Connect with us

Ambiente Natura

Le dighe in Alto Adige e la loro importanza, fra cui garantire le riserve idriche

Pubblicato

-

Condividi questo articolo

Il compito delle dighe è garantire le riserve idriche per vari usi, spiegano il direttore dell’Ufficio idrologia e dighe dell’Agenzia per la protezione civile, Roberto Dinale, e il suo vice, Jürgen Schäfer: Le dighe consentono un uso efficiente e sostenibile dell’acqua per la produzione di energia, l’irrigazione, l’aspersione antigelo e l’innevamento, per lo spegnimento degli incendi ed acqua potabile, sono utilizzati per il nuoto e la pesca.

Alcune delle dighe più antiche sono quelle del lago di Fiè, del lago Verde e del lago Lungo del gruppo dei Laghi di Sopranes. “Il nostro compito più importante è garantire la sicurezza della popolazione che vive e lavora sotto i bacini e le infrastrutture“, sottolinea Arnold Schuler, assessore alla  Protezione civile. «Tutta l’area delle dighe e dei bacini artificiali è regolata dalla legge», spiega Klaus Unterweger, direttore dell’Agenzia per la protezione civile, «da vari regolamenti statali e dalla legge provinciale n. 21 del 14 dicembre 1990, con la quale l’originaria Ripartizione bacini montani dispone di un proprio ufficio con la responsabilità amministrativa della progettazione, costruzione e direzione operativa delle dighe“.

A seconda delle loro dimensioni, le dighe sono di competenza dello Stato, della Provincia o dei Comuni

Pubblicità - La Voce di Bolzano



Attiva/Disattiva audio qui sotto

Pubblicità - La Voce di Bolzano

La competenza della Provincia riguarda le dighe che non superano l’altezza di 15 metri o un volume di stoccaggio di un milione di metri cubi. Lo Stato è responsabile di dighe più grandi, spiega Jürgen Schäfer, ma la Provincia assume anche compiti di controllo e amministrazione nel campo delle attività di protezione civile. Le dighe più piccole, con volume inferiore a 5000 mc, invece, sono di competenza dei Comuni, che possono avvalersi, per stoccaggi oltre i 2000 mc, della consulenza in campo idraulico o statico degli esperti di dighe della Protezione civile.

In Alto Adige ci sono 16 dighe di grandi dimensioni che rientrano nella competenza dello Stato, tra queste la più grande è la diga di Resia con un volume di 112 milioni di metri cubi e i bacini di Fortezza e Rio Pusteria, nonché il lago di Neves nella Valle dei Molini con la diga più alta di 95 metri. L’Ufficio idrologia e dighe è responsabile di un totale di 117 dighe, e la Provincia è anche proprietario e gestore dei bacini idrici del lago di Fiè, del lago di Tret e del lago Nero a Monteneve.

Ruolo importante in caso d’inondazione

Pubblicità - La Voce di BolzanoPubblicità - La Voce di Bolzano

Le dighe sono anche strumenti importanti per regolare la quantità di acqua nei torrenti e nei fiumi durante un evento alluvionale. Se è imminente un’alluvione, il livello dell’acqua in alcuni serbatoi può essere abbassato in anticipo per creare capacità di stoccaggio e avere un effetto regolatore sul deflusso dell’acqua.

Diversi tipi di dighe

In Alto Adige esistono diversi tipi di dighe: dighe in terra, dighe in cemento armato o muratura in malta, contenitori in cemento armato o acciaio, dighe fluviali come a Rio Pusteria, Fortezza, Colma, Lasa o Tell.

Monitoraggio regolare per garantire la sicurezza

A seguito degli eventi della frana nell’invaso del Vajont del 1963 e del crollo delle dighe minerarie di Stava nel 1985, sono state istituite autorità pubbliche in tutta Italia per il monitoraggio di tali opere. Una diga è soggetta a regole dettagliate per garantire la sicurezza in fase di progettazione, in fase d’esecuzione e in quella di esercizio, sottolinea Jürgen Schäfer.

Il monitoraggio delle dighe di competenza provinciale e statale viene effettuato, di norma, una o due volte l’anno durante la fase operativa da un tecnico esterno accompagnato da un tecnico dell’Ufficio per l’Idrologia e le Dighe presso i bacini di competenza provinciale e da un tecnico della Direzione Generale dello Stato per le dighe di competenza dello Stato.

L’intero sistema viene ispezionato insieme all’operatore e al responsabile delle operazioni e viene quindi verificato se sono visibili irregolarità o si sono verificati altri eventi insoliti. Nella sala operativa viene analizzato se tutti i dispositivi di chiusura sono funzionanti. Inoltre vengono controllati tutti i dispositivi di monitoraggio, come il sistema di controllo del drenaggio, il flussimetro, il misuratore di livello dell’acqua (piezometro), l’inclinometro e i punti fissi della rete per la determinazione degli spostamenti della diga e delle aree adiacenti. La maggior parte delle dighe dispone anche di un sistema di monitoraggio remoto che consente la lettura a distanza dei dati e, se necessario, l’inoltro di allarmi e l’apertura o la chiusura a distanza delle paratie.

