolo (“I bar possono restare aperti”: l’ultima castronata cosmica di Kompatscher all’era del Coronavirus? e Coronavirus, la Provincia finalmente chiarisce: “I bar rimangono chiusi”. Le novità dell’ordinanza 10/2020) abbiamo deciso di ragionarci ancora un po’.

Ciao Bellerofonte, possiamo disturbarti un attimo?

Pubblicità
Pubblicità

Certo ma spostiamoci nello studio, qui mi dorme Pegasus e non voglio disturbarlo.

Perfetto. Ascolta, abbiamo bisogno di avere un chiarimento sull’ultima ordinanza del presidente Kompatscher ed anche un tuo parere visto la materia del contendere.

Bene. Con l’ultimo D.P.C.M. datato 11 marzo 2020, il Presidente del Consiglio Conte ha prescritto un inasprimento delle misure urgenti al contenimento del contagio, estendendo su tutto il territorio nazionale quello che già era stato messo in campo nelle ormai ex zone rosse, comprese le regioni a statuto speciale ed alle province autonome di Trento e di Bolzano.

Quindi anche l’Alto Adige è incluso in questo decreto? 

SI, anche l’Alto Adige è obbligato all’osservanza delle norme descritte nel decreto. 

Allora perché quest’ordinanza, cosa cambia sostanzialmente dal decreto presidenziale?

Bella domanda, non ti nascondo che me la sono fatta anch’io.

È sei arrivato ad una conclusione?

Più di una, ma andiamo per ordine. Per prima cosà non vedo l’utilità di pubblicare ulteriormente un’ordinanza visto il carattere perentorio del decreto, anche in presenza di una provincia che gode di un’autonomia; ma di questo il presidente Kompatscher può consolarsi perché non è il solo a farlo.

La seconda cosa che ha suscitato la mia curiosità riguarda proprio le modalità di applicazione dell’ordinanza.

In sostanza, la lettera A) Misure urgenti per il contenimento del diffondersi del virus – con effetto dal 12 marzo 2020 fino al 25 marzo 2020 dell’ordinanza prevede quanto prescritto nell’ultimo decreto dell’11 marzo scorso, con applicazione fino al 25 marzo prossimo venturo.

Altra cosa invece è la lettera B) Misure urgenti per il contenimento del diffondersi del virus – con effetto fino al 3 aprile 2020. In questo caso, cessato il periodo di restrizione previsto alla lettera A) che ripetiamo va dal 12 al 25 marzo 2020, in mancanza di ulteriori disposizioni da parte del Presidente del Consiglio, l’ordinanza ci riporterà tutti a quanto previsto nel penultimo decreto datato 8 marzo 2020, con conseguente alleggerimento delle attuali disposizioni restrittive; bar e ristoranti potranno aprire dalle 6:00 alle 18:00, attività come esercizi commerciali potranno effettuare servizi pur osservando le distanze minime di sicurezze immesse per decreto e così via.

Caro Bellerofonte, sembrerebbe che tutto stia per tornare alla normalità.

È quello che noi tutti ci auguriamo, ma le previsioni nazionali non lasciano intendere nulla in tal senso ed ancora peggio sono le previsioni internazionali.

Allora cos’è che contrasta in quest’ultima ordinanza, da lasciare disorientati sia i nostri lettori che gli operatori economici?

La logica di chi ha promosso l’ultima ordinanza si riscontra proprio nel fatto che in assenza di proroghe, deroghe o quant’altro possa modificare le disposizioni attuali, si ritorni alle vecchie condizioni. Però sappiamo molto bene, per stessa ammissione del presidente Conte, che qualora le attuali disposizioni non diano i risultati sperati, ci si dovrà attendere un ulteriore inasprimento delle restrizioni. 

Quindi il presidente Kompatscher è un inguaribile ottimista?

Diciamo che il presidente Kompatscher dovrebbe comunque leggere le ordinanze che firma; ottimismo a parte, lo svarione dell’ordinanza n. 10 che intimava l’extra omnes ai non residenti in Alto Adige, non ha certamente contribuito all’immagine della provincia né della sua amministrazione.

C’è da aggiungere che il D.P.C.M. dell’11 marzo specifica oltre ogni ragionevole dubbio che gli effetti dei precedenti decreti cessano alla data dell’entrata in vigore del nuovo; conseguentemente i punti che nella nuova ordinanza richiamano le vecchie disposizioni, non hanno alcun valore effettivo, tantomeno la Provincia può disporre diversamente dal D.P.C.M. 

Quindi da quello che si può evincere, la nuova ordinanza contiene disposizioni che non hanno valore? 

Escluse quelle previste per le scuole, per la sanità e per l’accesso al lavoro, direi proprio di si. Una restaurazione delle vecchie disposizioni non trova alcuna applicazione ancorché fondamento.

