Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Arte e Cultura

Mostra “C’era una volta… Bolzano” dal 1° luglio a Castel Mareccio

Pubblicato

-

Foto maretsch.info
Condividi questo articolo




Pubblicità

Nella torre di Castel MareccioBolzano raccontata attraverso le cartoline dal 1° luglio 2021. Attraverso una ricca collezione di cartoline, acquistata dalla Fondazione Castelli, possiamo ripercorrere la storia della città di Bolzano e la vita di un tempo.

Dalla nascita della cartolina alla collezione Gaetano Sessa

La nascita della cartolina risale al 1865 e si deve a un funzionario delle poste tedesche il quale ritenne che il progresso dei mezzi di comunicazione necessitasse di semplicità e brevità che la lettera non poteva offrire. La prima cartolina venne spedita in Austria nel 1869 e, fino all’era di sms e social, fu testimonianza di piccoli e grandi viaggi: poche righe per raccontare una vacanza, un luogo, qualche aneddoto.

Bolzano e il turismo

Nel corso dell’800 a Bolzano ebbe inizio il turismo in senso moderno: vennero quindi create bellissime passeggiate e diverse strutture al servizio degli ospiti. Intorno al 1913 in città ve ne erano addirittura un centinaio! Non solo, ma all’inizio del secolo scorso Bolzano si pose all’avanguardia anche nella valorizzazione turistica dei dintorni attraverso l’inaugurazione di numerose funivie, funicolari e ferrovie a cremagliera. Quella del Colle fu ad esempio la prima abilitata al trasporto di persone e azionata elettricamente. Oggi molti degli hotel non esistono più, purtroppo abbattuti tra gli anni ’60 e ’70. Altri hanno cambiato la propria funzione. Allo stesso modo sono stati soppressi diversi dei mezzi di trasporto che portavano gli escursionisti nei dintorni della città.

Bolzano durante l’ultima guerra

Bolzano ha cambiato il proprio aspetto in particolare durante l’epoca fascista: nel 1925 il comune di Gries è stato annesso alla città e un decennio più tardi è iniziata la realizzazione di nuovi quartieri in seguito all’apertura della zona industriale. I bombardamenti degli anni quaranta hanno inoltre danneggiato il centro storico con le sue chiese e monasteri di epoca medievale. Alcune di queste sono andate distrutte come S. Nicolò presso il Duomo, o la Chiesa di S. Osvaldo, con la quale sono andati persi anche alcuni affreschi di scuola bolzanina.

La torre di Castel Mareccio

Dalla torre di Castel Mareccio è possibile avere una visione a 360° della città e dei suoi quartieri. Spostando lo sguardo dalle cartoline esposte al panorama circostante il visitatore potrà quindi osservare lo sviluppo della città e i suoi mutamenti nel tempo.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Bolzano2 settimane fa

Fisioterapista aggredita a Bolzano con una coltellata alla gola

Italia ed estero2 settimane fa

Orrore per una tragedia familiare: uomo uccide moglie e due figli

Trentino4 settimane fa

Frana SS47 in Valsugana, riapertura in vista: si punta a marzo per il senso unico alternato

Alto Adige3 settimane fa

Corte d’appello di Venezia ammette definitivamente class action contro Banca Popolare dell’Alto Adige (Volksbank): le scadenze

Economia e Finanza4 settimane fa

L’AGCM interviene sul trasferimento di clienti da Intesa Sanpaolo a Isybank

Merano3 settimane fa

Straniero dà in escandescenza: guardia giurata aggredita a bottigliate finisce in ospedale

Trentino4 settimane fa

Orso insegue due ragazzi in Val di Sole

Bolzano4 settimane fa

Arrestato a Bolzano latitante per reati familiari e droga dopo sei anni di fuga

Politica4 settimane fa

La nuova giunta provinciale dell’Alto Adige è stata eletta dal consiglio provinciale

Laives4 settimane fa

A Laives i cittadini sono esasperati dalla situazione rifiuti

Società2 settimane fa

Edilizia abitativa agevolata: approvato il nuovo programma di interventi

Politica3 settimane fa

Arno Kompatscher esclude il doppio ruolo di presidente e segretario della Svp

Laives2 settimane fa

Incidente stradale a San Giacomo: ciclista 60enne ferito gravemente

Sport4 settimane fa

Sesto Pusteria in festa per il trionfo di Jannik Sinner nel suo primo Slam

Politica3 settimane fa

Philipp Achammer lascia la guida della Svp dopo dieci anni

Archivi

Categorie

più letti