Importanza della gestione dell’acqua nel riscaldamento globale

A causa del cambiamento climatico le precipitazioni stanno diventando più rare e più intense. Questo, come sottolineano il direttore Dinale e il suo vice Schäfer, significherà che nella zona delle dighe, soprattutto in ambito agricolo e turistico, si dovranno realizzare dei bacini per garantire il raccolto agricolo e l’innevamento artificiale delle piste. Potrebbe anche essere necessario costruire più serbatoi di acqua potabile per raccogliere le acque superficiali e sorgive. Con il riscaldamento globale, l’approvvigionamento idrico nelle estati calde e la garanzia di protezione dalle inondazioni in caso di forti precipitazioni, stanno diventando sempre più importanti nella gestione dell’acqua e quindi anche delle dighe.

 

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Italia ed estero19 ore fa

Italia divisa in 2 per tragico incidente sull’A1 tra Valdarno e Incisa: due anziani perdono la vita

Eventi19 ore fa

Giornata internazionale dei forti, al Forte di Fortezza

Sport19 ore fa

Freccette: alla Fiera Bolzano si sono laureati i campioni d’Italia a squadre

Oltradige e Bassa Atesina20 ore fa

Minaccia autista S.A.S.A., deferito in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria dai Carabinieri.

Alto Adige20 ore fa

Nuove regole per gli autovelox anche in Alto Adige: arriva la stretta del governo

Alto Adige20 ore fa

Proseguono i lavori per riaprire il passo Rombo e il passo dello Stelvio da oltre 5 metri di neve

Bolzano21 ore fa

Scippata una signora anziana. Passante blocca il ladro e chiama la polizia

Bressanone21 ore fa

A Bressanone è stato arrestato un latitante, ubriaco, per aver aggredito la capotreno

Bolzano21 ore fa

Tre clandestini hanno portato scompiglio sugli autobus della S.A.S.A. Saranno espulsi dall’Italia

Bressanone1 giorno fa

Rinvenute parecchie armi nel Bar “Cafè da Nick” a Bressanone. Il questore lo fa chiudere

Alto Adige2 giorni fa

L’adozione di biotopi in Alto Adige ha premiato con la Bandiera Verde

Alto Adige2 giorni fa

Code sulla MeBo e a Bolzano. Traffico impegnativo nella mattinata

Alto Adige2 giorni fa

Susanne Schenk è la nuova Diversity Manager di Volksbank

Alto Adige2 giorni fa

Alta onorificenza conferita al Presidente Gerhard Brandstätter

Alto Adige2 giorni fa

Sparkasse si conferma “Leader della sostenibilità”

Oltradige e Bassa Atesina3 settimane fa

Crea caos sull’autobus e poi al Pronto Soccorso, dove sferra una testata al vigilantes. Arrestato dai Carabinieri

Sport3 settimane fa

Podio alla prima stagionale per Manuela Gostner nel Ferrari Challenge Europe

Eventi3 settimane fa

Promosso a pieni voti l’inverno: Movimënt si prepara a un’estate di novità

Eventi3 settimane fa

Decimo anniversario della campagna di sensibilizzazione MutterNacht 2024. Sabato 11 maggio la giornata d’azione

Bolzano3 settimane fa

Aggressione a un medico al pronto soccorso: nigeriano con precedenti penali denunciato

Trentino3 settimane fa

La sfida lanciata dal modello cooperativo all’industria discografica. Se ne parla al Festival dell’Economia di Trento

Oltradige e Bassa Atesina4 settimane fa

Crede di trovarsi di fronte ad un’occasione imperdibile, ma è tutta una truffa

Consigliati4 settimane fa

Scommesse sportive con deposito minimo basso

Alto Adige6 giorni fa

È nato l’Osservatorio Economico UIL-SGK per l’Alto Adige: una nuova risorsa per il monitoraggio del mercato del lavoro

Arte e Cultura1 settimana fa

Tirolo: un paese diventato località turistica. Se ne parla in un libro

Alto Adige3 settimane fa

Giustizia riparativa: Kofler: «uno strumento efficace per la nostra comunità»

Alto Adige1 settimana fa

Due “pendolari” dello spaccio arrestati al Brennero e riportati subito in Austria

Trentino3 settimane fa

Incidente mortale a passo Vezzena: motociclista 70enne perde la vita

Bolzano3 settimane fa

Straniero irregolare sorpreso a Bolzano, intervento dei Carabinieri in supporto agli uomini di “Strade Sicure”

Benessere e Salute4 settimane fa

AstraZeneca ritira il vaccino Vaxzevria dall’UE: può causare la sindrome da trombosi con trombocitopenia (TTS) oltre a non essere più richiesto

Archivi

Categorie

più letti