Connect with us

Politica

I contributi degli stranieri e le sciocchezze di Boeri: la svalutazione dell’economia italiana dall’analisi di Vox Italia

Pubblicato

-

In periodo di Festival dell’Economia a Trento è utile soffermarsi sulle ripetute affermazioni di Boeri riguardo agli 8 miliardi di contributi versati dai lavoratori stranieri e alle quali i media hanno dato ampio risalto.

E’ noto che l’IRPEF, tassa progressiva, si paga a scaglioni a seconda del reddito mentre i contributi previdenziali ammontano mediamente a circa un terzo del proprio imponibile. Questi contributi, divisi per il numero di lavoratori stranieri regolari che sono 2.400.000, danno la cifra di 3.333 euro annui di versamento pro capite.

Tale cifra, come detto, è circa un terzo dell’imponibile annuo di un lavoratore ed è, si badi bene, denunciata ma non necessariamente versata come con troppa fretta affermato.

Pubblicità
Pubblicità

Abbandonando l’ideologia e facendo una corretta analisi emerge chiaramente che milioni di lavoratori stranieri regolari, con esclusione dei clandestini la cui situazione è logicamente peggiore, hanno, con buona approssimazione, uno stipendio inferiore a 10.000 euro annui e non pagheranno quindi né la loro pensione né quella degli altri.

Per capire, va notato che i 10.000 euro annui sono frutto logico di una media che comprende anche gli stipendi del manager, del chirurgo o ingegnere svizzero o americano, della show girl argentina Belen Rodriguez, o dei noti e milionari calciatori della serie A.

Politici ed economisti responsabili dovrebbero riflettere amaramente su queste cifre che nascondono un modello di economia non virtuoso, dove i lavoratori stranieri sono frequentemente vittime di sfruttamento da parte di italiani o spesso di loro connazionali o, in alternativa, frodano lo stato sociale dichiarando redditi irrisori.

Nel “dare i numeri” sono poi inspiegabilmente taciute cifre altrettanto rilevanti come per es. i 6,2 miliardi solo nel 2018 di rimesse al paese d’origine che sono soldi sottratti all’economia nazionale pari allo 0,36% del PIL che evapora ogni anno.

Escludendo le prestazioni previdenziali ed assistenziali ricevute, comunque rilevanti, si tratta in totale di 66,4 miliardi di rimesse dal 2008 al 2018 per la Banca d’Italia.

Per esempio, secondo i dati della fondazione Moressa, ogni bengalese residente in Italia, lavoratore, disoccupato, anziano o bambino che sia, manda 460 euro al mese di rimesse in patria mentre solo da Prato usciva verso la Cina 1 miliardo l’anno coi money transfer, flusso che ha preso altre vie meno tracciabili dopo le note operazioni della Guardia di Finanza.

Chiediamoci allora quante normali famiglie di 4 persone possono permettersi un risparmio mensile di 1840 euro e che distorsioni ed illegalità nasconde un simile sistema.

Sempre rimanendo alle cifre, ma evitando superficialità, ci si dovrebbe chiedere per esempio anche quale è il numero medio di ore di lavoro settimanale dei dipendenti denunciato dalla piccola imprenditoria straniera che, dati delle Camere di Commercio, sta sostituendo poco alla volta quella locale o dalle innumerevoli italianissime cooperative di servizi che assumono personale per lo più straniero, non disdegnando però di applicare le stesse condizioni di lavoro indegne agli italiani (in rete vi è ampia letteratura in merito).

Ma soprattutto perchè non ci si sofferma su quali classi sociali e quali imprenditori guadagnano nel far lavorare milioni di lavoratori in queste condizioni in sostituzione di altri che vengono espulsi dal mercato del lavoro: la risposta non sarebbe certo difficile anche senza citare il famoso “esercito industriale di riserva” di memoria marxista.

Non si dimentichi che negli ultimi 10 anni il tasso di occupazione relativo al numero di lavoratori italiani è diminuito di 640.000 unità mentre gli occupati stranieri sono aumentati di 764.000, connotando l’immigrazione come prevalentemente sostitutiva e non complementare (cioè virtuosa). Il tutto a fronte di una disoccupazione giovanile del 30% e di 100.000 giovani italiani l’anno che cercano fortuna emigrando all’estero con perdita del 1% del PIL.

Orbene, non consentendo il sistema Euro la svalutazione della moneta e l’adeguamento del suo valore a quello dell’economia nazionale, dati alla mano, si è pensato di puntare sulla deflazione salariale e sulla distruzione dei diritti del lavoro mistificando l’operazione con tanto peloso buonismo, che come molte bugie si spera abbia le gambe corte.

Per fare questo si usano i lavoratori stranieri, spesso vittime del sistema neoliberista tanto quanto molti italiani, con l’aiuto di media compiacenti che negano l’evidenza e ingiustamente danno risalto alle analisi infondate di illustri economisti bocconiani.

