Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Politica

Dipendenti nelle case di riposo: servono finalmente soluzioni sostanziali, invece di pura politica simbolica

Pubblicato

-

Per quanto tempo noi altoatesini vogliamo assistere a questo triste spettacolo?  Da anni i sindacati chiedono migliori condizioni per i lavoratori delle nostre case di riposo.

Non si tratta solo di una retribuzione adeguata, ma anche e soprattutto di migliori condizioni di lavoro. Orari di lavoro pianificabili, più tempo per la cura individuale dei residenti, formazione e aggiornamento di qualità e meno burocrazia sono purtroppo rimaste parole vuote.

Invece di risolvere insieme questi problemi attraverso i negoziati, il nuovo accordo di comparto è stato presentato unilateralmente dai datori di lavoro. 50 milioni di euro sono destinati agli aumenti salariali, di cui 25 milioni solo per l’anno in corso. Poiché i sindacati più rappresentativi si sono rifiutati di firmare, questo denaro “resterà bloccato in Provincia“.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Nessun dubbio, si tratta di un ingente importo messo a disposizione. Tuttavia, viene accuratamente nascosto il fatto che questi adeguamenti salariali non avrebbero praticamente alcun impatto sui singoli dipendenti e che la loro retribuzione continuerebbe a essere sproporzionata rispetto al lavoro svolto anche con il nuovo contratto.

Inoltre, dal punto di vista giuslavoristico questa proposta di accordo presenta notevoli preoccupazioni, sia per quanto riguarda l’orario di lavoro sia per la regolamentazione del tutto incompleta di nuovi profili professionali, come quelli degli operatori socio-assistenziali e socio-sanitari in formazione.

In questo contesto, è più che comprensibile che i sindacati rifiutino di accettare questo testo dell’accordo. I problemi possono essere risolti solo insieme, in colloqui e negoziati, non con prescrizioni unilaterali. Il settore così importante delle case di riposo deve essere finalmente riformato in modo sostanziale, con personale sufficiente e salari equi. La domanda è quanto tempo ci vorrà prima che venga riconosciuta l’urgenza di questo problema e che le soluzioni prendano finalmente il posto della politica simbolica.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Alto Adige4 settimane fa

Incidente sul lavoro, travolto dal suo trattore: è morto Remo Rossi a 64 anni

Alto Adige4 settimane fa

Referendum sulla democrazia diretta: il no stravince con il 76% dei voti

Bolzano4 settimane fa

Tamponamento nella notte in A22: più veicoli coinvolti

Politica4 settimane fa

Referendum, Urzì: sopravvive anche la clausola di garanzia per Bolzano e Laives voluta da Fdi, sconfitta di Svp/Lega/FI

Bolzano2 settimane fa

Incendio in centro a Bolzano: rogo causato dal malfunzionamento di una lavatrice

Bolzano4 settimane fa

Appiano, incidente tra due veicoli all’uscita della Mebo: una donna incastrata tra le lamiere

Bolzano2 settimane fa

Tragico scontro frontale in A 22, muore una donna bolzanina 77 enne. Gravi il marito e un bambino di 10 anni

Alto Adige3 settimane fa

Gli ospedali dell’Alto Adige sono ora cliniche universitarie

Alto Adige2 settimane fa

Rimorchio si stacca dal camion e blocca la strada del Renon

Bressanone4 settimane fa

A22, camion prende fuoco sulla corsia sud dopo l’uscita di Varna – IL VIDEO

Bolzano4 settimane fa

Drammatico incidente in A22, muore 36 enne residente a Bolzano

Alto Adige2 settimane fa

Ponte di Pentecoste: arrestati due stranieri, una denuncia e centinaia di verifiche durante i controlli del Commissariato di P.S. di Brennero

Alto Adige4 settimane fa

Auto esce di strada e finisce in una scarpata: una persona viene trasportata in ospedale

Italia ed estero4 settimane fa

Codici: dietrofront di Costa sulle regole di imbarco, ora proceda anche a risarcire i crocieristi

Merano3 settimane fa

Auto esce di strada e si ribalta su un sentiero forestale: una persona all’ospedale in gravi condizioni

Archivi

Categorie

di tendenza