Connect with us

Italia ed estero

La cattiveria: Pastore scozzese ucciso da delle lamette nascoste in un boccone a Riva del Garda

Pubblicato

-

La crudeltà umana non conosce alcun limite: un adorabile cucciolo di pastore scozzese è deceduto a causa di un bocconcino abbandonato nel parco di piazza Contini, al Rione 2 Giugno di Riva del Garda.

Sebbene l’accaduto risalga allo scorso 25 luglio, la notizia è stata diffusa soltanto ieri tramite l’Ufficio Stampa del Comune di Riva del Garda.

Il boccone che è stato fatale al cucciolo è quanto di più crudele si possa immaginare: al suo interno, infatti, aveva alcune lamette da barba legate tra loro.

Pubblicità
Pubblicità

E’ inimmaginabile la sofferenza che il povero animale deve aver provato nei suoi ultimi istanti di vita.

L’autopsia del veterinario, oltre alle lamette, non esclude anche la presenza di veleno: bisognerà tuttavia aspettare i risultati degli esami di laboratorio dell’Istituto zooprofilattico sperimentale delle Venezie a Trento.

Attualmente, sono in corso le indagini della Polizia Locale dell’Alto Garda e Ledro, ed il sindaco Adalberto Mosaner ha già speso parole dure riguardo all’accaduto: il boccone era stato abbandonato in un luogo pubblico con lo scopo di uccidere un animale, ma poteva benissimo essere trovato e raccolto anche da un bambino che avrebbe riportato gravo ferite solo dalle lamette, per non parlare delle conseguenze che ci sarebbero potute essere se il boccone fosse stato ingerito accidentalmente da un infante impegnato a giocare nel parco.

La zona del Rione 2 Giugno non è nuova a questi atti di vera e propria attività criminale, ma non si era mai arrivati al punto di mettere a repentaglio la sicurezza non solo degli animali ma anche dei bambini che spesso animano il parco.

Italia ed estero

Morte Kobe Bryant, sono 9 le vittime confermate della tragedia

Pubblicato

-

Sono nove in tutto le persone rimaste uccise nello schianto dell’elicottero avvenuto ieri a Los Angeles, in cui hanno perso la vita tra gli altri la leggenda del basket Kobe Bryant e la figlia 13enne Gianna Maria.

Il numero delle vittime è stato reso noto ufficialmete dalle autorità locali. I primi resoconti parlavano di cinque persone. Salve la moglie Vanessa e le altre tre figlie di Bryant, dato che non si trovavano a bordo del velivolo al momento della tragedia.

Sarebbe il maltempo, la fitta nebbia che avvolgeva la zona, la causa più probabile dell’incidente. Partito alle 9:06 dall’aeroporto John Wayne di Orange County, l’elicottero si è schiantato poco dopo nella zona di Calabasas, a ovest di Los Angeles, prendendo fuoco.

Pubblicità
Pubblicità

Lo schianto è avvenuto a 294 chilometri l’ora. Il rogo ha reso inutili i soccorsi. La contea di Los Angeles ha annunciato che potrebbero volerci diversi giorni per le operazioni di recupero dei corpi.

Il mezzo era un Sikorsky S-76 bi-turbina prodotto nel 1991, un modello utilizzato anche in ambito governativo e militare.

Non sono finora stati diffusi i nomi di tutte le vittime, ma tra di esse vi sarebbe anche il 56enne John Altobelli, coach di baseball dell’Orange Coast College, con moglie e figlia.

Firefighters work the scene of a helicopter crash Sunday, Jan. 26, 2020, in Calabasas, Calif. (AP Photo/Mark J. Terrill)

Continua a leggere

Italia ed estero

Morto Kobe Bryant in un incidente in elicottero. Addio alla leggenda dell’NBA

Pubblicato

-

E’ morto questa mattina precipitando insieme ad altre quattro persone, tra cui la figlia di 13 anni Gianna Maria, la leggenda dell’NBA Kobe Bryant.

L’elicottero sul quale si trovava ha perso quota sulle colline di Calabasas, zona a nord-ovest del downtown di Los Angeles.

