Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Bressanone

La Direttrice del Comprensorio sanitario di Bressanone: «L’Ospedale di Vipiteno verrà rinforzato»

Pubblicato

-

Pubblicità


Pubblicità

Christine Zelger, Direttrice del Comprensorio sanitario di Bressanone, intende chiarire alcuni aspetti relativi alle recenti notizie apparse sui media inerenti alle preoccupazioni che investono l’Ospedale di Vipiteno: “Il nosocomio di Vipiteno è e resta il punto di riferimento per le/i pazienti dell’Alta Wipptal.”

Le decisioni e le misure adottate dalla Giunta provinciale e dall’Azienda sanitaria dell’Alto Adige puntano a garantire anche in futuro le migliori cure vicino casa a tutti i pazienti. In tal senso, l’ospedale vipitenese, come importante pilastro dell’assistenza territoriale, sarà costantemente rinforzato.

Con il pensionamento del Primario di chirurgia dell’Ospedale di Vipiteno e il trasferimento del suo omologo del reparto di Chirurgia di Bressanone alla Direzione Sanitaria sita a Bolzano, si è reso necessario occupare il primariato in Chirurgia Generale al fine di garantire la consueta assistenza di qualità in tutta l’area comprensoriale. Inoltre, vista l’ampia offerta di servizi nel campo dell’ortopedia al nosocomio di Vipiteno, era un passo dovuto rafforzare ulteriormente l’orientamento ortopedico dell’ospedale insieme a quello traumatologico del comprensorio riorganizzando il primariato e denominandolo ‘Primariato di traumatologia e ortopedia’. Ciò considerato che, attualmente, il 70% degli interventi è inerente a questi due ambiti.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Le statistiche dei servizi comprensoriali mostrano che, oltre alla traumatologia, spicca in particolare l’endoprotesi. Qui, i chirurghi ortopedici responsabili di entrambi gli ospedali si stanno impegnando a migliorare gli standard di cura per le endoprotesi di anca e ginocchio. In quest’ultimo caso in particolare, sono stati intrapresi percorsi verso l’ausilio robotico.

Con la fusione dei due primariati, l’attrattività dell’Ospedale di Vipiteno può conoscere nuovi fasti perché, grazie alla rotazione del personale tra le due sedi, i chirurghi possono rispondere con maggiore flessibilità alle situazioni che si presentano. La riorganizzazione dettata dal Primariato di Traumatologia è stata quindi una decisione meramente organizzativa e tecnica. Pertanto, non è legata alla carenza di personale infermieristico all’Ospedale di Vipiteno.

Le preoccupazioni della popolazione della Wipptal relative alla riorganizzazione del Primariato di Chirurgia Generale in Traumatologia e Ortopedia sono comprensibili ma, di fatto, infondate. Negli ultimi anni, la politica sanitaria adottata è stata sempre quella di rafforzare i nosocomi periferici come ospedali di base. Il 24 giugno scorso, in un apposito incontro tenutosi tra i massimi esponenti dell’Azienda sanitaria dell’Alto Adige, il Presidente della Provincia nonché i sindaci del comprensorio è stato rinnovato questo impegno politico e sono state illustrate nel dettaglio le misure previste per l’Ospedale di Vipiteno. Non si è mai parlato di ridurre i servizi. Per quanto concerne i servizi chirurgici, poi, non è prevista alcuna riduzione dei servizi ambulatoriali o stazionari. 

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Situazione del personale dell’ospedale – La carenza di personale infermieristico è divenuta una sfida importante per l’assistenza sanitaria. In particolare, sono gli ospedali piccoli e periferici in tutta Europa ad esserne particolarmente colpiti. Questo è anche il caso di Vipiteno. Qui, soprattutto negli ultimi due anni di pandemia, esso si è di fatto ridotto. Ad esempio, tra marzo 2020 e giugno 2022, il numero di infermieri è diminuito del 20% nei reparti con posti letto; ciò a causa di pensionamenti, sospensioni e perdita di risorse umane che sono tornate nelle regioni di origine durante la pandemia. Per via di questa contrazione, è stato necessario ridurre anche il numero di posti letto di degenza. Tuttavia, grazie all’elevata collaborazione tra i reparti, è stato possibile assistere tanti pazienti in base alle necessità, nonostante le problematiche legate alla situazione.  

Il reclutamento e il mantenimento di nuovo personale è uno degli obiettivi principali sul quale l’Ospedale di Vipiteno è più concentrato. Disponiamo di uno staff apposito presso l’Ospedale di Vipiteno, siamo in stretto contatto con il personale infermieristico interessato in Italia e all’estero, così come teniamo colloqui individuali con coloro che desiderano lasciare l’ospedale. Ciò al fine di cogliere le motivazioni e poter replicare. Tuttavia, per stabilizzare la situazione è necessario uno sforzo congiunto da parte del Dipartimento Salute, dell’Azienda sanitaria e anche della politica locale per rendere Vipiteno una località più attraente per il personale qualificato. Questo include alloggi garantiti nel breve periodo, sistemazioni a prezzi accessibili nel lungo e incentivi economici per lavorare in un ospedale di base periferico. 

