Connect with us

Eventi

Guido Anton Muss: nuova mostra dello scultore ladino

Pubblicato

-

Condividi questo articolo

20 anni dopo la morte dello scultore altoatesino Guido Anton Muss il Museum Ladin e l’Istituto ladino Micurá de Rü presentano una sua mostra con oltre 40 opere.

Lo scultore e pittore ladino Guido Anton Muss (1941 – 2003) è stato una figura centrale della scena artistica sudtirolese della seconda metà del XX secolo e un artista che ha saputo unire le diverse anime linguistiche, culturali e artistiche del territorio provinciale. Già nel 2013, in occasione del decennale dalla sua morte, il Museum Ladin propose un’ampia retrospettiva. Oggi, a 20 anni dalla sua scomparsa, insieme all’Istituto ladino Micurá de Rü presenta la mostra “Guido Anton Muss. Operes – Werke – opere”, una selezione di lavori, realizzati dal 1968 al 1999, che mette al centro le opere dell’artista appartenenti alle collezioni della Provincia Autonoma di Bolzano.

“La sua dedizione alla scultura, praticata anche in anni in cui era stata postulata la sua inattualità rispetto ai linguaggi del contemporaneo, ha saputo essere uno dei motori della straordinaria resilienza di questa tecnica,” spiega il curatore Gabriele Lorenzoni. Partendo dalla tradizione dell’intaglio ligneo tipico delle vallate ladine, Guido Anton Muss ha saputo acquisire competenze in tutte le tecniche plastiche, alternando legno, bronzo, ceramica, gesso e applicandosi anche nella pittura e nel disegno.

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Pubblicità - La Voce di Bolzano

La sua vasta produzione è ampiamente rappresentata nelle collezioni della Provincia Autonoma di Bolzano e del Museum Ladin grazie al lascito testamentario dell’artista. Sono inoltre da sempre a disposizione della pubblica fruizione numerosi monumenti e sculture esposte al pubblico, sia sul territorio provinciale che nella città di Venezia, sua seconda casa. In mostra oltre quaranta opere, che testimoniano la precoce fase di fascinazione per l’astrazione accanto alle infinite variazioni sui temi a lui cari, dalla figura femminile alla mitologia al regno animale.

All’inaugurazione di ieri erano presenti, tra gli altri, l’assessore provinciale Daniel Alfreider, il vicepresidente del consiglio provinciale Manfred Vallazza, la direttrice del Museum Ladin Katharina Moling e Gabriele Lorenzoni, che ha coordinato il progetto scientifico in collaborazione con lo staff del Museum Ladin.

La mostra è visitabile gratuitamente presso l’Istituto culturale ladino Micurá de Rü, in via Stufles, 20 di San Martino in Badia fino al 24 settembre tutti i giorni dalle ore 10 alle 12 e dalle ore 15 alle 19. Info: tel. 0474 – 523110, [email protected]

Biografia

Guido Anton Muss, dopo un precoce apprendistato a Ortisei, segue i corsi della locale Scuola d’Arte per proseguire poi presso l’Istituto d’Arte di Firenze. Nel 1962 consegue il diploma di Maestro d’Arte a Fano, per poi trasferirsi a Venezia, studiando al Magistero d’Arte. Nel 1963 ottiene la sua prima mostra personale a Pergine Valsugana, in Trentino e l’anno seguente inizia l’attività di insegnante a Venezia, ricevendo le prime commissioni per opere religiose. Nel 1969 si trasferisce a Bolzano, impegnandosi nell’Associazione Artisti Altoatesini e partecipando a numerosi concorsi ed esposizioni.

Negli anni Ottanta raggiunge il pieno della sua maturità artistica e le commissioni si susseguono a ritmo incessante. Nel 1986 lascia l’insegnamento e si dedica a viaggi internazionali, finalizzati anche a intrecciare collaborazioni e cercare occasioni espositive, da New York a Parigi, dalla Finlandia alla Germania e all’Austria. Diviene uno degli artisti più influenti della scena sudtirolese, senza mai rinunciare a un rapporto privilegiato con Venezia. Fra le molte commissioni, si segnalano le due monumentali sculture “Cariatidi” del 1992 per il nuovo palazzo della Provincia di Bolzano. Nel corso degli anni Novanta si reca spesso nell’America centrale e meridionale, dove lascia numerose opere.

Nel 1999 propone alla Provincia Autonoma di Bolzano un nucleo rilevante di sue opere. Dopo la realizzazione dell’opera “Toro”, per la Cassa Rurale di Bolzano, si spegne dopo una lunga malattia il 3 marzo del 2003.

NEWSLETTER

Oltradige e Bassa Atesina2 settimane fa

Crea caos sull’autobus e poi al Pronto Soccorso, dove sferra una testata al vigilantes. Arrestato dai Carabinieri

Sport2 settimane fa

Podio alla prima stagionale per Manuela Gostner nel Ferrari Challenge Europe

Eventi2 settimane fa

Promosso a pieni voti l’inverno: Movimënt si prepara a un’estate di novità

Trentino2 settimane fa

La sfida lanciata dal modello cooperativo all’industria discografica. Se ne parla al Festival dell’Economia di Trento

Eventi2 settimane fa

Decimo anniversario della campagna di sensibilizzazione MutterNacht 2024. Sabato 11 maggio la giornata d’azione

Alto Adige4 settimane fa

Pronti a “pescare” le offerte dei fedeli con metro a nastro e scotch biadesivo in Chiesa: segnalati alle autorità

Alto Adige4 settimane fa

Proseguono a raffica arresti, denunce e tre decreti di espulsione anche in un 25 aprile “tranquillo”

Consigliati3 settimane fa

Scommesse sportive con deposito minimo basso

Oltradige e Bassa Atesina3 settimane fa

Crede di trovarsi di fronte ad un’occasione imperdibile, ma è tutta una truffa

Alto Adige2 settimane fa

Giustizia riparativa: Kofler: «uno strumento efficace per la nostra comunità»

Società4 settimane fa

Quindici giovani talenti della ricerca scientifica: workshop interdisciplinare Laimburg-Berlino

Laives2 settimane fa

Impianto sportivo Galizia a Laives, con la Provincia aperto il discorso per la riqualificazione totale

Bolzano4 settimane fa

Tentano la rapina e scatta una rissa. Espulsi tre cittadini marocchini

Alto Adige4 settimane fa

Espulsi madre e figlio per violenze sessuali, riti magici, obbligo del velo e lesioni sulla giovane moglie e nuora

Bolzano2 settimane fa

Aggressione a un medico al pronto soccorso: nigeriano con precedenti penali denunciato

Archivi

Categorie

più letti