L’incidente sarebbe avvenuto intorno 10 del mattino, ora locale. Tra le possibili cause del disastro le condizioni meteo particolarmente difficili, con una fitta nebbia a disturbare la visibilità del pilota.

Pubblicità
Pubblicità

Non è ancora chiaro dove il gruppo fosse diretto, ma c’è chi suggerisce che la meta fosse la cerimonia dei Grammys in programma nel tardo pomeriggio di Los Angeles allo Staples Center.

La Federal Aviation Administration ha identificato l’elicottero come un Sikorsky S-76, di proprietà del campione.

Una notizia, quella dell’improvvisa tragica scomparsa dell’ex stella dei Los Angeles Lakers, che ha messo sotto shock tutta l’America dello Sport.

Come riportato dalla Gazzetta dello Sport, solo stamattina Bryant si era complimentato con LeBron James, che lo aveva appena superato come terzo realizzatore della storia del Basket statunitense.

Aveva solo 41 anni Kobe. Era nato negli Stati Uniti, a Filadelfia, il 23 agosto 1978, ma dai 6 ai 13 anni aveva vissuto in Italia al seguito del padre Joe, anche lui giocatore di pallacanestro tra le squadre di Reggio Calabria, Reggio Emilia, Pistoia e Rieti.

E’ stato il primo giocatore della NBA a militare nella stessa squadra per 20 anni. Tra le particolarità, nel 2018 ha vinto un Oscar per il miglior cortometraggio. Un filmato  basato su una breve poesia che aveva scritto sui suoi sentimenti sul basket.

Il suo cortometraggio è stato anche il primo realizzato da un ex atleta professionista ad essere nominato all’Oscar e il primo a vincere un Academy Award in una qualsiasi categoria.

Parlava bene l’italiano ed era un gran tifoso del Milan. Lascia altre tre figlie e la moglie Vanessa, che non si trovavano a bordo del mezzo al momento della tragedia. L’Nba ha proclamato il lutto.

Continua a leggere

Italia ed estero

Ricordo Alcide De Gasperi: sabato evento commovente a Trento insieme alla figlia Maria Romana

Pubblicato

-

Alcide De Gasperi non è solo stato suo padre – ha detto il Presidente del Consiglio regionale, Roberto Paccher, rivolgendosi alla signora Maria Romana De Gasperi nella Sala di Rappresentanza, affollata per il concerto del Coro del Noce – ma il padre della nostra Autonomia”.

Alcide De Gasperi – ha detto Paccher  – è una figura storica la cui straordinaria importanza per noi è data spesso per scontata, ma occorre farla conoscere sopratutto ai più giovani. Il suo impegno e la sua dedizione hanno portato a risultati allora inimmaginabili per un ragazzo nato in un piccolo paese del Trentino e abbiamo il dovere di dire ai ragazzi, attraverso il suo esempio, che sognare in grande è possibile”.

È stata una serata speciale per il Consiglio regionale, che ha illuminato la notte di Piazza Dante, divenendo ancora una volta un luogo dove la storia e l’arte si incontrano per un momento di grande cultura. 

Pubblicità
Pubblicità

Il Concerto “In memoria di Alcide De Gasperi e in onore di Maria Romana De Gasperi” del Coro del Noce, tenutosi nella splendida Sala di Rappresentanza del Consiglio, ha visto la partecipazione della stessa figlia del grande Statista e ha potuto così ripercorrere la vita del padre attraverso le immagini proiettate sul grande schermo e i canti della tradizione trentina.

Così, ad esempio, un Alcide alla sua prima esperienza politica sotto l’Impero Austroungarico è stato ricordato con “Vienna Vienna”, mentre le note di “Addio alla montagna” hanno accompagnato il pensieroso De Gasperi imprigionato per le proprie idee.

Nato nel 1978 come Coro misto, formazione non molto frequente nel panorama corale trentino, il Coro del Noce prende il suo nome dal fiume che percorre la Valle  di Sole in tutta la sua estensione.

Nella giornata del 25 gennaio ha accolto tra l’altro il Presidente Sergio Mattarella a Palazzo Thun.

Continua a leggere

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza