Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Alto Adige

Sicurezza sulle piste: Carabinieri a scuola dal giudice

Pubblicato

-

Condividi questo articolo




Pubblicità


Con oltre quattromila interventi di soccorso, quasi seimila persone controllate e trecento denunce e sanzioni nella precedente stagione sciistica i Carabinieri sono la forza di polizia più impegnata sulle piste dell’Alto Adige, con una presenza che si estende a 27 comprensori sciistici.

Gli scenari che si presentano agli operatori comportano quasi sempre lo svolgimento di attività di polizia di sicurezza e di polizia giudiziaria e ogni intervento richiede la precisa ricostruzione dei fatti. Il “Circo Bianco” è infatti un settore in continua evoluzione che non è fatto solo di singoli sciatori, ma è una comunità di persone, infrastrutture, impianti, enti, esercizi pubblici, scuole sci, che come tutti gli aspetti della società deve essere regolato.

Le attività svolte nei comprensori sciistici, sono perfettamente speculari a quanto può avvenire a fondovalle, nelle città e sulle strade. In inverno, qui da noi, le persone – e con loro anche gli incidenti e i reati – si spostano in quota e la nostra capacità di intervento deve essere adeguata in termini di competenze e tempi di risposta”, ha affermato il Colonnello Raffaele Rivola, Comandante Provinciale dei Carabinieri.

In vista dell’apertura della stagione invernale i Carabinieri dell’Alto Adige sono “tornati sui banchiad aggiornarsi sulla normativa di settore, con un insegnante di altissimo profilo: il Dottor Carlo Busato, Giudice presso il Tribunale di Bolzano.

Nel corso di un workshop organizzato dall’Arma provinciale, il magistrato, esperto sciatore con esperienze agonistiche, ha guidato i militari nel complesso panorama normativo e giurisprudenziale che si applica al mondo degli sport invernali e delle imprese di settore. Grande protagonista di quest’anno è la Legge provinciale dell’Alto Adige 18 luglio 2023, n. 15 sull’ “Ordinamento delle aree sciabili attrezzate”, che si collega alla normativa nazionale di settore del 2021 introducendo innovazioni significative, per quanto riguarda le responsabilità dei gestori di piste e impianti e, soprattutto, per quanto concerne il comportamento degli utenti delle aree sciabili attrezzate.

Dalla segnaletica ordinaria e compensativa al consumo di alcolici e stupefacenti, passando per le limitazioni all’uso delle motoslitte per i gestori dei rifugi, i Carabinieri hanno potuto studiare tutti gli aspetti di rilievo, con case studies basati su situazioni già verificatesi e finite davanti al giudice penale e civile. Sono impressi nella memoria di tutti i diversi incidenti, anche mortali, accaduti negli ultimi anni in Alto Adige, dove le responsabilità di gestori, maestri di sci e utenti sono state al vaglio dell’autorità giudiziaria. L’Arma ha condotto le indagini nella gran parte di questi casi.

L’attività svolta dai Carabinieri e più in generale dalle forze dell’ordine nei comprensori sciistici è insostituibile e preziosissima. La funzione di vigilanza e prevenzione, così come quella investigativa con la corretta procedura nella raccolta delle fonti di prova, è determinante per la definizione delle responsabilità civili, amministrative e penali”, ha sottolineato il Dott. Busato, che ha anche condotto un workshop pratico con i militari sulle piste, per osservare congiuntamente “sul campo” gli apprestamenti di sicurezza e fornire consigli operativi.

Il Colonnello Rivola, da parte sua, ha evidenziato chel’elevato livello di preparazione raggiunto dai nostri operatori – che oltre ai servizi sulle piste continuano ad assicurare le consuete attività di polizia presso le Stazioni dei Carabinieri – ci è riconosciuto da tantissimi utenti della montagna e forze di polizia straniere, che invidiano il nostro modello. Ciò è possibile solo grazie allo straordinario rapporto di collaborazione con la magistratura”, ringraziando la disponibilità del giudice Busato.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

NEWSLETTER

Trentino54 minuti fa

Orsi: approvato il DDL, potranno essere abbattuti fino a otto esemplari l’anno.

Alto Adige4 ore fa

Giovane sciatore 16enne perde la vita in una valanga a Plan in val Passiria

Trentino9 ore fa

Scontri alla protesta Stop Casteller: tensioni in Consiglio provinciale

Bolzano10 ore fa

Due arresti per rapina e aggressione: stranieri in possesso di droga saranno espulsi

Bolzano10 ore fa

Bolzano: sette espulsioni di stranieri e altre operazioni di contrasto alla criminalità

Politica12 ore fa

Arno Kompatscher pronto a guidare la Südtiroler Volkspartei in un momento critico

Alto Adige15 ore fa

Nuova perizia del sonno richiesta per il pizzaiolo accusato di omicidio

Bolzano15 ore fa

Furti seriali nei garage di via Alessandria, svaligiate le cantine delle palazzine Ipes

Val Pusteria15 ore fa

Ambientalisti si oppongono al progetto della nuova rotatoria a Valdaora-Anterselva

Trentino16 ore fa

Dibattito acceso a Trento sul destino degli orsi: la proposta di legge che fa discutere

Consigliati20 ore fa

Cosa mettere nel beautycase di Primavera? Tutti i consigli per una pelle idratata e glow, pronta per l’arrivo della nuova stagione!

Sport1 giorno fa

Il Bolzano conquista la prima vittoria nei quarti di finale superando il VSV per 5 a 2

Alto Adige1 giorno fa

Polizia di Stato e Corpo Forestale insieme per la sicurezza sulle piste di sci

Trentino1 giorno fa

Nuovi gravissimi insulti agli abitanti del Trentino dall’estremismo animalista

Italia ed estero1 giorno fa

Chico Forti in Italia: attesa potrebbe durare ancora settimane o più di due mesi

Archivi

Categorie

più letti