Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Bolzano

Consulta per la famiglia: più orari prolungati per gli asili

Pubblicato

-

Condividi questo articolo




Pubblicità

Nella sua recente riunione la Consulta per la famiglia si è occupata di alcune tematiche riguardanti specificatamente le scuole dell’infanzia di lingua tedesca. Le esperienze dei genitori ed i dati oggettivi evidenziano che negli ultimi anni si è assistito ad una progressiva riduzione degli orari di apertura degli asili.

Per le famiglie, questo significa che devono organizzarsi in modo diverso per prendersi cura dei propri figli in età compresa tra i tre ed i sei anni. Per molte famiglie che non possono fare affidamento sui nonni o su altri assistenti familiari, questo rappresenta un grave problema organizzativo, ma spesso anche finanziario“, afferma l’assessora provinciale alla famiglia, Waltraud Deeg, nel suo ruolo di presidente della Consulta per la famiglia. È stato quindi redatto un documento da parte della Consulta nel quale vengono riassunte le principali esigenze espresse dalle famiglie in relazione all’area della scuola dell’infanzia.

Orario prolungato in 28 sezioni su 266

Pubblicità - La Voce di Bolzano



Attiva/Disattiva audio qui sotto

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Su 266 sezioni delle scuole dell’infanzia di lingua tedesca, sono 28 quelle che offrono alle famiglie l’orario prolungato. Tre anni fa erano 56. Questo calo viene considerato “molto preoccupante e incomprensibile per le famiglie“, afferma il documento elaborato dalla Consulta. Tanto più che nello stesso periodo il numero dei bambini è rimasto relativamente costante e questo sviluppo è in controtendenza rispetto al numero crescente di donne occupate. “Le famiglie hanno bisogno di offerte di assistenza affidabili e continue per far fronte alla conciliazione famiglia-lavoro.Una buona cooperazione con il sistema educativo è importante per il bene delle famiglie e della società nel suo complesso“, sottolineano Christa Ladurner ed Angelika Mitterrutzner.

Le richieste della Consulta per la famiglia

La Consulta per la famiglia ha quindi formulato richieste specifiche alle scuole dell’infanzia di lingua tedesca: nessun ulteriore riduzione nell’offerta, riapertura della scadenza per la richiesta di orario prolungato per l’anno scolastico 2021/22, reintroduzione degli orari regolari di apertura anche il venerdì pomeriggio, garanzia di orari prolungati nei centri più grandi, miglioramento delle informazioni ai genitori sulle possibilità di orari di apertura prolungati, adeguamento dei criteri di accesso all’orario prolungato e rafforzamento della formazione di specialisti pedagogici per la scuola materna.

Pubblicità - La Voce di BolzanoPubblicità - La Voce di Bolzano

“Confidiamo che dal confronto possano emergere buone soluzioni nell’interesse delle famiglie. E’ nell’interesse di tutti che i genitori mantengano il proprio lavoro sapendo che i loro figli vengono accuditi nel miglior modo possibile“, conclude l’assessora Deeg.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Laives8 ore fa

Le critiche del Centro Sinistra di Laives su Serra didattica a Pineta e pulizia dell’abitato

Alto Adige8 ore fa

Incendio in una autorimessa a Flaines, intervento tempestivo dei vigili del fuoco

Bolzano11 ore fa

Bar e ristoranti: “Personale quasi introvabile per i locali di Bolzano”. La riunione del direttivo Confesercenti

Laives12 ore fa

Laives, dalla prossima settimana via alle nuove asfaltature

Val Pusteria15 ore fa

A Brunico, controlli straordinari del territorio e prevenzione generale

Alto Adige16 ore fa

Aggressioni e minacce tra motociclisti: retata della Polizia

Bressanone16 ore fa

Risse e aggressioni, Polizia e Carabinieri chiudono nuovamente il bar SOLE a Bressanone

Economia e Finanza17 ore fa

Rovereto: 150 assunzioni e 1,3 milioni di risorse per contrastare la disoccupazione

Trentino17 ore fa

Nasce la «Montagnaterapia»: firmato l’accordo tra SAT e APSS

Benessere e Salute17 ore fa

Bonus psicologo: richieste in scadenza al 31 maggio 2024

Alto Adige19 ore fa

Incendio devasta il ristorante St. Moritz in Val d’Ultimo

Consigliati21 ore fa

Regolamenti e certificazioni nazionali per la sicurezza del gioco online: ecco quali operano

Val Pusteria1 giorno fa

Carabinieri di Dobbiaco nelle scuole della Val Pusteria per la cultura della legalità

Bressanone1 giorno fa

Eventi criminali alle tabaccherie, rimangono indispensabili prevenzione e collaborazione. I Carabinieri all’assemblea annuale della FIT

Alto Adige2 giorni fa

Il Centro Carabinieri Addestramento Alpino di Selva di Val Gardena, ha un nuovo comandante

Alto Adige3 settimane fa

Carabinieri di Bolzano lanciano una campagna di sensibilizzazione contro le truffe agli anziani

Alto Adige3 settimane fa

Hotel altoatesini bersaglio di truffe seriali, denunciato un 46enne napoletano

Bolzano3 settimane fa

Rissa al Druso: quattro daspo emessi dal questore

Bolzano3 settimane fa

Scoperto mezzo chilo di hashish nascosto in una siepe a Bolzano

Alto Adige3 settimane fa

Automobilista ferito gravemente dopo un impatto con un camion in valle Aurina

Salute3 settimane fa

Servizio Sanitario Nazionale, per l’89% degli italiani è sacro

Politica3 settimane fa

Tensione in giunta sulla commissione pari opportunità: critiche da Galateo di Fratelli d’Italia

Val Pusteria3 settimane fa

Operazione di controllo a Brunico e Bressanone: irregolarità in bar e sanzioni del Questore

Oltradige e Bassa Atesina3 settimane fa

Girava tra le case con arnesi da scasso a Montagna: denunciato

Alto Adige3 settimane fa

Incidente sulla MeBo: camper in fiamme sulla corsia sud

Politica4 settimane fa

Presidente Kompatscher assegna le deleghe della giunta regionale

Politica4 settimane fa

La commissione di convalida del consiglio provinciale posticipa la decisione sulla posizione di Renate Holzeisen

Bolzano4 settimane fa

Fermati in centro città con una tronchese, rubano olio per comprarsi la cocaina, denunciati due pregiudicati stranieri

Alto Adige3 settimane fa

Polizia intensifica i controlli su alcol e droga tra i conducenti in Alto Adige

Trentino4 settimane fa

Lascia cinque milioni in eredità alla badante. I nipoti, esclusi, presentano querela

Archivi

Categorie

più letti