Il contributo per La Voce di Bolzano è del Coordinamento Vox Italia Bolzano.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

  • Isole Borromee: le tre incredibili ‘perle’ del lago Maggiore
    Incastonato tra i rilievi collinari e montuosi delle terre svizzere e quelle italiane, nelle regioni di Lombardia e Piemonte si aprono le meravigliose acque del Lago Maggiore, rese spettacolari dai tratti di costa punteggiata di castelli, ville monumentali e circondate dai rigogliosi e coloratissimi giardini. Dal favoloso clima, alle bellezze architettoniche, alla ricca eredità archeologica, […]
  • Eco Bonus 110% esteso anche alle seconde case
    Nonostante il tanto desiderato Super Eco Bonus del 110 %, il pacchetto di incentivi fiscali relativi alle detrazioni per le riqualificazioni energetiche e misure antisismiche sia entrato ufficialmente in vigore dal mese di luglio 2020, si pensa già ad un allargamento della platea per la super detrazione. È stata presentata infatti, una riformulazione di un […]
  • Ghiaccioli fatti in casa: mille gusti di golosità!
    Quando arriva l’estate nei nostri congelatori non mancano mai alcune scatole di ghiaccioli. Golosi, gustosi, colorati e adatti a tutti i gusti: i ghiaccioli possono essere l’ingrediente perfetto per una merenda tra amici, fresca e rigorosamente instagrammabile. Ma è davvero così complicato prepararli? Gli ingredienti per preparare i ghiaccioli sono davvero semplici e pochi: i […]
  • Garda See Charter: tra l’arte del navigare e un’avventura sportiva
    Venti che soffiano costanti e regolari, onde perfette e mai eccessivamente abbondanti, acqua celeste e leggermente illuminata dai caldi raggi del sole che rendono il clima mite tutto l’anno: queste sono solo alcune delle condizioni ideali per un’esperienza in barca a vela sulle acque del Lago di Garda. Quello del Lago di Garda, tra il […]
  • “Vivi internet, al meglio”: la piattaforma di Google per aiutare gli adulti a guidare i ragazzi sul web
    Dalla sua nascita l’immenso mondo del web ha concretizzato le necessità in facili possibilità ma con la sua inarrestabile evoluzione sta offrendo, sopratutto al pubblico più giovane, altrettante insidie e minacce. Secondo una ricerca commissionata da Google, nonostante l’85% degli insegnanti italiani intervistati non abbia i mezzi sufficienti per affrontare questo tipo di problematiche, il […]
  • Sacro Bosco di Bomarzo: un luogo tra sogno e realtà
    Non tutti sanno che nel cuore della Tuscia Laziale, in provincia di Viterbo, si trova un bosco dove immaginazione e paure prendono forma: il Sacro Bosco di Bomarzo, noto ai più come Parco dei Mostri di Bomarzo. In letteratura e nell’arte, il bosco è spesso visto come metafora di caos, turbamento, inquietudine, vita, perdita della […]
  • Arredare green: la scelta di vivere sostenibile
    La connessione fondamentale tra essere umano e natura trova forte legame e accordo con un incredibile risultato in molti settori: dall’abbigliamento, alla arte culinaria fino all’arredamento di spazi interni ed esterni. Per gli appassionati di aree verdi e naturali, la nuova tendenza che guarda al futuro del design è uno sguardo verso Madre Natura, composto […]
  • “ Sentiero dei Parchi”: presto anche l’Italia avrà il suo Cammino di Santiago italiano
    Dai Tg flash, ai treni velocissimi ai fast food fino ai pranzi al volo: viviamo in un mondo in cui la velocità è diventata una dote essenziale e molto ricercata, ma esiste un’alternativa che cerca di promuovere il valore della lentezza e della scoperta. Esistono infatti, diversi modi di viaggiare e dopo lo slow food […]
  • “Regalati il Molise”:case vacanze gratis per rilanciare turismo e piccoli borghi
    Nell’anno in cui l’emergenza sanitaria ha rotto tutti gli schemi del classico turismo legato alle grandi mete e alle vacanze tradizionali, una delle regioni più piccole d’Italia ha deciso di riaprire i confini del turismo con una particolare iniziativa aperta al mondo: “ Regalati il Molise perché il Molise è un regalo speciale”. L’annuncio arriva […]
  • Cortina d’Ampezzo plastic- free: da luglio stop a plastica in ristoranti, bar ed eventi
    Preservare la salute del pianeta e del nostro futuro è diventato una delle urgenze più importanti del momento, tanto da impegnare associazioni governative internazionali e Governi di tutto il mondo per trovare una soluzione efficacie alle problematiche ambientali. Dallo sfruttamento delle energie rinnovabili, alla raccolta differenziata, molte sono le soluzioni fino ad ora utilizzate per […]

Categorie

di tendenza