La neuroriabilitazione rimane a Vipiteno – Il reparto di neuroriabilitazione dell’Ospedale di Vipiteno ha il mandato provinciale di occuparsi di pazienti con gravi lesioni cerebrali sopraggiunte. Qui le/i pazienti con malattie neurologiche complesse sono assistiti da un’équipe multidisciplinare e altamente competente composta da medici, terapisti, infermieri, psicologi e altro personale specializzato. In più di sei anni, il centro di competenza si è ininterrottamente consolidato sotto la guida scientifica del Prof. Leopold Saltuari, del Primario f.f. Luca Sebastianelli e dei coordinatori delle terapie e infermieristico Jakob Stolz e Manuel Rigger. Durante questo processo di crescita, la complessità dei casi da trattare è aumentata costantemente e il centro è stato in grado di ampliare in maniera progressiva le proprie competenze grazie all’esperienza acquisita. Anche il numero di pazienti conferma questo andamento: nel 2017 venivano trattate/i circa 90 pazienti all’anno, mentre oggi sono già più di 200. Circa l’80% di queste/i pazienti proviene da altri comprensori sanitari della Provincia.

Grazie alle sue dinamiche attività di ricerca e ai metodi di trattamento avanzati, il centro di eccellenza è noto non solo in Alto Adige, ma anche ben oltre i confini nazionali. Infatti, in campo scientifico, la Neuroriabilitazione di Vipiteno è un reparto di fama internazionale: il centro di competenza ha pubblicato di recente due articoli aventi come tema il Parkinson e i pazienti con Long Covid su Nature, rivista scientifica di fama mondiale.

Pubblicità - La Voce di Bolzano Pubblicità - La Voce di Bolzano

La chiusura del reparto di neuroriabilitazione è fuori discussione. Il reparto è strettamente collegato all’Ospedale di Vipiteno e il centro di competenza deve essere consolidato anche per il futuro. Tuttavia, l’attuale carenza di personale infermieristico è molto evidente anche qui e pone grandi sfide per il reparto. Attualmente, sono occupabili 13 dei 21 posti letto disponibili, più quattro posti di degenza giornaliera. Per alleviare la criticità della situazione attuale relativa alla carenza di risorse umane, sono in corso accordi per una più stretta collaborazione con la Neurochirurgia di Bolzano, ivi inclusa la possibilità di ampliare la capacità di prendere in cura ulteriori pazienti. Per quanto riguarda il flusso di persone in trattamento e i protocolli annessi, questo progetto non è stato ancora inquadrato nel dettaglio dal punto di vista del coordinamento di tutti gli attori coinvolti e ciò dipende anche dagli sviluppi legati alla pandemia. Non vi è alcun dubbio che il reparto di neuroriabilitazione rimarrà all’Ospedale di Vipiteno.” Christine Zelger, Direttrice del Comprensorio sanitario di Bressanone

NEWSLETTER

Vita & Famiglia4 settimane fa

Peppa Pig. Pro Vita Famiglia: RAI non trasmetta episodio con “due mamme”

Bolzano4 settimane fa

Giorgia Meloni sabato pomeriggio a Bolzano

Italia ed estero4 settimane fa

Morta la regina Elisabetta, aveva 96 anni. Fine del regno più lungo della storia

Alto Adige4 settimane fa

Sanità: formati dodici nuovi medici di medicina generale

Laives4 settimane fa

Tragico scontro auto – moto che prendono fuoco, due morti

Bolzano1 settimana fa

Bolzano, pessime condizioni igienico sanitarie e presenza di stupefacenti: disposta la chiusura del “Bar Ristoro Baccio” in via Milano

Bolzano4 settimane fa

Furto del monopattino elettrico, subito individuati dalla Polizia di Stato ladro e ricettatore

Bolzano4 settimane fa

Minacce di morte in una lettera anche ad Alessandro Urzì e Alessia Ambrosi

Bolzano4 settimane fa

Buoni pasto COVID-19 indebitamente percepiti: i Carabinieri sanzionano più di 300 persone

Alto Adige4 settimane fa

Comunità energetiche, forma innovativa di cooperazione

Scienza e Cultura4 settimane fa

Nuove condizioni climatiche, una sfida per l’agricoltura montana: Centro Laimburg testa le varietà di silomais

Alto Adige4 settimane fa

Violento nubifragio sull’Altipiano dello Sciliar, numerosi gli interventi dei Vigili del Fuoco – IL VIDEO

Arte e Cultura4 settimane fa

Entra nel vivo la seconda settimana del Festival Identity in motion a Laives

Economia e Finanza4 settimane fa

Nuovo aumento dei tassi di interesse da parte della BCE: le conseguenze per i consumatori

Alto Adige4 settimane fa

Il ricordo di chi viene dimenticato: la strage di Malga Sasso

Archivi

Categorie

di tendenza