Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Bolzano

Lavoro, nel periodo 2009 – 2016 si è ridotta la “forbice retributiva”

Pubblicato

-

Se si analizza lo sviluppo delle retribuzioni orarie negli ultimi 8 anni riferito a determinate categorie di professioni si constata che, contrariamente all’opinione comune, la differenza tra la fascia bassa e quella alta non è aumentata e che quindi si è verificata una riduzione della cosiddetta “forbice retributiva”.

E’ questo uno degli elementi che emerge in uno studio realizzato dall’Osservatorio del mercato del lavoro.

Nel periodo immediatamente successivo alla crisi economica del 2008 proprio le categorie salariali collocate nella parte più bassa delle retribuzioni hanno potuto, in parte, salvaguardare il loro potere d’acquisto, in particolare negli anni 2014 – 2016.

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Diversa la situazione per le classi salariali più elevate che hanno dovuto registrare delle reali perdite del loro potere d’acquisto.

Queste categorie hanno dovuto pagare, proporzionalmente, un prezzo più elevato alla crisi.

Naturalmente le professioni meglio retribuite avevano un livello di partenza più elevato e quindi un maggiore reddito derivante da lavoro dipendente.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Per quanto riguarda la loro situazione personale queste categorie hanno registrato il minor sviluppo salariale e, a causa dell’inflazione, hanno dovuto accettare i maggiori tagli del calo del potere d’acquisto.

In cifre i lavoratori con una retribuzione più bassa nel periodo in oggetto hanno visto aumentare le loro entrare di poco meno del 15%, mentre i lavoratori dipendenti meglio pagati hanno registrato un aumento del 9%. Un caso particolare è rappresentato dai dipendenti pubblici per i quali vi è stato per alcuni anni un vero e proprio blocco della dinamica retributiva.

Queste categorie hanno quindi avuto uno sviluppo salariale poco superiore del 3% rispetto alle altre.

Queste cifre si riferiscono sempre ad un confronto alla stessa professione ed alla stessa età, poiché queste due variabili esercitano un’influenza importante sulla retribuzione personale. Queste influenze sono state neutralizzate per realizzare questa analisi.

Nel corso di questi anni di crisi la Provincia, per andare incontro alle esigenze dei lavoratori, e, per quanto possibile, tutelare il loro potere d’acquisto, ha operato sulla soprattassa regionale IRPEF.

Questa è aumentata dallo 0,9% della retribuzione lorda, che devono pagare tutti indistintamente, ad un tasso un po’ superiore dell’1,23%, che comunque si riferisce solo ad una parte della retribuzione lorda, superiore a 28.000 euro. Inoltre l’imposta sui redditi del 2016 così calcolata è stata ridotta di ulteriori 252 euro per ogni figlio a carico. Di conseguenza la soprattassa regionale per i dipendenti a tempo parziale, per lo più lavoratrici con figli, è stata portata a zero, così come per gli operai a tempo pieno, che spesso hanno figli ed hanno un reddito che non raggiunge i 28.000 euro.

La soprattassa regionale per i lavoratori dipendenti con qualifica impiegatizia a tempo pieno, anche questi con figli a carico, può essere quindi stimata in media allo 0,3% del reddito lordo.

Ciò significa che, grazie alle misure poste in atto dalla Provincia, ai lavoratori dipendenti si è potuta “restituire” una parte delle tasse sul reddito lordo. La media della soprattassa regionale, calcolata su tutti i lavoratori dipendenti, che nel 2006 era attestata allo 0,90%, nel 2016 è stata abbassata a circa lo 0,15%, tenendo conto comunque del fatto che per molti occupati, come detto, la soprattassa nel frattempo ammonta allo 0%.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

NEWSLETTER

Bolzano1 settimana fa

Tragico incidente a Bolzano: donna muore investita da un camion

Ambiente Natura3 settimane fa

Zone a rischio: due terzi dei Comuni dotati di un piano valido

Bolzano2 settimane fa

Bolzano: sanzionate due discoteche per irregolarità

Bolzano1 settimana fa

Ennesimo incidente grave in piazza Mazzini: Fratelli d’Italia aveva già segnalato la pericolosità dell’incrocio

Alto Adige5 giorni fa

Il Servizio strade è pronto per le imminenti nevicate

Alto Adige4 settimane fa

Escursioniste incontrano un branco di lupi in Val d’Ultimo: li allontana solo l’arrivo dell’elicottero

Bressanone2 settimane fa

Bressanone: 229 tonnellate di indumenti usati all’anno sono troppe per indumenti di qualità

Alto Adige5 giorni fa

La Provincia cerca ispettori amministrativi, domande entro il 20 dicembre

Bolzano2 settimane fa

Maxi operazione antidroga della Squadra Mobile: 25 arresti -IL VIDEO

Bolzano5 giorni fa

Inquinamento, dal 1 gennaio 2023 a Bolzano scattano i divieti anche per i diesel Euro 3

Bolzano3 giorni fa

Bolzano, individuato il ladro di abiti firmati grazie alle telecamere: espulso un tunisino irregolare

Politica1 settimana fa

Violenza tra minori, revocare gli alloggi sociali in conseguenza di reati che destano allarme sociale, mozione di Galateo (FdI) in Provincia

Valle Isarco2 settimane fa

Il bis dell’Ibis a Vipiteno

Alto Adige2 settimane fa

Bollettino di allerta: attese le prime nevicate in Alto Adige

Politica3 settimane fa

Sicurezza sul lavoro: nominato il nuovo Comitato di coordinamento

Archivi

Categorie

di tendenza