Connect with us

Bolzano

Straniero colto da raptus colpisce auto e passanti con una mazza in zona industriale

Pubblicato

-

Fino ad oggi queste scene eravamo abituati a vederle in altre città italiane, magari riportate dai telegiornali nazionali.

Ora sono arrivate anche nella nostra regione.

Questa mattina (27 gennaio) nella zona industriale  di Bolzano all’altezza dell’AutoSityun 34 enne del Togo che lavora nel centro profughi ex Alimarket è completamente impazzito.

Pubblicità
Pubblicità

L’uomo completamente nudo e munito di una mazza da baseball ha colpito le auto parcheggiate danneggiando anche alcune macchine di passaggio e causando danni per migliaia di euro.

Il richiedente asilo ha rotto anche alcune vetrate di negozi.  I danni causati sono molto gravi.

Preso probabilmente da un raptus, il giovane avrebbe tentato anche di aggredire anche alcuni passanti sfuggiti per miracolo alla sua mazza.

Sul posto sono arrivati la Polizia municipale, i carabinieri e la Croce Rossa.

Dopo un lungo inseguimento, le forze dell’Ordine, con grosse difficoltà rischiando più volte la propria incolumità, sono riuscite a bloccare lo straniero.

«Un richiedente asilo di 34 anni del Togo, che lavora al centro profughi ex Alimarket a Bolzano, nudo e brandendo un bastone è impazzito mettendo a rischio la vita di passanti e forze dell’ordine. Tutto questo a Bolzano, nel 2019… Aspettiamo gli oppositori del #DecretoSalvini…»Queste le parole dell’assessore e segretario della Lega di Trento Mirko Bisesti

++PAURA IN ZONA INDUSTRIALE++Paura questa mattina in zona Industriale all’altezza dell’AutoCity quando un richiedente asilo di 25 anni completamente nudo munito di una spranga ha colpito le auto parcheggiate e di passaggio e tentando di colpire i pedoni. Sul posto sono intervenuti la Polizia municipale, i Carabinieri, Polizia e Croce Rossa che dopo un lungo inseguimento lo hanno bloccato e condotto nel carcere di via Dante.Migliaia di euro di danni arrecate alle auto e due agenti feriti.Immagini della Max Maglione Marketing & Communication

Gepostet von Max Maglione "Marketing & Communication" am Samstag, 26. Januar 2019

 

Pubblicità
Pubblicità

Bolzano

Macchina spaccata, borsa rubata e molto rammarico: l’appello su Facebook di Pamela

Pubblicato

-

Un finestrino della macchina in frantumi e una borsa, nascosta sotto il sedile dell’auto, asportata e divelta in zona industriale a Bolzano.

Denuncia e blocco delle carte sono state fatte immediatamente, ma il rammarico della signora Pamela Cristina Perez nel non potere ritrovare il portafoglio che conteneva i propri documenti è grande.

Scrive la signora Perez, con un appello accorato a chiunque possa aver avvistato l’oggetto:

Pubblicità
Pubblicità

Ieri sera (22 agosto ndr) tra le 21.30 e le 23.30 mi è stata rubata la borsa nascosta sotto al sedile anteriore della macchina, rompendo il finestrino in via Marco Polo davanti alla Fiera.

Poche cose le ho trovate gettate per tutto il tragitto tranne il portafoglio (grigio chiaro rettangolare) contenente tutti i documenti importanti.

Cerco aiuto: se magari qualcuno passando da quelle parti lo notasse me lo facesse sapere”.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Bolzano

Nuova fontana in piazza Walther?

Pubblicato

-

Non è una nuova fontana congegnata per rinfrescare i turisti dall’afa di un fine settimana di agosto a Bolzano ma un “piccolo” errore di scavo dovuto ai lavori del super cantiere per il restyling della città.

Durante l’esecuzione dei lavori infatti, la rottura di una tubatura ha scatenato uno splendido effetto “Niagara”.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Bolzano

Persona in acqua nel fiume Isarco, in azione vigili del fuoco e Pelikan ma era un falso allarme

Pubblicato

-

Una squadra di vigili del fuoco di Bolzano era in azione da meno di un’ora a Bolzano per la ricerca di una persona che sembrava essere finita nelle acque del fiume Isarco.

L’attività era partita da ponte Loreto e sul posto si era portato anche l’elicottero di soccorso Pelikan per il monitoraggio della zona.

Fortunatamente la segnalazione si è rivelata poco attendibile e quindi si è trattato di un falso allarme.

Pubblicità
Pubblicità

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza