Connect with us

Politica

I contributi degli stranieri e le sciocchezze di Boeri: la svalutazione dell’economia italiana dall’analisi di Vox Italia

Pubblicato

-

In periodo di Festival dell’Economia a Trento è utile soffermarsi sulle ripetute affermazioni di Boeri riguardo agli 8 miliardi di contributi versati dai lavoratori stranieri e alle quali i media hanno dato ampio risalto.

E’ noto che l’IRPEF, tassa progressiva, si paga a scaglioni a seconda del reddito mentre i contributi previdenziali ammontano mediamente a circa un terzo del proprio imponibile. Questi contributi, divisi per il numero di lavoratori stranieri regolari che sono 2.400.000, danno la cifra di 3.333 euro annui di versamento pro capite.

Tale cifra, come detto, è circa un terzo dell’imponibile annuo di un lavoratore ed è, si badi bene, denunciata ma non necessariamente versata come con troppa fretta affermato.

Pubblicità
Pubblicità

Abbandonando l’ideologia e facendo una corretta analisi emerge chiaramente che milioni di lavoratori stranieri regolari, con esclusione dei clandestini la cui situazione è logicamente peggiore, hanno, con buona approssimazione, uno stipendio inferiore a 10.000 euro annui e non pagheranno quindi né la loro pensione né quella degli altri.

Per capire, va notato che i 10.000 euro annui sono frutto logico di una media che comprende anche gli stipendi del manager, del chirurgo o ingegnere svizzero o americano, della show girl argentina Belen Rodriguez, o dei noti e milionari calciatori della serie A.

Politici ed economisti responsabili dovrebbero riflettere amaramente su queste cifre che nascondono un modello di economia non virtuoso, dove i lavoratori stranieri sono frequentemente vittime di sfruttamento da parte di italiani o spesso di loro connazionali o, in alternativa, frodano lo stato sociale dichiarando redditi irrisori.

Nel “dare i numeri” sono poi inspiegabilmente taciute cifre altrettanto rilevanti come per es. i 6,2 miliardi solo nel 2018 di rimesse al paese d’origine che sono soldi sottratti all’economia nazionale pari allo 0,36% del PIL che evapora ogni anno.

Escludendo le prestazioni previdenziali ed assistenziali ricevute, comunque rilevanti, si tratta in totale di 66,4 miliardi di rimesse dal 2008 al 2018 per la Banca d’Italia.

Per esempio, secondo i dati della fondazione Moressa, ogni bengalese residente in Italia, lavoratore, disoccupato, anziano o bambino che sia, manda 460 euro al mese di rimesse in patria mentre solo da Prato usciva verso la Cina 1 miliardo l’anno coi money transfer, flusso che ha preso altre vie meno tracciabili dopo le note operazioni della Guardia di Finanza.

Chiediamoci allora quante normali famiglie di 4 persone possono permettersi un risparmio mensile di 1840 euro e che distorsioni ed illegalità nasconde un simile sistema.

Sempre rimanendo alle cifre, ma evitando superficialità, ci si dovrebbe chiedere per esempio anche quale è il numero medio di ore di lavoro settimanale dei dipendenti denunciato dalla piccola imprenditoria straniera che, dati delle Camere di Commercio, sta sostituendo poco alla volta quella locale o dalle innumerevoli italianissime cooperative di servizi che assumono personale per lo più straniero, non disdegnando però di applicare le stesse condizioni di lavoro indegne agli italiani (in rete vi è ampia letteratura in merito).

Ma soprattutto perchè non ci si sofferma su quali classi sociali e quali imprenditori guadagnano nel far lavorare milioni di lavoratori in queste condizioni in sostituzione di altri che vengono espulsi dal mercato del lavoro: la risposta non sarebbe certo difficile anche senza citare il famoso “esercito industriale di riserva” di memoria marxista.

Non si dimentichi che negli ultimi 10 anni il tasso di occupazione relativo al numero di lavoratori italiani è diminuito di 640.000 unità mentre gli occupati stranieri sono aumentati di 764.000, connotando l’immigrazione come prevalentemente sostitutiva e non complementare (cioè virtuosa). Il tutto a fronte di una disoccupazione giovanile del 30% e di 100.000 giovani italiani l’anno che cercano fortuna emigrando all’estero con perdita del 1% del PIL.

Orbene, non consentendo il sistema Euro la svalutazione della moneta e l’adeguamento del suo valore a quello dell’economia nazionale, dati alla mano, si è pensato di puntare sulla deflazione salariale e sulla distruzione dei diritti del lavoro mistificando l’operazione con tanto peloso buonismo, che come molte bugie si spera abbia le gambe corte.

Per fare questo si usano i lavoratori stranieri, spesso vittime del sistema neoliberista tanto quanto molti italiani, con l’aiuto di media compiacenti che negano l’evidenza e ingiustamente danno risalto alle analisi infondate di illustri economisti bocconiani.

Il contributo per La Voce di Bolzano è del Coordinamento Vox Italia Bolzano.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

  • La ferrovia panoramica tra i colori dell’autunno: in viaggio con il Treno del Foliage
    Come ogni anno la natura in autunno torna a proiettare uno dei suoi migliori film, riempiendo e infiammando scorci panoramici con i caldi colori tipici di questa affascinante stagione. Uno dei modi migliori per riscoprire e vivere l’autunno e i suoi colori è la magica esperienza del viaggio lento regalato dai finestrini dell’incredibile Treno del […]
  • Il mega – yacht a forma di cigno: la straordinaria opera futurista dell’industria navale italiana
    La sintesi tra i confini della tecnologia e i massimi livelli di design applicati alla nautica è stata svelata e prende il nome decisamente caratteristico di “Avanguardia”, il nuovo yacht che nei prossimi mesi si farà sicuramente notare nei mari di tutto il mondo. Quest’opera avveniristica dell’industria navale salta agli occhi per la sua inconfondibile forma […]
  • Pacchetti “antistress “ in hotel di lusso: giornate alla ricerca del benessere
    Alternare il lavoro con il riposo, mettendo in pausa la routine quotidiana aggiunge una diversione alla vita e permette la splendida occasione di fare esperienze insolite, conoscere luoghi, persone e sopratutto non avere un’agenda giornaliera. In una società iperattiva è quindi indispensabile la ricerca dell’equilibrio perduto anche solo attraverso esclusivi pacchetti antistress in hotel di […]
  • Un solo tavolo al ristorante stellato, l’elegante genialità della ristorazione
    Il meglio delle esperienze che Venezia possa offrire è racchiuso in un luogo dove la declinazione dell’esperienza sarà il miglior servizio. Un posto non convenzionale che può essere scelto solo da coloro che accettano di non porre condizioni. Con geniale eleganza, Il Ristorante “Oro” dell’hotel Cipriani a Venezia rinasce mettendo in luce un dettaglio unico […]
  • A Bologna l’economia circolare in edilizia diventa realtà: arriva il nuovo asfalto 100% riciclato
    Un’edilizia circolare sempre più sostenibile dal punto di vista ambientale risulta una strada imprescindibile per il futuro dello sviluppo economico. Il riciclo dei materiali promette infatti oltre ad una sensibile riduzione dei rifiuti e dell’inquinamento, anche un’ottima soluzione per ottimizzare costi e ricavi. In un simile contesto risulta fondamentale lavorare sulla ridefinizione del ciclo produttivo […]
  • Una notte tra le Dolomiti e le stelle a 2055 metri di quota
    A pochi chilometri da Cortina tra cieli sconfinati e cattedrali rocciose esiste una camera che regala l’insolita emozione di ritrovarsi a dormire avvolti dall’affascinante magia di un paesaggio unico al mondo. La starlight Room, inclusa tra i dieci hotel più spettacolari del mondo, si trova infatti sopra al rifugio Col Gallina a 2055 metri in […]
  • “Vuoi costruire una piscina di pregio ma non sai bene da dove iniziare?” Comincia da qui
    Immagina un angolo di vacanza nel tuo giardino o terrazza, uno spazio accogliente e riservato dove poter dimenticare i problemi quotidiani e immergerti in momenti di benessere e relax da solo o con i tuoi cari. Magari è da un po’ che ci pensi ma qualcosa ti frena. Domande del tipo: “Da dove inizio? Mi […]
  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]
  • Internet supera i confini del deserto con 30 palloni aerostatici
    Dal mondo della tecnologia arriva il primo passo verso una società più equa. Il 4G supera i confini del deserto e arriva in Kenya grazie a 30 palloni aerostatici alimentati ad energia solare per garantire una copertura di rete a 14 contee keniote altrimenti isolate. L’iniziativa è frutto di un accordo tra la compagnia telefonica […]

Categorie

di tendenza