Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Politica

Test rapidi per il Coronavirus, Lavorgna: “Un sistema inaffidabile se usato da solo”

Pubblicato

-

Pubblicità


Pubblicità

Entro uno-due giorni saranno disponibili 15 mila test rapidi da somministrare in prima battuta agli operatori sanitari.

Si tratta di test sierologici con i quali si ricercano nel sangue anticorpi IgM e IgG contro il SARS-COV-2. Questi anticorpi compaiono circa 7-15 giorni dopo l’avvenuta infezione, anche se in letteratura esistono dati contrastanti.

Il test può essere usato per identificare soggetti guariti, paucisintomatici (con sintomi lievi) o asintomatici che altrimenti sfuggirebbero all’attenzione delle autorità sanitarie. Per quanto riguarda gli individui guariti, ad oggi non si sa se e per quanto conservino una memoria immunitaria.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Il test rapido, a causa della minore affidabilità e della mancata validazione – afferma Valerio Lavorgna, medico e Consigliere di Circoscrizione Gries-San Quirino – non può essere usato per fare diagnosi sul singolo individuo e non può essere lo strumento, o quantomeno l’unico strumento, al quale affidarsi per riprogrammare la riapertura delle attività lavorative.

Le attività lavorative dovranno riaprire solo dopo aver introdotto delle misure di prevenzione igienico sanitarie efficaci. Ma questo è un altro argomento. Tornando ai test, il gold standard (standard di riferimento) rimane il test molecolare con metodo REAL TIME PCR su campione prelevato tramite tampone oro- e nasofaringeo, cioè quello attualmente in uso, dotato di maggiore specificità e sensibilità”.

Continua il consigliere: “È su questo test che si dovrebbero concentrare tutte le risorse disponibili. Ho notizie di ritardi nella comunicazione degli esiti e di difficoltà nella gestione degli appuntamenti. Tutto ciò ha delle conseguenze sulla ricerca dei contatti a rischio.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Posso solo fare delle ipotesi su quali siano le criticità: l’elevato numero di tamponi, la mancanza di personale e strutture sottodimensionate rispetto alle esigenze straordinarie di questo periodo probabilmente stanno rivestendo un ruolo determinante.

Per questo motivo ritengo che una scelta saggia da parte della Giunta Provinciale sia quella di potenziare l’attuale sistema, saturo e in difficoltà, tralasciando soluzioni alternative utili per le indagini epidemiologiche, ma meno affidabili per l’individuazione degli infetti e il contenimento dei contagi”.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

NEWSLETTER

Vita & Famiglia4 settimane fa

Peppa Pig. Pro Vita Famiglia: RAI non trasmetta episodio con “due mamme”

Bolzano3 settimane fa

Giorgia Meloni sabato pomeriggio a Bolzano

Italia ed estero3 settimane fa

Morta la regina Elisabetta, aveva 96 anni. Fine del regno più lungo della storia

Bolzano4 settimane fa

Benno Neumair in aula: tanta arroganza e poca chiarezza

Alto Adige4 settimane fa

Sanità: formati dodici nuovi medici di medicina generale

Merano4 settimane fa

Il Vice Questore aggiunto Carlo Casaburi è il nuovo dirigente del Commissariato di P.S. di Merano

Bolzano4 settimane fa

Bolzano, arrestato dalla Squadra Mobile un rapinatore seriale

Laives3 settimane fa

Tragico scontro auto – moto che prendono fuoco, due morti

Val Pusteria4 settimane fa

Incidente in moto nel tardo pomeriggio di ieri sulla strada tra Brunico e Falzes

Bolzano5 giorni fa

Bolzano, pessime condizioni igienico sanitarie e presenza di stupefacenti: disposta la chiusura del “Bar Ristoro Baccio” in via Milano

Bolzano4 settimane fa

Furto del monopattino elettrico, subito individuati dalla Polizia di Stato ladro e ricettatore

Bolzano4 settimane fa

Minacce di morte in una lettera anche ad Alessandro Urzì e Alessia Ambrosi

Merano4 settimane fa

L’ex magistrato Gherardo Colombo e il collettivo Guerrilla Spam protagonisti del secondo appuntamento di Generazioni 2022

Bolzano3 settimane fa

Buoni pasto COVID-19 indebitamente percepiti: i Carabinieri sanzionano più di 300 persone

Alto Adige4 settimane fa

Comunità energetiche, forma innovativa di cooperazione

Archivi

Categorie

di tendenza