Grazie di tutto Bellerofonte, sei stato sicuramente di grande aiuto.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

  • Great Green Wall, la grande muraglia verde per evitare la desertificazione e creare nuove economie
    Il problema dell’emergenza climatica, sta coinvolgendo il mondo intero non solo incidendo sull’intera economia, con effetti gravi sui bilanci mondiali ma anche in termini di qualità della vita, salute e sicurezza alimentare. Un passo verso... The post Great Green Wall, la grande muraglia verde per evitare la desertificazione e creare nuove economie appeared first on […]
  • Gig Economy, un fenomeno da controllare e regolamentare: i pro e contro
    Da qualche anno il mondo del lavoro è stato travolto dalla Gig Economy dividendo l’opinione pubblica e l’economia. Cos’è la Gig Economy Nonostante l’arrivo della Gig Economy sia un fenomeno relativamente recente, negli ultimi 10... The post Gig Economy, un fenomeno da controllare e regolamentare: i pro e contro appeared first on Benessere Economico.
  • Arriva GOL, un programma per il reinserimento lavorativo delle categorie svantaggiate e fragili: come funziona
    Dal Governo nasce il programma GOL, Garanzia di Occupabilità dei Lavoratori che punta a rilanciare l’occupazione in Italia, con un investimento di 4.9 miliardi di euro da investire tra il 2021 e il 2025. I... The post Arriva GOL, un programma per il reinserimento lavorativo delle categorie svantaggiate e fragili: come funziona appeared first on […]
  • Pubblica Amministrazione, possibilità di delegare l’identità digitale per accedere ai servizi online
    Da qualche settimana, è stata introdotta la possibilità di delegare una persona di fiducia all’esercizio dei servizi online pubblici. Identità digitale o SPID a cosa serve Il Sistema Pubblico di Identità Digitale, ovvero Spid permettere... The post Pubblica Amministrazione, possibilità di delegare l’identità digitale per accedere ai servizi online appeared first on Benessere Economico.
  • Smart Working, verso sgravi contributivi per le aziende ed agevolazioni fiscali per i lavoratori
    Dal Governo si lavora a nuove regole per lo smart working post emergenza covid-19, tra queste la riduzione delle tasse in busta paga e sgravi per le imprese. Da luglio, Camera e Senato hanno presentato... The post Smart Working, verso sgravi contributivi per le aziende ed agevolazioni fiscali per i lavoratori appeared first on Benessere […]
  • Università, si allarga la no tax area: fino a 22 mila euro non si pagano le tasse
    Una delle novità anticipata dall’ex Ministro dell’università, Manfredi e concretizzata dall’attuale Cristina messa prevede ad allargare la no tax area per gli studenti universitari, comprendo i costi fino alla fascia reddituale di 22 mila euro.... The post Università, si allarga la no tax area: fino a 22 mila euro non si pagano le tasse appeared […]
  • Imprese, nuovi aiuti di Stato approvati dall’Unione europea: i dettagli
    Dall’Unione Europa arriva il via libera agli aiuti di Stato per le imprese italiane colpite economicamente dalla pandemia Covid-19. I gravi effetti economici causati dall’arrivo del Coronavirus stanno avendo ancora pesanti ripercussioni per le attività... The post Imprese, nuovi aiuti di Stato approvati dall’Unione europea: i dettagli appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus pubblicità 2021, per le aziende un risparmio pari al 50% sugli investimenti pubblicitari effettuati: tutti i dettagli e le novità
    Anche quest’anno torna il bonus pubblicità per le aziende puntano su investimenti pubblicitari, con l’invio delle domande che partirà dal 1 fino al 31 ottobre 2021. Bonus pubblicità 2021 Per il 2021 -2022, il credito... The post Bonus pubblicità 2021, per le aziende un risparmio pari al 50% sugli investimenti pubblicitari effettuati: tutti i dettagli […]
  • Aumentano i prezzi della revisione auto, arriva il bonus veicoli sicuri
    Da novembre 2021 i costi di revisione delle auto aumenteranno. Decisione concordata dai Ministeri dell’Economia e della Mobilità Sostenibile. Dal 1 novembre aumenti prezzi revisione auto L’aumento che inizialmente sarebbe dovuto partire il 30 gennaio,... The post Aumentano i prezzi della revisione auto, arriva il bonus veicoli sicuri appeared first on Benessere Economico.
  • Contributi per palestre e discoteche: attivato un fondo da 140 milioni di euro
    Il Ministro dello Sviluppo economico, Giorgetti ha attivato un fondo pari a 140 milioni di euro a sostegno delle attività rimaste chiuse in conseguenza delle misure restrittive anti-Covid. In dettaglio Il fondo avvivato dal Ministero... The post Contributi per palestre e discoteche: attivato un fondo da 140 milioni di euro appeared first on Benessere Economico.

Categorie

di tendenza